il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 154 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_6217
    Percorso botanico del Bila Pec dal rifugio Gilberti
    Alpi Giulie
  • IMG_6206
    Percorso botanico del Bila Pec dal rifugio Gilberti
    Alpi Giulie
  • IMG_4620
    Percorso botanico del Bila Pec dal rifugio Gilberti
    Alpi Giulie
  • IMG_0126
    Percorso botanico del Bila Pec dal rifugio Gilberti
    Alpi Giulie
  • IMG_0120
    Percorso botanico del Bila Pec dal rifugio Gilberti
    Alpi Giulie
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaF33

Percorso botanico del Bila Pec dal rifugio Gilberti

Avvicinamento

Il percorso prende inizio dal rifugio Celso Gilberti (m 1850) raggiungibile in pochi minuti dalla stazione di arrivo della funivia del Canin. Per giungere a Sella Nevea, luogo di partenza della funivia, si può risalire la val Raccolana da Chiusaforte oppure la val Rio del Lago da Tarvisio.

Descrizione

Presso il rifugio un primo cartello descrive le caratteristiche generali del percorso e dei punti di osservazione. Sette ulteriori pannelli illustrano gli ambienti alpini più significativi ed inoltre il percorso è disseminato di piccoli cartelli indicanti le specie più comuni. Il visitatore ha così la possibilità di rapportare immediatamente le informazioni scritte con l’ambiente circostante e dare un nome alle specie che incontra abitualmente.
Il percorso circolare si svolge in senso antiorario e dunque dal rifugio prendiamo a destra iniziando a traversare una zona interessata da evidenti fenomeni di carsismo superficiale. Il primo ambiente descritto è la valletta nivale dove lo sciogliersi delle nevi, diversificato a seconda del versante, crea interessanti effetti sulla vegetazione. Tra le numerose specie descritte vi è la soldanella, una tipica abitatrice dei terreni calcarei lungamente innevati. A breve distanza un secondo cartello illustra la vegetazione delle rupi calcaree mettendo in evidenza i problemi che devono affrontare le piante legate ai substrati rocciosi. Esempi di questo adattamento all’ambiente sono dati dalla veronica gialla, dal raponzolo di Sieber e dalla sassifraga incrostata. Alle pendici del monte Bila Pec, la cui parete incombe a poca distanza, si sviluppa la prateria subalpina, una vegetazione che rappresenta lo stadio finale della colonizzazione dei ghiaioni. Il manto erboso è costituito dalla sesleria comune e dalla carice verdeggiante a cui si associa un ricco corollario di altre specie tra le quali il ranuncolo ibrido. Poco dopo il percorso interseca uno stadio più “primitivo”, caratterizzato dalla presenza di macchie di camedrio alpino. Questa bella e tenace pianta dal portamento strisciante consolida infatti i ghiaioni calcarei creando, come evidenzia il cartello, il cosiddetto stadio pioniero a Dryas. Ad agosto i fiori del camedrio sono già probabilmente appassiti ma accanto ad essi è possibile osservare l’achillea del Clavena che vegeta in ambienti simili.
Esaurito il tratto pianeggiante si lascia a destra il segnavia CAI n.635 che scende verso Sella Nevea e con una svolta si inizia la risalita che conduce a sfiorare le verticali pareti rocciose del Bila Pec in mezzo ad un autentico giardino fiorito. Ad un primo bivio si tiene la destra (freccia) raggiungendo il cartello relativo al ghiaione consolidato. Qui il movimento dei detriti è ridotto al minimo consentendo l’insediamento di alcune specie di dimensioni maggiori quali il giglio carniolico, il veratro, il botton d’oro ed il cardo montano. Al successivo bivio il percorso botanico inverte la direzione iniziando la discesa ma a questo punto si consiglia di proseguire ancora per un tratto mantenendosi sulla traccia che traversa confluendo in breve nel segnavia CAI n.632. Con qualche ansa su terreno sassoso il sentiero sale alla sella Bila Pec (m 2005), dove lo sguardo può spaziare anche verso il vasto altopiano carsico del Canin. Esaminando con attenzione le fessure delle rocce nei pressi della sella si avrà l’opportunità di osservare anche la rara campanula di Zois.
Dalla sella si ridiscende sui propri passi fino al percorso botanico che avevamo abbandonato e si prosegue a scendere lungo questo. Un breve passaggio tra le roccette è stato facilitato da un passamano al fine di renderlo accessibile a tutti. Si giunge quindi ad un piccolo dosso panoramico dove si incontra il penultimo cartello. Qui si è insediata una brughiera subalpina caratterizzata dalla presenza di arbusti di ginepro nano a cui si associano il rododendro irsuto, l’erica e la clematide alpina. Ancora una breve discesa e ci ritrova nei pressi del punto di partenza ma prima di raggiungerlo, il percorso botanico devia ancora sulla destra abbassandosi nella conca nivale sottostante. Un ultimo cartello descrive qui la difficile esistenza delle piante legate ai ghiaioni mobili, dove i problemi di “ancoraggio” al substrato vengono risolti generalmente con la presenza di un forte ed esteso apparato radicale. Esempi mirabili di questo particolare adattamento sono offerti dall’erba storna, dalla campanula dei ghiaioni, dalla gipsofila strisciante e dal papavero delle Alpi Giulie, prezioso endemismo di questi ambienti. Pochi metri ancora e ci ritroviamo nuovamente al rifugio Gilberti.

Variante alla cima del Bila Pec (EE)

Chi lo desiderasse, da sella Bila Pec può ampliare l’escursione salendo anche la cresta che conduce sulla vetta del monte Bila Pec dove si può ammirare un panorama estesissimo. Le difficoltà, tuttavia, sono decisamente superiori a quelle del percorso botanico e richiedono, soprattutto in discesa, dimestichezza con il terreno ripido e calzature adeguate.
Dalla sella si imbocca sulla destra una traccia contraddistinta da bolli rossi (scritta Bila Pec su un masso) che aggira uno spuntone roccioso dietro il quale si trova un canalino detritico. Superata questa prima difficoltà segue un breve traverso su placche rocciose assicurato da uno spezzone di corda poi il sentiero risale a strette svolte un ripido pendio raggiungendo la cresta del monte. Ci si innalza lungo questa superando alcuni brevi salti un poco esposti tra roccette e zolle erbose fino a guadagnare terreno più comodo. Con pendenza via via minore si percorrono le ultime svolte poi, superato un grande masso con targa, si raggiunge la piccola cima del monte Bila Pec (m 2140). Nonostante il modesto dislivello la vetta rappresenta forse il belvedere più favorevole sul vasto acrocoro del Canin e sul gruppo del Montasio.
Per la discesa si utilizzerà il medesimo itinerario facendo attenzione nel tratto in cresta.

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri dei Fiori
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Agosto
Carta Tabacco
027
Dislivello
200
Lunghezza Km
2,4
Altitudine min
1832
Altitudine max
2005
Tempi
Dati aggiornati al
2011
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 05/01/2015 Il 16 Agosto 2014 siamo saliti al rifugio Gilberti in cabinovia da Sella Nevea, il posto è un autentico paradiso anche se la giornata non era sicuramente delle migliori. Purtroppo non abbiamo potuto completare il percorso botanico per la molta neve ancora presente, quindi abbiamo dovuto rinunciare ad arrivare sulla sella Bila Pec ma ci siamo consolati con un ottimo pranzo al rifugio, sarà per la prossima estate.
  • 20/05/2012 signori questo e un vero paradiso consiglio di andarci anche al rifugio
  • 24/08/2011 La tranquilla passeggiata si può senz'altro ampliare percorrendo il sentiero geologico: a destra della casermetta di sella bila pec si scende brevemente lungo il sent. 632a, che si segue per un po' ; dopodichè, giunti al bivio col 632, si imbocca quest'ultimo verso sinistra (verso destra si raggiunge invece il bivacco Marussich). Si ritorna così a sella bila pec, da dove si ridiscende al Gilberti. Il dislivello totale è di circa 400 m e i due anellini richiedono 2 ore e mezza-3 per essere percorsi davvero con tutta calma, ammirando lo spettacolare paesaggio carsico dell'altopiano del Canin.
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Campanula. Fotografata lungo il sentiero naturalistico "Bila ...
    20/08/2010 Campanula. Fotografata lungo il sentiero naturalistico "Bila ...
  • L'astronave di Sella Prevala. . . renatogracco@llibero.it
    15/06/2010 L'astronave di Sella Prevala. . . renatogracco@llibero.it
  • Monte Canin dalla cima del Bila Pec. . . posefgi@libero.it
    07/03/2010 Monte Canin dalla cima del Bila Pec. . . posefgi@libero.it
  • Massiccio del Monte Canin. La foto è stata scattata sul sent ...
    23/08/2006 Massiccio del Monte Canin. La foto è stata scattata sul sent ...
  • Panorama a 360° dal Bivacco G. Bianchi. . . Giornata limpidi ...
    26/05/2005 Panorama a 360° dal Bivacco G. Bianchi. . . Giornata limpidi ...
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Piani Montasio 1
  • Webcam Prevala
  • Webcam Prato di Resia
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva