il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 93 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_1179
    Anello dei ghiaioni da Grauzaria
    Alpi Carniche
  • IMG_1233
    Anello dei ghiaioni da Grauzaria
    Alpi Carniche
  • IMG_1170
    Anello dei ghiaioni da Grauzaria
    Alpi Carniche
  • IMG_1205
    Anello dei ghiaioni da Grauzaria
    Alpi Carniche
  • IMG_1174
    Anello dei ghiaioni da Grauzaria
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNatura

Anello dei ghiaioni da Grauzaria

Avvicinamento

Dalla statale 13 Pontebbana si prende la deviazione per Moggio attraversando il ponte sul Fella. Dopo avere percorso tutto l'abitato la strada si inoltra verso la val Aupa passando quasi subito sotto il viadotto ferroviario. Si lascia a destra la deviazione per Pradis e si oltrepassano le case di Chiaranda proseguendo poi fino al bivio con la frazione di Grauzaria che si raggiunge risalendo per poco sulla sinistra. Attraversato il piccolo paese, si lascia l'auto in corrispondenza del trivio presso le ultime case (m 525, comodo parcheggio).

Descrizione

Ci si avvia lungo la strada asfaltata per Monticello, seguendo al primo bivio a destra (cartello) la segnaletica azzurra, coincidente nei primi metri con il segnavia CAI 444. Si risale la ripida pista cementata, ma alla prima curva la si abbandona per imboccare, ancora sulla destra, una recente pista di esbosco. La strada sterrata sale con alcune strette anse nella boscaglia e poi inizia a traversare nella rada pineta disseminata di cespugli di erica. Attenzione qui a individuare il punto dove si stacca a sinistra la prosecuzione del nostro itinerario (cartello). In forma di sentiero si sale ora a piccole svolte tra noccioli, pini e faggi che con la quota diventeranno l'essenza principale. La traccia più in alto si fa meno marcata, ma la direzione è resa evidente dai bolli azzurri sempre presenti. Oltrepassata una strettoia presso un macigno; con qualche ulteriore svolta nella faggeta si guadagna la località Zouf (m 925), posta sul margine del grande pendio detritico che scende dal versante orientale della Grauzaria. Prima di proseguire lungo il sentiero che prende a traversare in quota, è consigliabile salire a destra sul vicino cocuzzolo erboso (osservatorio) da dove si apre una visuale più proficua sulle pendici antistanti. Riguadagnato il sentiero, si percorre ancora un lembo di bosco raggiungendo l'orlo di un grande ripiano inclinato. L'ambiente cambia radicalmente passando dal bosco alla vegetazione pioniera delle pendici detritiche dove il mugo si sostituisce ai pini bassi e stentati. Un piacevole traverso in moderata salita ci consente di tagliare interamente il ripiano sulla via indicata da numerosi ometti e dai segnavia blu. Intersecate anche due lingue di ghiaia ci si innesta sul sentiero che sale da Fassoz (possibile scorciatoia), passando a fianco di un piccolo cocuzzolo. Il minuscolo ripiano può essere considerato l'ultimo punto utile per osservare il panorama sulla prima parte della val Aupa ed in particolare sui monti che la chiudono alla sinistra orografica e sui borghi sottostanti.
Con lieve risalita si interseca un ulteriore ghiaione poi il sentiero rientra nella boscaglia affacciandosi ben presto sul vallone del rifugio Grauzaria , in quello che è il punto più alto dell'escursione. Il sentiero, infatti, inizia a perdere quota a larghe svolte tra i mughi(possibili tratti ghiacciati in inverno) aggirando poi un costone oltre il quale ci si ritrova presso i ruderi di malga Flop (m 986). Qui si imbocca a destra il frequentato segnavia CAI 431, scendendo fino all'incontro con la pista sterrata. Qui un cartello indica a destra la prosecuzione del nostro itinerario per stavoli Zardin e Fassoz. Si segue la pista che in realtà finisce all'intersezione con un impluvio rovinato proseguendo poi come sentiero poco marcato. Con un traverso sulla ripida lettiera si raggiunge una costa boscata, stretta e dai fianchi ripidi, lungo la quale si riprende a scendere. Più in basso i bolli azzurri ci conducono a destra nella faggeta via via più inclinata. Dopo l'intersezione con un torrente si rimonta sull'altro versante dove il sentiero, molto più agevole, in pochi minuti porta ai ruderi di Zardin con vasca in cemento. Da qui si imbocca sulla destra la mulattiera per Fassoz (frecce), salendo nella pineta soprastante dapprima in diagonale poi con qualche ripida svolta fino ad intersecare un canalone detritico che si attraversa sui tronchi. Dall'altra parte si lascia a destra il sentiero intermedio di cui si è già detto (indicazioni per il rifugio Grauzaria ritrovandosi sulla pista per Fassoz. La si segue in salita per qualche minuto fino al suo termine presso il piccolo nucleo di case. Il sentiero continua oltre, passando sopra una abitazione risistemata (indicazioni per Grauzaria paese). Il tratto successivo viene percorso in moderato saliscendi, assecondando lungamente una serie di coste boscate a faggio. Dopo essere passati sopra il bordo di un esteso movimento franoso, il sentiero cala definitivamente attraversando un piccolo greto e la successiva radura. File di muretti a secco assieme alla lastricatura del fondo precedono di poco l'arrivo al borgo di Grauzaria da dove, tenendosi sempre a destra, si ritorna esattamente al punto di partenza.

Sulla pagina relativa alla puntata di SentieriNatura su Telefriuli 2013 dedicata al rifugio Grauzaria, Cort dai Gjats e Carnia Bike, è disponibile il video dell'intervento di Lavinia Della Schiava sul percorso descritto.
Escursione
Mese consigliato
Dicembre
Carta Tabacco
018
Dislivello
600
Lunghezza Km
9,2
Altitudine min
532
Altitudine max
1063
Tempi
Dati aggiornati al
2012
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 30/05/2014 “Anello dei ghiaioni”: nome roboante che mi intrigava da un po’ e alla fine fatto il giro. E’ un bel percorso che attraversa ambienti diversi, semplice, ben segnalato con i bolli (piccolini) azzurri, come azzurra è la segnaletica. Per allungare un po’, cosa che han fatto le due comari, conviene salire anche al rifugio Grauzaria così si passa proprio sotto l’occhio impassibile della Sfinge, al rifugio lavori di ripittamento in corso, l’adorabile gatto, curioso proprio come un gatto, è sparito l’estate scorsa forse preda di….I ruderi di casera Flop sono sommersi dall’azzurra fioritura di nontiscordardimé, il bosco è bellissimo, tutto il percorso è bello e ben segnalato, solo un po’ di attenzione dopo Fassoz che i piccoli bollini azzurri diventano sbiaditi e ci sono anche altre tracce, quando si arriva alla zona dei muretti a secco mantenersi sulla traccia di sinistra (bollo seminascosto ma c’è), la lastricatura su terreno bagnato è un trampolino di lancio; piccoli cartelli, anche nel bosco, avvertono delle presenza di zecche e adesso l’erba è parecchio alta
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • i muretti a secco nei pressi di Grauzaria
    30/05/2014 i muretti a secco nei pressi di Grauzaria
  • Fassoz: paese fantasma
    30/05/2014 Fassoz: paese fantasma
  • attraversamento di un nghiaione
    30/05/2014 attraversamento di un nghiaione
  • eccola più da vicino
    30/05/2014 eccola più da vicino
  • attraversamento di un ghiaione
    30/05/2014 attraversamento di un ghiaione
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Paularo Zermula
  • Webcam Creta d'Aip
  • Webcam Madrizze
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva