il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 62 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_0970
    Anello del monte Dauda da Fielis
    Alpi Carniche
  • IMG_1001
    Anello del monte Dauda da Fielis
    Alpi Carniche
  • IMG_9437
    Anello del monte Dauda da Fielis
    Alpi Carniche
  • IMG_9474
    Anello del monte Dauda da Fielis
    Alpi Carniche
  • IMG_9540
    Anello del monte Dauda da Fielis
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaV20

Anello del monte Dauda da Fielis

Avvicinamento

Risalendo da Tolmezzo la statale 52b in direzione di Arta, poco dopo Cedarchis si piega a sinistra in direzione di Zuglio attraversando il ponte sul torrente But. Giunti sull’altro lato della valle ci si tiene a destra seguendo le indicazioni per Fielis. Dalle prime case della frazione si imbocca via Vit e la si percorre fino ad una piazzola dove si nota a sinistra l’inizio del segnavia CAI n.157 (m 820, piccolo parcheggio).

Descrizione

Dal paese si imbocca una mulattiera lastricata che sale tra le case entrando in breve all’interno di un solco torrentizio. Il segnavia ci conduce poi a costeggiare un muretto a secco oltre il quale si notano alcuni casolari. Giunti nei pressi di una ancona il sentiero si immette sul tornante di una pista forestale che va seguita per un breve tratto a sinistra fin dove essa confluisce nella strada di servizio per malga Dauda. Nel periodo primaverile, allo sciogliersi delle nevi, questo primo tratto si ricopre dei delicati colori della primula, dell'erba trinità e della farferugine. Lasciata a sinistra una diramazione secondaria si prende a salire con pendenza regolare nel bosco misto di faggio e abete rosso. La rotabile all’inizio si presenta asfaltata ma ben presto si trasforma in strada sterrata mantenendo un fondo cementato solo in corrispondenza di alcune curve. Si guadagna velocemente quota a tornanti lungo il costone che delimita la valletta del rio Costalp uscendo infine su terreno più aperto alla base del pascolo di malga Dauda. Si passa accanto ad una vasca per la raccolta d’acqua poi la pista compie una marcata curva, si congiunge con quella che sale da Noiariis ed infine si esaurisce sul ripiano della malga Dauda (m 1413). Il complesso è formato da un edificio principale e da una stalla ed è situato in posizione assai panoramica sulla Valle del But. Dalla malga si seguono le segnalazioni del segnavia CAI n.157 che ora rientra nella faggeta che ricopre il versante settentrionale del monte Dauda. Si sale nel bosco poi la pista procede in quota con qualche modesto saliscendi giungendo allo spigolo settentrionale del monte. Qui la visuale si apre sul gruppo del monte Arvenis e sulla dorsale al confine con l’Austria mentre alla nostra sinistra possiamo vedere il passo Meleit, nostra prossima meta. Completando l’aggiramento del versante settentrionale si prosegue a traversare su terreno più aperto tra i mughi fino a guadagnare la piccola depressione di forcella Meleit (m 1510). Dal passo si abbandona definitivamente il segnavia CAI n.157 per piegare a sinistra (cartello) lungo una dorsale erbosa. Tralasciate le tracce che traversano più in basso si prosegue in salita passando poco sopra i ruderi di malga Chias di sopra alta. Da qui dovrebbe risultare evidente la prosecuzione lungo il sentiero che taglia in diagonale verso destra le pendici del monte. Tramite questo, con pendenza via via minore, si raggiunge la cresta meridionale a poca distanza dalla selletta che separa il monte Dauda dal dosso del Cavolat. Non resta ora che percorrere il crinale che ci separa dalla vetta il cui unico difetto è di essere troppo breve. Si tratta infatti di un percorso semplice ma estremamente panoramico che segue fedelmente la linea della cresta fino alla piccola cima del monte Dauda (m 1765, croce, libro di vetta). La quota è modesta ma il panorama esteso dal monte Peralba fino al mare.
Dalla cima si torna indietro fino a punto in cui si è toccata la cresta proseguendo poi verso sud lungo la mulattiera militare sorretta ancora da una bella massicciata. Si aggirano sulla destra le alture del Cavolat raggiungendo quindi il punto in cui la dorsale si affaccia sulla valletta del rio Chiantone. Si scende in diagonale lungo la mulattiera fino al successivo tornante poi dobbiamo fare attenzione ad abbandonare il sentiero principale per scendere direttamente lungo il filo di cresta verso la forcellina sottostante (attenzione in caso di terreno innevato o scivoloso). Presso il piccolo intaglio si ritrova a sinistra l’inizio di un sentiero ben marcato che ci riporterà a malga Dauda. Dapprima per prati e quindi nel bosco di faggio, il sentiero taglia in diagonale tutto il versante orientale arrivando infine al pianoro della casera dove si chiude l’anello attorno al monte. Da qui a Fielis si utilizzerà poi il medesimo itinerario dell’andata.

Variante di salita da Trischiamps

Attraversando Villa Santina in direzione di Ovaro, si imbocca a destra la deviazione per Lauco. Dopo una lunga serie di tornanti si oltrepassa il paese seguendo poi le indicazioni per Vinaio. Dopo la zona sportiva la strada scende verso Vinaio, ma poco prima di arrivare al paese si devia a sinistra imboccando la stretta rotabile che risale l'alta valle del Vinadia (in inverno possibili tratti ghiacciati). Essa contorna le pendici del monte Marsins e del monte Sadi per uscire sulla spianata delle case di Val. Proseguiamo ancora oltrepassando anche Chiamps fino ad arrivare a Trischiamps dove si può parcheggiare nella curva poco prima delle case (m 1153).
Lasciata l'auto si oltrepassano le ultime case per poi superare il guado di un torrente. La strada comincia poi a salire in diagonale e con qualche svolta raggiunge malga Chias di Sotto (m 1303, inverno 2012 in fase di completa ristrutturazione). Oltre il ripiano ci si innalza con qualche svolta entrando nel bosco di faggio e rimanendovi fino a raggiungere le radure sottostanti la malga Meleit, dove la pista piega a destra. Prima di proseguire verso la forcella Meleit con breve deviazione a sinistra si può visitare la malga (chiusa). Ritornati sui propri passi ci si innesta sul segnavia 157 che corrisponde ad una pista di recente apertura. Con questa, in quota, si raggiunge la forcella Meleit ritrovando l'itinerario sopra descritto.

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri del Vento
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Febbraio
Carta Tabacco
013
Dislivello
1000
Lunghezza Km
9
Altitudine min
820
Altitudine max
1765
Tempi
Dati aggiornati al
2008
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 01/12/2016 Salita ieri e il primo freddo si fa sentire nel tratto compreso fra la malga e passo Meleit, la pista è interessata da alcuni franamenti scesi dalle pareti semisabbiose. Poi finalmente al sole, si sta bene, non c'è vento e la cima regala sempre un gran bel vedere. Reintegrato con piccolo notes il libro di vetta mancante; attenzione alla scivolosa erba in discea dal Cavollat, lungo la mulattiera militare non ho visto il vecchio cartello con la scritta appunto “vecchia mulattiera militare”, il bosco poi fino alla malga è rilassante, luminoso. Lavori di esbosco dietro la malga e di grande pulizia lungo la pista di rientro.
  • 02/08/2016 L'anello del Monte Daùda da Fielis può diventare un valido giro anche in questa stagione per gli amanti delle malghe e dei prodotti genuini, se si allarga l'anello a sud del paese, transitando per Il Roccolo, Forchie Navantes (sentiero non segnalato Cai), Malga Corce, Forc. Di Corce, Malga Chias di Sotto e Malga Meleit. Noi così abbiam fatto visto che domenica scorsa la previsione meteo non era delle migliori e volevamo garantirci un riparo. Le malghe in questione risultano tutte e tre monticate con vendita prodotti caseari. Dopo la visita alle casere ed una chiacchierata coi simpatici malgari, siamo saliti in cima al Daùda, ora sprovvisto di libro vetta. La nube incombente sopra di noi si è scarita per tutto il percorso di rientro a partire da forcella Meleit, sentiero Cai 157, ma noi siamo tornati a casa soddisfatti, carichi di formaggi diversi e ricotta affumicata buonissimi!
  • 21/05/2016 Monte Dauda otto anni dopo. Percorso oggi l'anello come da relazione di SN: piuttosto monotona la pista che porta a Malga Dauda, poi si imbocca il sentiero e l'escursione si fa più divertente. Panorama assolutamente fantastico dalla cima. Niente da segnalare rispetto ai commenti precedenti.
  • 24/01/2016 Oggi 24/01/2016 percorso l’anello partendo da Trischiamps. Per arrivarci nessun problema di ghiaccio sulla strada. Lungo il percorso un po’ di neve a volte dura e ghiacciata ma non è stato necessario l’uso dei ramponcini. Dalla cima bellissimo e ampio il panorama, arriva dallo Zoncolan, a tratti, un po’ di musica, quasi impercettibile...menomale. Ci siamo noi e un’altra coppia, poi solo noi per il resto del percorso, quindi silenzio e solitudine. Confermo che il tratto lungo il filo di cresta verso la forcellina è scivoloso, ma al massimo si appoggia il fondoschiena (come ho fatto io). Nel bosco di faggio sul traverso per arrivare a Malga Dauda sembra di essere entrati in un mondo magico e fantastico. E’ bellissimo!! Escursione consigliata. Una bella giornata, grazie.
  • 27/12/2015 Saliti oggi in cima al Dauda da Trischiamps (vedi variante relazione). Cielo limpido, panorami incredibili, aria calma e caldo. Parecchi escursionisti (accompagnati dai loro amici a quattro zampe), in cima, condividono la sorpresa climatica di questo periodo. Qualcuno ha avvistato cinghiali sul versante nord. Inizia poi il consueto dibattito sul riconoscimento cime. Le nebbie sono laggiù, lontano, basse e schiacciate sulla pianura da questa alta pressione. Le piste dello Zoncolan sono esigui nastri bianchi ben disegnati su pendii completamente sgombri da neve, e sono frequentate da sciatori. Arriva, non gradito, il suono della disco music che accompagna l'attività. Ma è sufficiente spostarsi di poco per riavere il silenzio della montagna. Scendendo in auto da Trischiamps un capriolo in tuta mimetica ai bordi della strada ci sorveglia e decide di lasciarci passare...
  • 04/10/2015 Sabato 26 settembre 2015. Neve residua delle recenti nevicate ancora in quota, previsioni meteo non splendide: dove si va? Sul Dauda non siamo mai stati, oggi è la volta buona! Il primo tratto del sentiero che parte da Fielis si svolge nel bosco in una specie di canale molto incassato e piuttosto umido, poi raggiungiamo uno stavolo e ci colleghiamo alla pista forestale – a tratti con fondo cementato - che seguiamo fino a Malga Dauda, dove la visuale si apre. Dopo la malga abbandoniamo finalmente la pista e traversiamo lungamente in quota fino a Forcella Meleit. Dalla forcella in poi il sentiero non è più CAI, ma comunque ben segnalato con vernice gialla. Nei prati un segno qua e uno là sui sassi fanno comodo per essere sicuri di essere sulla traccia giusta, ma sul percorso di cresta non hanno fatto economia di vernice, e non ce ne sarebbe davvero stato bisogno! Il bel panorama è parzialmente “oscurato” da nuvole vicine e lontane che ci impediscono la visione delle cime più alte e distanti, Coglians e Cjanevate rimangono costantemente incappucciate, solo il Peralba decide di “concedersi” per qualche minuto. Verso Est si scorgono a tratti Montasio e Canin … per il ritorno continuiamo seguendo i segni gialli, c’è da far attenzione in un paio di svolte dopo il Cavolat a non perdere la traccia giusta, in entrambi i punti ci sono delle frecce (sempre rigorosamente gialle) e anche dei paletti, che però sono caduti a terra. Poi il sentiero prosegue più evidente, prima tra arbusti e poi nel mezzo del bel bosco, sino a chiudere l’anello a Malga Dauda. Il rientro per la strada forestale ci sembra ancora più lungo … Escursione rilassante e non faticosa, che si svolge in buona parte in mezzo al bosco. Nessuna difficoltà da segnalare, a parte i due punti descritti dove si rischia di perdere il sentiero.
  • 10/03/2015 Salito oggi con una giornata bellissima e temperature primaverili.Percorso senza difficoltà alcuna e facile da seguire se non altro per le tracce lasciate sulla neve. Con la temperatura di questa giornata, la neve (non molta) si scioglieva sotto i piedi. Usate le cjaspe da malga meleit, solo per non bagnare i " cingoli"Panorama da mozzafiato. Peccato dover rientrare.....!!Buona vita a tutti
  • 08/03/2015 Salito oggi dalla mia Trischiamp,alle 7 del mattino...salita senza l occorenza ne di ciaspe ne di ramponi,in cima giornata fantastica anche se il vento era insopportabile...montagna sottovalutata e bellissima,consigliata a tutti
  • 20/12/2014 20/12/2014-Sulle tracce di Loredana, saliti al Dauda (però da Trischiamps). Lungo il percorso ci divertiamo a trovare primule e genziane primaticce. Giornata tersa e indimenticabile complice l'inversione termica e lo spettacolo della pianura avvolta dalle nubi che cercavano di scavalcare le Prealpi. In due giorni è il secondo libro di vetta letteralmente ammuffito che trovo in cima pur riposto nella cassetta e nel sacchetto: non sarà mica la testimonianza del clima arido degli ultimi periodi? Buone passeggiate
  • 19/12/2014 Giornata ideale: sole e cielo terso, poca neve e ben battuta lungo la pista poco oltre malga Dauda, il laghetto è ancora posto in ombra e ben ghiacciato. Indossiamo i ramponcini per un andamento più svelto e in realtà per l’ultimo tratto di salita, quello fra i mughi, sono più di impiccio…L’inversione termica ci regala ondulati paesaggi che ogni volta incantano; in cima l’aria tiepida invoglia a fare girotondo e ancora girotondo per riempirsi gli occhi di tutte quelle cime, possenti il Coglians e la Chianevate, rotondo e vicino il Peralba con accanto l’Avanza. La discesa sull’erba lunga e gialla del Cavollat qualche insidia la nasconde, ma poi il bosco ci regala, proprio lì sul sentiero, una genziana primaticcia, bene in vista come a dire: sono qui, attenti a non calpestarmi. Ed ancora grandi ombrellifere oramai secche come vecchie ossute signore con l’ambizione di mostrarsi ancora…
  • 23/07/2014 Excellent excurion on July 18. No problems at all.Shortly after Forcella Meleit there is a tree with a marker. Take the left arm uphill, the right arm of the way ends after a short while.
  • 11/06/2014 salito oggi partendo da trischiamps di lauco. Assenza di neve ,percorso libero da intralci, salvo un'albero che sbarra la strada nel tratto da malga dauda a malga meleit lungo il sent.157.Superabile con attenzione.-trischiamps-mga e forc.meleit-monte dauda: km.5.600 tempo h. 2-monte dauda -malga dauda lungo la vecchia strada militare del monte covollat : Km.3,600 tempo h.1-malga dauda-malga meleit : Km.3.100 tempo h.1-malga meleit-trischiamps : km.2.900 tempo h.0,50Totale percorso: km.15,200 tempo h.5 circaBuona vita a tutti
  • 15/05/2014 Monte Dauda da Cazzaso Nuova, una lunga cavalcata su verdi prati punteggiati di nbotton d’oro e numerose specie di orchidee. Presso la fermata delle corriere a Cazzaso Nuova si innalza nel bosco un bel sentiero segnalato di giallo, lettiera insidiosa, e si arriva a Sella Duron, capre al pascolo verso il monte Duron, Sali scendi per tracce e si arriva al monte Duron e poi il Cuar con la bella visuale sulla spianata di Tolmezzo, nella buia abetaia si fanno notare i bolli gialli che conducono a forchia Navantes, sentiero marcato e poi una traccia che ben presto scompare, si sale per i ripidi Palons di Noiariis, erba lunga e secca, non è difficile ritrovarsi a malga Corce in un attimo e il forte vento non aiuta di certo. Finalmente il Cavollat è espugnato è da lì fino alla cima del Dauda bisogna difendersi solo dal vento, qualche chiazza di neve sulla mulattiera militare. Si rinuncia a discendere per la via di salita raggiungendo la sottostante f.lla di Corce dapprima per tracce e poi un buon sentiero ed infine si arriva alla strada asfaltata, lungo rientro fino a forchia Navantes e di nuovo largo sentiero scivoloso fino a Cassazo.
  • 29/04/2013 Saliti in cima lo scorso 25 aprile, percorrendo il sentiero da m.ga Dauda alle alture del Cavollat e da quì in vetta con presenza di neve nel tratto boscato!Lungo la discesa a forcella Meleit la neve è ancora abbondante e sfatta!Sulla nuova carrareccia dalla forcella alla m.ga Dauda, la neve invece tiene abbastanza bene!
  • 26/04/2013 Percorso oggi, bellissimo l'alternarsi di spazi aperti con belle vedute a boschi incantevoli. Molto bella la faggeta sul versante nord. C'era ancora neve in alcuni tratti, dalla casera al passo abbastanza da rallentare considerevolmente l'andatura. Al passo, attenti a svoltare subito a sinistra, anche se la traccia non è ben chiara, e a non cotinuare lungo il sentiero.
  • 14/01/2013 Percorso il giorno 6/1/2013 in compagnia di Anna,Matteo e Oscar!Giornata con previsioni meteo molto incerte,che invece si è rivelata una giornata stupenda per nostra grande fortuna.Partiti circa alle 10 dalla piazza di Fielis,abbiamo subito avuto le nostre difficoltà a notare la segnaletica CAI presente in paese per imboccare il sentiero n°157(il primo segno di trova su un muro di una casa sulla destra di una delle viette che escono dal paese..ormai quasi cancellato e poco visibile); abbiamo perciò ripiegato utilizzando la strada forestale che sale agli stavoli posti a circa mezzora da Fielis. Il paesaggio era piacevole e l'aria fresca,quindi adatta ad una bella escursione.Raggiunta la malga Dauda abbiamo potuto godere di parte dello spettacolo che ci attendeva in cima al Monte Dauda: le montagne attorno coperte da un manto maculato del bianco delle neve,del grigio delle rocce e del marrone e del verde della vegetazione di latifoglie e conifere. Dopo aver reintegrato un po' di zuccheri, siamo ripartiti lungo il versante sud del monte per raggiungere la vetta del Dauda che abbiamo raggiunto per ora di pranzo. La soddisfazione di trovarsi in cima ad una montagna dona molta pace e serenità ed è sempre un emozione vedere dall'alto la distanza che i propri piedi hanno affrontato tra boscaglie dai colori variegati e prati color ambra.E' da segnalare l'assenza di segnaletica CAI nel tratto di sentiero che porta alla vetta,ma è comunque presente della segnaletica color giallo. Noi non abbiamo affrontato la restante parte dell'anello(per questioni di tempo) però per il resto il percorso non presenta grosse difficoltà o punti pericolosi.Un saluto a tutti gli escursionisti!
  • 29/12/2012 29/12/12-Raggiunta oggi la cima partendo però da loc. Trischiamps. Indossate le ciaspe nel traverso prima di forcella Meleit, ma qualche escursionista è salito anche senza. La neve praticamente scompare nell'ultima salita in cresta, dove non c'è nemmeno un tratto ghiacciato (oggi infatti faceva caldo). Via vai di escursionisti, uno sci alpinista. Panorama molto nitido a tutto tondo, anche verso il mare: distinguibili addirittura i palazzoni di Lignano anche se noialtri, si sa, preferiamo riconoscere le cime. mandi
  • 25/05/2012 Percorso che mi piace ripetere un paio di volte all'anno in stagioni diverse. Oggi il bosco è una meravigliosa sfumatura di verdi, lungo la pista fino alla malgs fioriture di orchideamacchiata e bifolia, primula odorosa, biscuitella; uno scoiattolo corre via. A forcella Meleit un capriolo taglia e fugge a destra, da lì e fino alla vetta botton d'oro, genziane primaticce e di Clusius. Il panorama è come sempre vastissimo, impagabile, vento forte e Coglians con il cappello scuro. La discesa è piacevole, bosco silenzioso, nessun essere umano lungo il tragitto. Mi piace questa cima panoramica, semplice da raggiungere, anello che si completa in 5 ore e mezza con tutta calma, lasciando spazio a panorama e foto. Loredana
  • 06/10/2011 Non è ancora l'alba, ma l'autostrada oggi è trafficata, a Tolmezzo il solito fumo si leva dalla zona industriale; lassù, illuminata, la pieve di S.Pietro in Carnia. Arrivo a Fielis, al parcheggio saluto un giovane cacciatore in partenza, è poco più di un ragazzo, fucile aperto in spalla, due cani al guinzaglio. Allo studente che mi passa accanto, musica nelle orecchie, isolato dal mondo, certo non interessa la bellezza della fontana in pietra, vecchia, molto vecchia come mi ha poi raccontato un residente; mi infilo in via Val, fiori alle finestre e profumo intenso di erbe aromatiche, il cielo è velato, sarà l'ultima escursione d'estate: Salendo lungo la carrareccia guardo, osservo, accarezzo, qualche scatto, prendo mentalmente appunti; ripercorro con la mente il giorno precedente, salvo i momenti che nel bene e nel male meritano ricordo, li incido come acquaforte e li appendo alle pareti del mio cervello, migliaia di quadri....e chiedo: fa che possa continuare a salire, a pormi degli obiettivi, a raggiungerli, magari cadendo, ma rialzandomi. Mi giunge il suono di un'aumbulanza, il guaito di una volpe, qualche cornacchia gracchia, nel sottobosco frullio di ali, in alto a sinistra si staglia la ma meta. A malga Dauda il segnavia è posto sull'abbeveratoio, salgo a sinistra lasciando in basso la nuova pista, il sentiero si inoltra in un bel bosco e poi confluisce nella pista di prima. Ma dov'è il sentierino che ricordo percorrere in diagonale il versante settentrionale del Dauda? Che numero di obiettivo della Comunità Europra avrà questo sfacelo? Mi auguro che almeno possa esserci in ritorno economico. A forcella Meleit trovo un paletto riportante il n.9 e i bolli gialli che guidano fino alla cima. Nel frattempo si è alzata una fitta nebbia, si muove veloce con il vento, è asciutta ma mi priva di ogni riferimento e panorama.Poche fioriture, predomina il viola delle campanule barbate, genzianelle sfrangiate e delle Dolomiti. Sul punto più elevato è riportato a terra il n.11, poco più sotto la croce e il libro di vetta umido e ammuffito; aggiungo un altro sacchetto di protezione. Scendo seguendo i bolli gialli, proseguo lungo la vecchia strada militare, ecco un altro paletto giallo e giù fino a quando incrocio a sinistra il sentiero direzione est che mi porterà a malga Dauda, non c'è alcuna segnalazione ma l'azimut mi dice che vado giusta. Il percorso si snoda nel bosco, si abbassa velocemente, incrocio qualche vecchia panca di legno e in breve sbuco dietro alle stalle della malda e da lì riprendo la carrareccia. Si, penso che questa sia stata l'ultima escursione d'estate, arriva il tempo brutto, è tempo di castagne e ribolla e per chi può, anche di coccole al calduccio. Loredana
  • 27/08/2011 ho ripercorso l'itinerario e devo dire che quanto riportavo nel mio commento dell'aprile 2010, oggi è superato. Da forcella meleit, una segnaletica gialla mi ha guidato sulla cima del Dauda e durante tutto il giro che passando per il cavollat discende alla malga dauda.Quindi ora l'anello descritto lo si può percorrere tranquillamente. Diverso se fatto con le cjaspe perchè i segni gialli sono posti tutti nel terreno.Buona vita a tutti
  • 13/02/2011 percorso oggi. Confermo quanto detto nel commento precedente, importante soprattutto per l'individuazione della traccia che riporta alla malga Dauda. Aggiungo solo che in caso di neve quest'ultima traccia va seguita con molta attenzione altrimenti si rischia di perderla in quanto spesso poco evidente.
  • 05/05/2010 Salito il 30 Aprile 2010 seguendo l'itinerario descritto nella scheda. In assenza di innevamento particolare,salvo locali residui di media consistenza, devo dire che sostanzialmente, ponendo dovuta attenzione alla lettura della descrizione e della carta Tabacco, il percorso non presenta particolari difficoltà. Premesso che non esiste alcun tipo di rischio o pericolo, posso solo segnalare che il sent.157, nel tratto da casera Dauda a Forcella Meleit, termina su una nuova strada di servizio, non segnata sulla carta Tabacco ed è priva da segnalazioni.In ogni caso è sufficente tenersi sulla sx ove è anche evidente la sella stessa.Inoltre, più importante,scendendo dal Dauda e seguendo la vecchia strada militare che costeggia il monte Cavollat, è privo di ogni segnalazione il sentiero che riporta alla malga Dauda. Per maggiore informazione,segnalo: seguendo la strada militare, al secondo tornante (che piega a dx) uscire dalla sede stradale volgendo appena a sx verso costa navantes. Si noterà più sotto un'evidente sentiero che volge sul versante di sx e che risulta essere quello ci riporta alla malga. Ora, per prendere quel sentiero,basta scendere sulla dorsale che vedrete avanti a voi. Più precisamente,avrete a dx la prosecuzione della strada militare, sulla sinistra,in basso, come detto, vedrete il sentiero che interessa.Avanti a voi, che scende lungo la dorsale, una traccia di sentiero vi condurrà ad incrociare il sentiero che interessa. A quel punto, tenendo la sx, seguirete la traccia ( priva di segnalazioni ma molto evidente) che vi condurrà direttamente alla Malga. Questo è stato il tratto che ho trovato di maggiore difficoltà nella sua interpretazione rispetto a quando descritto nella scheda.Per il resto....buona passeggiata !
  • 22/09/2009 Fatto 22/09/09, piacevole e vasto panorama; il sent.157 da malga Dauda fino a f.lla Meleit è segnalato, attenzione che alla forcella Meleit non c sono indicazioni per la malga Chiais di Sopra, prendere la traccia di sentiero a sx. Bene fino alla cima ma non sono riuscita ad individuare le tracce di passaggio per scendere lungo la cresta del Cavollat, l'erba è molto alta, le tracce che ho seguito finiscono tutte in un intrico di mughi per cui sono ridiscesa per la medesima via dell'andata.Loredana
  • 23/02/2008 Salito il 14/02/08. Lasciata l'auto a Fielis abbiamo incontrato la neve a 1100 metri di quota (+ o -). A Malga Dauda c'erano 30-40 cm di neve ma la pista battuta da escursionisti che ci hanno preceduto ci ha facilitato le cose. La pista era battuta fino a Forcella Meleit (ciaspe superflue). Dalla forcella risalito il versante ovest del monte fino alla vetta. Giornata bellissima e panorama da ricordare. Per la discesa siamo scesi per la cresta sud e poi verso est (piuttosto ripido) fino ad incrociare il largo sentiero che ci ha riportato a Malga Dauda. Tornati a Fielis per la stradina innevata. Bellissimo giro invernale.
  • 20/02/2007 Salita al Monte Dauda: 18.02.07 Con neve dura e ghiacciata ed innevamento abbondante, evitare versante nord e relativa risalita da Chias: molto divertente anche se faticosa la "direttissima" alla cima per la faggeta dietro la malga Dauda puntando alla dorsale del monte. Pendenza del 25-30%
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Coglians e Cjanevate visti dalla cima
    01/12/2016 Coglians e Cjanevate visti dalla cima
  • Malghe Chias di Sotto e Corce dalla vetta del Daùda (31/7/20 ...
    02/08/2016 Malghe Chias di Sotto e Corce dalla vetta del Daùda (31/7/20 ...
  • Residui franosi sul sentiero Cai 157 sul versante nord del M ...
    02/08/2016 Residui franosi sul sentiero Cai 157 sul versante nord del M ...
  • Salendo
    19/12/2014 Salendo
  • panorama dalla quota superiore
    19/12/2014 panorama dalla quota superiore
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Zoncolan
  • Webcam Tenchia
  • Webcam Zoufplan
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva