il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 108 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
Punti di interesse

Monte Nabois Grande

Il monte Nabois Grande è un massiccio montuoso che si trova a nord di sella Nabois, nel gruppo dello Jof Fuart.
CimaVisualizza Cima
Quota
2313
Commenti
  • 12/09/2018 Era da tempo che avevo in progetto di salire questa magnifica cima specie perchè ero transitato più volte per la sella, ma mai in tali occasioni mi ero "dirottato" sul canale che porta in su. Oggi 12/09/18 lì ho puntato e lì son andato. Devo dire che, a mio parere, è una delle più belle mète che io ricordi. Certo, i vari Jôf Fuart o di Montasio oppure il Coglians, per citare i "grandi", si avvantaggiano del fattore quota, ma il Nabois Grande offre tanto a partire dai panorami: Le Giulie slovene sono una favola, Tauri Caravanche e le ns. Carniche: tutto da osservare. E poi, chi ha mai visto una nord del Jôf Fuart incredibilmente dettagliata nella sua complicata morfologia come dal Nabois? E la Cengia degli Dei? Senza contare gran parte della catena che dalla Cresta dei Draghi va fino al Modeon. A proposito, circa 200mt sotto la verticale che porta alla cima del Foronon si nota la chiara macchia ove devo immaginare si sia staccata la frana di pochi giorni fa. Circa il percorso nel tratt ...
  • 28/07/2018 Risalito oggi, a distanza di anni, il Nabois Grande. Salita per il sentiero dei tedeschi (o Gasparini-Florit) e discesa per la normale. Niente da aggiungere a quanto già espresso nel commento di chi mi ha preceduto. Un percorso che merita, soprattutto in giornate bellissime come quella di oggi.
  • 13/07/2018 Escursione effettuata ieri 12/07/18 con mio figlio Massimiliano percorrendo in salita integralmente la cresta est attraverso il recente sentiero alpinistico attrezzato "Gasparini-Florit" e scendendo per la via normale. Il sentiero è veramente spettacolare attrezzato e segnalato in maniera egregia. Noi non abbiamo utilizzato il kit di autoassicurazione (solo guanti e caschetto), ma consiglio di portarlo al seguito in caso dovesse servire o per escursionisti non tanto pratici di questo tipo di sentieri alpinistici. C'è qualche passaggio esposto e se il terreno è un pò bagnato bisogna essere prudenti. Tutto il giro nel complesso è di grande soddisfazione.
  • 01/07/2018 Nabois Grande da Valbruna passando per il rifugio Pellarini e sella Nabois.Partito con il maltempo e visibilità scarsa ho preferito salire con la normale e non con il sentiero Gasparini Florit come inizialmente mi ero proposto.Poco prima di arrivare in vetta le nubi si sono diradate offrendomi un panorama mozzafiato.Disceso poi alla sella popolata da numerosi stambecchi.Buone montagne a tutti.
  • 27/08/2017 Escursione del 21 agosto 2017. Raggiunto il Nabois Grande dalla Val Saisera, Rifugio Pellarini e Sella Nabois e ridiscesi per la stessa via. Da Sella Nabois (anzi, un po’ prima della Sella), un comodo sentierino di guerra – a tratti umido – conduce senza problemi fino poco sotto alla cima, dove però iniziano le attrezzature e qualche difficoltà. In particolare, a una ventina di metri dalla vetta e subito dopo un piccolo intaglio, c’è da superare un salto non facilissimo sospeso su uno stretto crepaccio. La prudenza ha avuto la meglio e ho indossato l’imbrago, che è stato utile anche per passare in sicurezza un successivo traverso su rocce abbastanza lisce ed inclinate. C’è da dire, però, che tutte le altre persone incontrate in vetta sono salite disinvoltamente e tranquillamente senza attrezzatura … La fatica è stata ripagata dall’ampio panorama, particolarmente spettacolare verso le cenge del vicinissimo Jof Fuart e verso la catena del Montasio, che da qui si può ammirare per buona ...
  • 04/09/2016 03-09-2016 Salita al Nabois Grande per il nuovo sentiero alpinistico "Gasparini-Florit" che sfrutta la cresta E. Sentiero ben segnalato e attrezzato nei punti più esposti e delicati. Discesa per la normale alla Sella Nabois.
  • 09/10/2015 Saliti oggi in una fantasmagoria di colori autunnali e frotte di placidi camosci incuranti di noi che, zitti zitti, li osservavamo. Il tratto attrezzato sotto la cima è ben sicuro, io ho usato l'imbrago in discesa. A dispetto delle non ottime condizioni meteo il tempo ha tenuto e ci ha regalato anche bei panorami
  • 30/08/2015 Dopo la salita allo Svinjak,(il Cervino di Bovec)di ieri,è toccato al G.Nabois amplificare questa splendida esc.... con partenza dalla V. Saisera, con sosta(ristoratrice)al Rif. Pellarini poi sù verso Sella Nabois, con il sole che cominciava a "picchiare"ma non rallentava la salita verso i prati superiori....poi con infiniti tornantini, al sicuro tratto attrezzato,fatto con la dovuta attenzione(senza imbrago)poi la vista della meravigliosa croce. Dalla cima, in una giornata così...l'infinito era alla portata di mano ...BELLO,non ci sono parole. Mandi
  • 06/07/2015 In vetta al Nabois Grande, partendo dal parcheggio in val Saisera quota 875 m. Confermando quanto ha Mauro, con la differenza che ho utilizzato il kit di sicurezza completo. Buone montagne
  • 28/07/2013 Questa volta rincorro io, senza volerlo, MauroGo. Dopo una serata di libagioni, la sveglia s’impone. Il progetto di ritornare per il Chersi si sgretola a causa di dolorose fitte sotto il ginocchio. Ma non si molla, il Nabois è da ieri che ci guarda storto. Il rifugio è un brulicare, partiam con l’aria che brucia e secca il fiato già di mattina. Gli sparuti larici verso la sella son talmente contorti che sembran voler scappare per raggiungere i fratelli riuniti più in basso. Alla sella ombra e frescura, ma non solo.. Incontro un montanaro della mia zona, non ci conosciamo ma gli sguardi si tramuteranno in parole sulla cima e in una cascata di riflessioni al ritorno al rifugio. Poi giungono due corridori di monte, li riconosco, li avevo intravisti a inizio stagione, e le loro ginocchia ricevettero sguardi intensi di innocua invidia mentre s’involavano dalla Cima Bella al Cocco. Quanto ama giocar la vita! Uno sfiorarsi casuale che riempie il cuore con poche parole e lascia presagire futu ...
  • 28/07/2013 Sono salito ieri sulla cima del Nabois Grande, partendo dal parcheggio in Val Saisera e passando per il rifugio Pellarini. Vista anche la giornata caldissima e afosa, la fatica dei 1400 metri di dislivello l'ho sentita tutta ma la vista grandiosa sulle pareti nord del Jof Fuart e del Montasio ripagano di tutto. Il canale che si stacca sulla destra, un po' sotto Sella Nabois, e porta al prato superiore, presenta all'inizio un tratto di arrampicata facile e divertente e anche il breve tratto finale attrezzato, proprio sotto la cima, è in ottime condizioni e relativamente facile, piuttosto esposto però (io non ho usato autoassicurazione, neanche il casco, solo guanti da ferrata). Contrariamente alle aspettative, non ho visto stambecchi, in compenso però, lungo il sentiero un po' sotto la cima, ho visto le prime stelle alpine di quest'anno. Mauro.
  • Invia un commento
Le vostre foto
  • Fine della cresta est con la parte finale del Nabois in vist ...
    13/07/2018 Fine della cresta est con la parte finale del Nabois in vist ...
  • Percorso di cresta
    13/07/2018 Percorso di cresta
  • Targa e libro della via
    13/07/2018 Targa e libro della via
  • Spettacolare veduta dal sentiero alpinistico
    13/07/2018 Spettacolare veduta dal sentiero alpinistico
  • Stambecchi a sella Nabois
    01/07/2018 Stambecchi a sella Nabois
  • Invia una foto
Mappa
Escursioni in zona
Altri punti in zona
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva