il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 78 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1133194
    Sulla dorsale del Brutto Passo dal Lago di Sauris
    Alpi Carniche
  • P1133333
    Sulla dorsale del Brutto Passo dal Lago di Sauris
    Alpi Carniche
  • P1133320
    Sulla dorsale del Brutto Passo dal Lago di Sauris
    Alpi Carniche
  • P1133296
    Sulla dorsale del Brutto Passo dal Lago di Sauris
    Alpi Carniche
  • P1133288
    Sulla dorsale del Brutto Passo dal Lago di Sauris
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNatura

Sulla dorsale del Brutto Passo dal Lago di Sauris

Avvicinamento

Da Ampezzo si risale la valle del Lumiei fino alla diga del lago di Sauris, dove si prende a sinistra per il Passo del Pura. Superata la diga e la successiva galleria, al primo tornante si lascia la rotabile principale per imboccare a destra la pista che contorna le sponde meridionali del lago. La si segue fino al divieto di transito, posto in corrispondenza dell'attraversamento del rio Scalotta (m 980)

Descrizione

L'escursione inizia lungo la pista che, con qualche lieve saliscendi, costeggia ancora il lago. Dopo un paio di svolte si lascia a destra il ramo che scende verso l'imbocco della forra del Lumiei (meritevole di una visita) per continuare a sinistra in salita (CAI 216). La pista inizia ora una lunga serie di tornanti nel classico bosco a faggio e abete rosso, tra notevoli fioriture di barba di capra. Si sale con pendenza gradevole e costante con lunghe diagonali comprese tra i valloni del rio Tavanelli e del rio Storto. Qualche schiarita, punteggiata dalla lattuga alpina e dall' adenostile, lascia intravedere la conca del lago ma sono soprattutto le felci a ricoprire ora in modo pressoché continuo il sottobosco. Più in alto, dove le conifere hanno preso il sopravvento, troviamo il bivio segnalato per casera Tavanelli che va tralasciato per proseguire ancora lungo la pista principale in direzione di casera Bernone (m 1600) alla quale infine si arriva dopo una lunga diagonale. L’edificio (aperto) con l'annessa stalla (chiusa) si trova al margine superiore di una estesa radura inclinata. Nei pressi della casera, un paletto ci indica l'imbocco del segnavia CAI 216a che si inoltra nel pascolo tra fioriture di geo e geranio. Dopo poco si supera l'impluvio che delimita il pascolo stesso e si entra nel rado bosco dove la traccia è più evidente. Più in alto ci si ritrova ad attraversare tra le romici di un antico pascolo. I botton d'oro a inizio luglio sono già sfioriti, ma fanno bella mostra assieme alle altre specie mentre il panorama si apre sempre più sul massiccio del Bivera e sui caratteristici calanchi del monte Palone. Nella compagine arbustiva fanno la loro comparsa anche gli ontani e soprattutto i rododendri che ci accompagneranno da qui in poi. Ancora un bel ripiano fiorito ed infine i segnavia ci portano sul crinale del Brutto Passo dove ci innestiamo a destra sul segnavia CAI 214 (m 1945). Con una serie di modesti saliscendi si prosegue seguendo fedelmente la linea della dorsale fino a raggiungere la piccola elevazione erbosa del monte Priva (m 2024, ampio panorama). Dopo poco, laddove il crinale si impenna, il sentiero taglia sulla destra raggiungendo il bivio segnalato per casera Giaveada (CAI 234). Prima di scendere definitivamente, si può proseguire ancora per qualche minuto lungo il CAI 214 fino al panoramico passo Zauf (m 2103, ottimo punto per la sosta). Si scende ora tra le ondulazioni erbose della conca sottostante, letteralmente ricoperte di rododendri, fin dove il sentiero si fa pianeggiante intorno ai 1900 m di quota. Qui si piega a destra senza percorso obbligato cercando nel pascolo inclinato qualche traccia di passaggio (qualche sbiadito segnavia CAI). Più in basso, al limitare del bosco, i segnavia riappaiono sui tronchi assieme a un tracciato più marcato con il quale si scende ora a piccole svolte tra i larici e le felci. Si attraversa un piccolo impluvio oltre il quale si scende con pendenza decisa arrivando al pascolo della casera Tavanelli. Qui il sentiero scompare del tutto e bisogna tenersi a destra (est) riattraversando l'impluvio e proseguendo poi verso i ruderi della casera (m 1534), poco visibili in quanto inglobati dalle alte erbe. Cercando i pochi segnavia rimasti sui tronchi, poco più in basso rispetto al ripiano dove sorgeva la casera, si ritrova la vecchia mulattiera di accesso che in breve scende a intersecare un rio. Non resta ora che risalire il prato soprastante (qualche paletto segnavia) mirando alla visibile casera Bernone. Qualche divagazione per aggirare le alte erbe e le ortiche e siamo di nuovo sul ripiano dal quale siamo partiti. La discesa avverrà poi sulla pista già utilizzata all'andata.

Avvertenze

il grado di difficoltà EE, indicato per questa escursione, si deve esclusivamente al fatto che il segnavia CAI 216, nella parte compresa tra casera Bernone e l'innesto sul CAI 234, è praticamente scomparso tra le erbe e richiede autonomia nell'orientamento. Il tracciato allegato alla relazione può certamente aiutare. Non va sottovalutato anche il notevole sviluppo chilometrico.
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Luglio
Carta Tabacco
02
Dislivello
1200
Lunghezza Km
21,1
Altitudine min
980
Altitudine max
2024
Tempi
Dati aggiornati al
2018
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Sauris di Sopra
  • Webcam Davost
  • Webcam Mimoias
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva