il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 87 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1790269
    Calabria - Monte Caramolo dal Piano di Novacco
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
sabato 13 ottobre 2018

Monte Caramolo dal Piano di Novacco

La giornata promette bel tempo e quindi non c'è esitazione: oggi si va in alto, su una cima del Parco del Pollino alla bella altezza di 1827 metri: il monte Caramolo.
Da Orsomarso con percorso a dir poco tortuoso riusciamo a raggiungere il piano di Novacco. Si tratta di uno splendido pianoro a prato, all'altezza di 1300 metri, circondato da dense e bellissime faggete. La pista sterrata con cui siamo arrivati continua oltre, ma lasciamo l'auto presso il cartello che indica la direzione da prendere (m 1311). Il segnavia CAI è il 631. I tempi di percorrenza riportati indicano per la nostra cima 4 ore e 10. Considerato il dislivello, i tempi ci stupiscono un po': ma tant'è, staremo a vedere...
La pista entra subito in un bellissimo bosco di faggio dai colori che stanno cambiando con l'arrivo dell'autunno, soprattutto a questa quota. Il primo tratto del percorso presenta la pendenza di strada carrozzabile e avanza con alcune anse nella faggeta pura illuminata dai raggi del sole che filtrano tra i rami. Nel sottobosco crescono numerosi i ciclamini. Risalite alcune svolte, ad un tornante abbandoniamo la sterrata per prendere a sinistra (cartello CAI). Ci troviamo a 1390 metri, in località Bruscata. Più che un sentiero, questo che sale alla Fonte Scifarello è una strada sterrata che prende quota decisamente e risulta essere estremamente rovinata dal ruscellamento in modo tale da impegnare anche chi sale a piedi.
01-La Fonte Scifarello01-La Fonte Scifarello
02-Sul margine di Piano Scifarello 02-Sul margine di Piano Scifarello
Restando al limitare della faggeta, raggiungiamo così la Fonte. La schiarita mostra alcuni manufatti in cemento e una vasca con acqua corrente. La pista prosegue ancora per poco prima di uscire dalla faggeta e darci la possibilità, al punto più alto, di avere un bel colpo d'occhio, all'indietro, sul piano di Novacco e il bestiame al pascolo.
Dalla parte opposta, invece, l'affaccio è sulle verdi ondulazioni di Piano Scifarello, pascolato anch'esso. Il piano è dominato dalla foresta della Serra di Novacco. La pista continua con segnavia CAI recenti. Ci si tiene sul bordo del grande ripiano per contornarlo, fino a compiere una ansa verso destra in corrispondenza di due grandi e maestosi faggi che segnano il rientro nel bosco.
03-I colori dellla faggeta autunnale03-I colori dellla faggeta autunnale
04-La faggeta che conduce al Piano di Caramolo04-La faggeta che conduce al Piano di Caramolo
Oggi qualcuno ha raggiunto la località in auto e sta cercando funghi senza camminare troppo. Arriviamo di nuovo all’aperto, sul limite superiore del successivo tavolato: il Piano di Caramolo.
Aggiriamo in alto la conca e passiamo accanto a una costruzione a due piani in cemento. Al piano terra i due vani sono chiusi; una scala metallica a chiocciola porta al sottotetto dove ci sono due stanze al grezzo. Continuiamo sul bordo della conca che ospita in basso una pozza di alpeggio. Una volta esaurito l’aggiramento, lasciamo la pista per imboccare il sentiero che sale sulla sinistra (segnavia). Prendiamo quota con svolte regolari tra la vegetazione arborea, riuscendo dal bosco solo negli ultimi metri, proprio sotto alcuni roccioni mescolati a zolle di prato.
05-Un bell'esemplare di faggio lungo la salita al monte Caramolo05-Un bell'esemplare di faggio lungo la salita al monte Caramolo
06-Balze rocciose presso la vetta del monte Caramolo06-Balze rocciose presso la vetta del monte Caramolo
Ci troviamo oggi immersi nell’ambiente caratteristico dei monti del Pollino: piani verdi circondati da belle faggete dalle quali emerge la cima carsica dalla visuale aperta. Raggiungiamo presto la vetta del monte Caramolo. I 1827 metri di quota ci regalano un grande panorama tutto attorno. Ci abbiamo impiegato due ore e mezza, a dispetto di quanto segnato alla partenza. Abbiamo capito ormai come rapportarci alle misurazioni orarie del luogo.
Poco sotto la cima, disturba non poco la presenza di un grande ripetitore, abbandonato e arrugginito. Il colore, ma solo quello, ricorda quello dei faggi lasciati più sotto... Il libro di vetta e il suo contenitore sono stati posti nel 2012. Sulla prima pagina viene esposto il documento di autorizzazione del Parco del Pollino all’apposizione su roccia del piccolo cofanetto in metallo atto a contenere il volumetto.
Di metallo entrambi: il gigante e il nano...
07-Le faggete in abito autunnale che cingono il Piano di Caramolo07-Le faggete in abito autunnale che cingono il Piano di Caramolo
08-Mucca al pascolo sul Piano di Novacco08-Mucca al pascolo sul Piano di Novacco
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva