il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 65 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • DJI_0358
    Stromboli - il respiro del vulcano
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
martedì 10 maggio 2022

Stromboli - il respiro del vulcano

Oggi è arrivato il giorno per l'attesa visita all'isola di Stromboli e al suo vulcano ancora attivo. La traversata in mare da Lipari è discretamente lunga: l'aliscafo impiega quasi due ore per sbarcare al porticciolo di Stromboli. Cominciamo a salire inoltrandoci nel paesino lungo la stradina principale. E' molto stretta e il via vai di persone e mezzi è consistente. Risaliamo così tra una vera e propria folla di turisti stranieri in discesa verso il porto.
01-Il vulcano visto da Stromboli01-Il vulcano visto da Stromboli
Dalla piazzetta davanti alla Chiesa di San Vincenzo prendiamo una stradella cementata che ci porta finalmente sopra le case dove inizia il sentiero per la Sciara del Fuoco. All'antico cimitero abbiamo già assistito, seppur lontani, a una nuvola di fumo scuro del vulcano, che si dissolve in pochi minuti. Il sentiero continua a salire nella macchia profumatissima. Sebbene sia piuttosto alta lascia però parecchi squarci dai quali osservare il paese di Stromboli già distante. Alcuni tornanti sono attrezzati come punti di sosta con panchina, alcuni fortunatamente in ombra. Oggi infatti è una giornata molto calda e le soste ci stanno tutte. Più sopra, presso un tavolo con panca (cartello Regione Sicilia sui divieti della riserva naturale integrale orientata), si ha un bel colpo d'occhio su Strombolicchio. L'isoletta, a un chilometro e mezzo a nord est di Stromboli, disabitata, costituisce il punto più settentrionale della Sicilia e custodisce tra le altre specie, un fiore e la rarissima lucertola delle Eolie.
02-Strombolicchio, riserva naturale protetta02-Strombolicchio, riserva naturale protetta
03-Le pendici del vulcano di Stromboli03-Le pendici del vulcano di Stromboli
Lasciamo a sinistra il bivio col vecchio sentiero, ora interdetto per la sicurezza, e proseguiamo il nostro traverso tra le belle fioriture della macchia. Raggiunto il punto di maggiore elevazione, si divalla leggermente su un tracciato ampio e attrezzato con alcuni gradini in legno che va ad assecondare un solco successivo. Segue la rimonta sul costone dove si trova al lavoro una troupe televisiva, con ombrelloni e generatore. Stanno registrando alcune interviste e ci pregano di passare in silenzio. Inizia un piacevolissimo tratto in quota che si conclude sulla stradella lastricata che sale dal paese, dove si trovano in questo momento alcuni lavoratori con il loro mezzo di trasporto.
04-Lungo il sentiero per la Sciara del Fuoco04-Lungo il sentiero per la Sciara del Fuoco
05-La Sciara del Fuoco05-La Sciara del Fuoco
La pista con qualche tornante protetto da palizzata si alza fino al punto di osservazione del cratere. Siamo a soli 290 metri. Da qui in poi la salita in autonomia è preclusa dopo che l'incidente di qualche anno fa dovuto a una maggiore attività eruttiva. Siamo soli, in vista del grande piano inclinato della Sciara del Fuoco e del cratere più in alto, a circa 900 metri di quota. Circa ogni mezzoretta assistiamo a una eruzione, accompagnata da un sordo boato e a volte da lancio di materiale solido. Il pennacchio nero si dissolve in pochissimi minuti.
06-Eruzione di Stromboli06-Eruzione di Stromboli
Passato il tempo necessario per scendere 900 metri a valle, ecco che vediamo le rocce espulse rotolare sulla Sciara verso il mare. L'ora di partenza dell'aliscafo ci detta come sempre il tempo di sosta. Ridiscesi alla stradella asfaltata la imbocchiamo in discesa, per rientrare in paese con un percorso circolare. Con qualche saliscendi si raggiunge la chiesa di San Bartolomeo e poi il percorso già fatto in mattinata. Dove è finita la massa di turisti? Lungo le stradicciole tranquille e semideserte raggiungiamo il porticciolo e attendiamo l'aliscafo di ritorno a Lipari.
07-La costa settentrionale di Stromboli07-La costa settentrionale di Stromboli
08-Chiesa di San Bartolomeo in Contrada Piscità08-Chiesa di San Bartolomeo in Contrada Piscità
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva