il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 47 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_8100
    Alpi Apuane - Grotta del Vento
  • IMG_8105
    Alpi Apuane - Grotta del Vento
  • IMG_8109
    Alpi Apuane - Grotta del Vento
  • IMG_8116
    Alpi Apuane - Grotta del Vento
  • IMG_8147
    Alpi Apuane - Grotta del Vento
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
martedì 30 agosto 2005

Grotta del Vento

Se state visitando le Apuane e ci avete camminato sopra, non perdetevi la possibilità di visitarle anche dall'interno. Al centro del Parco delle Alpi Apuane è possibile, come abbiamo fatto noi, visitare con la guida la Grotta del Vento. Il fenomeno erosivo del carsismo sotterraneo ha dato origine, in un arco di tempo non brevissimo, si parla di 20 milioni di anni, a formazioni carsiche quali grotte, stalattiti, stalagmiti e sculture dalle forme più strane. E l'opera dell'acqua continua ancora nel suo lavoro lento e incessante.
01-Stalattiti nella Grotta del Vento01-Stalattiti nella Grotta del Vento
02-Concrezioni e stalattiti nella Grotta del Vento02-Concrezioni e stalattiti nella Grotta del Vento
03-Stalattiti nella Grotta del Vento03-Stalattiti nella Grotta del Vento
Da Castelnuovo Garfagnana proseguiamo per raggiungere Gallicano. Al paese i cartelli indicatori ci mostrano la direzione per la Grotta del Vento, in comune di Vergemoli, che si raggiunge dopo una dozzina di chilometri. L'ampiezza dei vani consente la visita anche a gruppi numerosi. La guida accompagna nelle stanze che si susseguono a vari livelli, su percorsi addomesticati in qualche punto con parapetti e caminamenti. Cavità che ospitano laghetti, pozze di fango, cavità verticali si susseguono senza mai stancare la vista e l'interesse. Come noto, la temperatura all'interno delle grotte è costante: qui si aggira attorno agli 11° e quindi è meglio vestirsi in maniera adeguata. Non servono torce in quanto gli ambienti sono illuminati.
04-All'interno della Grotta del Vento04-All'interno della Grotta del Vento
05-Lungo il camminamento all'interno della Grotta del Vento05-Lungo il camminamento all'interno della Grotta del Vento
06-Lungo il camminamento all'interno della Grotta del Vento06-Lungo il camminamento all'interno della Grotta del Vento
Appena varcato l'ampio portale del'ingresso si percepisce nettamente la corrente d'aria a cui deve il nome la Grotta. Il flusso è dovuto allo scambio termico tra le due aperture della grotta: l'ingresso turistico si trova a 642 m, l'altro è situato sul versante opposto del monte a 1400 m. Fino a un paio di secoli fa l'aria fredda veniva usata per tenere in fresco i cibi dagli abitanti delle borgate vicine. Le esplorazioni hanno al momento portato alla conoscenza di una rete di gallerie di 4 chilometri e mezzo ma c'è ancora un mondo da esplorare.
07-Attrezzature fisse all'interno della Grotta del Vento07-Attrezzature fisse all'interno della Grotta del Vento
08-Concrezioni all'interno della Grotta del Vento08-Concrezioni all'interno della Grotta del Vento
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Ricerche
In evidenza
Nella stessa zona
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva