il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 171 ospiti - 4 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_3172
    Anello del monte Cornetto dal passo di Sant'Osvaldo
    Prealpi Bellunesi
  • IMG_3052
    Anello del monte Cornetto dal passo di Sant'Osvaldo
    Prealpi Bellunesi
  • IMG_3154
    Anello del monte Cornetto dal passo di Sant'Osvaldo
    Prealpi Bellunesi
  • IMG_3030
    Anello del monte Cornetto dal passo di Sant'Osvaldo
    Prealpi Bellunesi
  • IMG_3263
    Anello del monte Cornetto dal passo di Sant'Osvaldo
    Prealpi Bellunesi
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaA03

Anello del monte Cornetto dal passo di Sant'Osvaldo

Avvicinamento

Da Barcis si risale lungo la val Cellina fino a Cimolais dove si prosegue in direzione del passo di Sant'Osvaldo. Dal valico si percorre la statale n.251 ancora per circa 2 km, in versante Vajont, fino ad incontrare sulla sinistra l’imbocco di una stradicciola secondaria (m 762, piccolo spiazzo per il parcheggio).

Descrizione

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri dell'Acqua
Sentieri CAI
Escursione
Attrezzature
A - Passamani
Mese consigliato
Maggio
Carta Tabacco
021
Dislivello
1300
Lunghezza Km
14
Altitudine min
738
Altitudine max
1792
Tempi
Dati aggiornati al
2005
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 30/06/2014 Fatto il monte Cornetto il 26/06/14 salendo da s.antonio in val della tùara tra s.martino e p.so s.osvaldo, utilizzando il sentiero 903 trovato in perfetto stato e completamente sgombro da neve. e' stato tirato un cavo tra due alberi nella parte alta del sentiero, prima della casera, cosa che può venire utile in caso di neve e/o ghiaccio. segnalazioni: attenzione alle zecche trovate lungo il percorso fino in casera e attorno a questa (erba alta); dalla vetta ancora neve abbondante sulla cresta del Resettùm e sul catino del campanile di val montanaia.
  • 11/05/2013 Ho percorso giovedì 9 maggio 2013 il sentiero 901 lungo la forra del Vajont fino all'incrocio con il 903.Ho riscontrato diverse difficoltà che mi fanno considerare il percorso sconsigliabile ad escursionisti non esperti. La placca iniziale è franata ed il cavo segnalato non c'è più; attraversare la frana può provocare spostamento di massi anche grossi. Dopo il primo guado i ponti di travi sono tutti caduti e quello successivo sull'altro versante è pericolante.
  • 19/07/2012 Scartato l’anello troppo difficile per le mie tecniche pedestri (il superamento della placca rocciosa, anni fa, mi impegnò in sovrumano cimento, inutile fatica perché poi mi arresi senza colpo ferire davanti a un sentierino scivoloso) mi avvio in senso contrario, salendo il 903 diretto a casera Cornetto. Un cartello indica tre ore, stai fresco, ce ne metterò almeno quattro, e invece stavolta arriverò anche prima. Sale forte tra boscaglie aggrappate il tosto aspro viottolo, e non dà apprensione l’esposizione mascherata da ben disposti arbusti, radi e solidi sopra il Vajont. Superati d’un fiato i primi seicento metri, oplà eccoci nel bosco (Le Rope), via via sempre più ombroso e solenne, cattedrale che incute soggezione, da fare possibilmente con il sole, consiglio agli spiriti più suggestionabili. Chiarori si aprono la via tra le fronde e rilucono sospesi come lampadari votivi magicamente fissi nel burbero silenzio. Si procede con cautela, ci si ferma e ci si guarda attorno circospetti, tale è l’immobilità di questo tempio ove non s’ode fruscio. Si riprende a passi felpati, e un camoscio disturbato corre giù. Si ferma, gira il collo e ci si guarda. Si resta a lungo così, poi, siccome anche guardarsi troppo a lungo non fa bene, si riprenda pure senza indugio il cammino. Si passa sull’altro versante della montagna mediante singolare passaggio con cartello macilento, e in breve la luce si rafforza, infine esplode e bisogna mettersi gli occhiali da sole davanti al prato che dardeggia. Spettacolo d'indescrivibile bellezza si apre e prosegue sfavillante fino a Pian Grant, dove l’apoteosi si spalanca. Al vertice di tutto una fontanella splendente con vasca, cui la meraviglia attorno gravita, e il cui sonoro scorrere poco oltre si perde nel brusio industriale di api e bombi, che qui sovraneggiano. Sul crinale, dall’altra parte della valle si spalanca con orribile bellezza una montagna squartata. I più suggestionabili proveranno forse un senso di nausea davanti a tanta terrifica maestosità selvaggia. La via del ritorno sarà veloce, ma prima di intraprendere l’ultimo tratto, consiglio di appisolarsi ove il bosco si dirada e s'illumina d’oro. Una brezza sarà lì a rinfrescarvi le ginocchia prima dell’ultimo gran balzo, verso il caffè o il gelato s’intende.
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Luogo ideale per appisolarsi (Le Rope).
    19/07/2012 Luogo ideale per appisolarsi (Le Rope).
  • Bosco a Le Rope.
    19/07/2012 Bosco a Le Rope.
  • Targa sulla fontana a Pian Grant.
    19/07/2012 Targa sulla fontana a Pian Grant.
  • Pian Grant con la fontana.
    19/07/2012 Pian Grant con la fontana.
  • Tramonto in Cornetto. . . fabriziosantarossa@alice.it
    07/03/2010 Tramonto in Cornetto. . . fabriziosantarossa@alice.it
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Pian Pinedo
  • Webcam Cimolais
  • Webcam Erto e monte Toc
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva