il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 57 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_0879
    Anello del monte Flagjel dalla val Tochel
    Prealpi Carniche
  • IMG_0899
    Anello del monte Flagjel dalla val Tochel
    Prealpi Carniche
  • IMG_0900
    Anello del monte Flagjel dalla val Tochel
    Prealpi Carniche
  • IMG_0908
    Anello del monte Flagjel dalla val Tochel
    Prealpi Carniche
  • IMG_0940
    Anello del monte Flagjel dalla val Tochel
    Prealpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaS18

Anello del monte Flagjel dalla val Tochel

Avvicinamento

Da Forgaria percorrere la strada che sale verso l'altopiano del monte Prat e proseguire verso nord lungo la stretta strada asfaltata fino alle pendici meridionali del monte Cuar in corrispondenza di un evidente trivio. Il ramo di sinistra attraversa la val Tochel calando successivamente in val d'Arzino mentre il ramo di destra sale da Avasinis, direzione preferibile per chi proviene da Gemona. Il punto di partenza si trova presso i due piccoli stagni a quota 894 m (segnavia CAI 817, panca e tavolo).

Descrizione

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri del Silenzio
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Aprile
Carta Tabacco
020
Dislivello
700
Lunghezza Km
14,2
Altitudine min
854
Altitudine max
1467
Tempi
Dati aggiornati al
2009
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 18/01/2016 Percorso sabato 16 con qualche differenza. Partito dal Cuel di Forchia e salito al Cuar senza difficoltà (per evitare la carrareccia che va in Malga) passato al Flajel su terreno con un centimetro di neve morbida, quindi senza problemi.Per il ritorno sceso prima del Cuel dai Poz per tracce incrociando in alcuni tratti il sentiero 817 che confermo poco segnalato e piuttosto ripido ma il tutto molto intuitivo, moltissime le tracce alternative alla strada per il ritorno alla macchina. Da segnalare unicamente la scarsa aderenza del terreno per chi dovesse affrontare il tratto del 817 in salita , soprattutto nell'ultimo tratto verso la cima ; Fanghiglia, foglie , ghiaie sommate a pendenza non formano un percorso facile.
  • 27/10/2015 Anello del monte Flagjel dalla val Tochel. Escursione effettuata come da relazione Sentieri Natura sabato 24 ottobre 2015. Niente di particolare da segnalare, i sentieri sono tutti agibili sia in salita sia in discesa. Il primo tratto del sentiero 817 è molto bello con i caldi colori autunnali mentre, il ripido tratto finale che porta al traverso tra il M. Cuar e il M. Flagjel è poco marcato, le alte erbe secche si strappano facilmente dal terreno sotto le suole degli scarponi, fare molta attenzione perche in questo punto la pendenza è sostenuta e quindi anche una banale scivolata potrebbe avere conseguenze gravi. A mio parere eviterei assolutamente di usare questo sentiero con terreno umido o piovoso specialmente in discesa. Il resto del percorso è perfettamente agibile. Per il rientro abbiamo preferito la pista tanto per fare gamba. La strada che sale da Forgaria è praticabile senza alcun problema. Anche la strada sempre asfaltata che scende ad Avasinis tranne un piccolo cantiere di lavori in corso che non crea nessun problema, è praticabile.
  • 18/05/2015 Percorso effettuato il 17.05.2015 con l'aggiunta della salita al Cuar e discesa lungo il versante est. Giornata di sole, ventilata in quota, grifoni in volo, panorami vasti, belle fioriture lungo il versante sud di peonia e cefalantera oltre a quelle descritte in relazione. Incrociati diversi escursionisti e un trio del Cai di San Daniele impegnato nella manutenzione del sentiero che noi abbiamo utilizzato per la discesa. Bravi!
  • 29/03/2015 Anello del monte Cuar da Val Tochel.Questa escursione la compio quasi tutti gli anni, le sagome del Flagjel e del Cuar, dalla pianura mi appaiono come un seno femminile visto dall’ombelico, la lunga cresta domina la pianura, e da sotto riesco a leggere gli umori del meteo. Ho sempre preferito scalare il monte dal versante sud, caldo, giallo, mediterraneo, scosceso, e più impegnativo, soprattutto l’ultimo tratto prima della cresta, dal crinale si ammira il versante nord; con il suo verde, la visuale sul lago dei tre comuni. Lo sguardo spazia quasi ininterrotto su tutte le catene montuose, da Piancavallo fino alle cime slovene del Monte Nero. La doppia anima del Monte, come una linea immaginaria taglia in due la cresta, come la nostra anima con il suolato severo e razionale e l’altro ribelle. Partenza dai piccoli stagni di Val Tochel, la giornata è splendida, tersa! Come sereno è lo spirito con cui affronto questa escursione; risalgo il sentiero 817 che con leggera e costante pendenza taglia le pendici del monte. Vaghi ricorda alla ricerca dei vecchi e sempre presenti punti di riferimento. Emozionante seguire lì affascinate cengetta esposta, che cavalca gli impressionati dirupi meridionali, ed è difficile non farsi distrarre dal paesaggio mozzafiato. L’ultimo tratto del sentiero risale il pendio (il tratto più faticoso) innestandosi alla base del ripido catino erboso sotto Cuel dai Poz. Sbucato in cresta mi lascio catturare dalla meravigliosa visione, che da agnostico chiamo “ libertà”, ma se fossi un credente chiamerei Dio! Copertomi per il variare della temperatura, mi avvio verso la vetta più bassa (M.Flagjel), superando in rapida salita e discesa il Cuel dai Poz, qualche spruzzo di neve si vede nella conca, ma non influisce sul proseguimento. La bella giornata rende il tutto incantevole, arrivato quasi sotto la croce di vetta, noto nel tornante del sentiero una madonnina con allegato rosario e una rosa di plastica; forse la neve invernale li ha sradicati dalla base della croce. Li rimetto nella vecchia collocazione, aiutandomi con dei sassi come sostegno. Per un attimo penso che sia stato un atto vandalico, e un pensiero malizioso corre “ all’amico distruttore di monoliti e omini che imperversa sulle dolomiti friulane “.Compio mezzoretta di sosta, e mi avvio verso la cima gemella (M.Cuar) più alta di 11 metri.A metà percorso incontro Davide Qualizza con un paio di amici e una cagnetta. Magritte, alias ringhio è felice dell’incontro, idem il sottoscritto. Davide amico di Forum (amanti della montagna friulana) mi presenta i suoi amici, due giovani di cui uno di settantatré anni, quest’ultimo vestito in modo eccentrico e originale, si fa notare subito. Scopro che è un maestro delle montagne, libertà e serenità scorrono nel suo viso. Il suo sguardo e un misto tra maestro zen (penso a Yoda in guerre stellari) e un vecchio lupo di mare. Il suo berretto curioso mi ricorda quello indossato dagli abitanti delle Ande. Un felice incontro, gli chiedo come si fa a portarsi al seguito uno zaino leggero, mi rispondo interiormente da solo: Quando tanta strada farai, segreto scoprirai! Dopo un po’ di battute e rituali foto ci dividiamo, proseguo arrivando sulla cima dove trovo u capannello di escursionisti intorno e dentro la campana di vetta, suonano la campana anche per me, non so se dare un obolo per questo gentile gesto, sicuramente (sorrido) non volevano sporcarsi con l’erba. Firmato il libro di vetta posto sotto la bronzea statua della madonnina, mi sposto in basso sull’erba e mi gusto il meritato riposo, consumo insieme a ringhio un lauto pasto, e dopo una breve pennichella lasciandomi baciare dal sole. Prima della ripartenza vedo volteggiare un solitario e pigro grifone. Ripreso il cammino, scendo per il ripido sentiero 816che segue il crinale che in breve mi porta a Cuel di Forchia, da qui in pochi minuti riguadagno il punto di partenza.Il vostro” Forestiero Nomade”sempre amante delle montagne friulane!Malfa
  • 17/05/2014 Giornata sereno-variabile accompagnata da folate di vento che sullo spallone fra Cuar e Flagjel diventano rabbiose, sentiero impeccabile, nel ripido bosco della Val Tochel si incontrano numerose ed appariscenti le peonie selvatiche accanto alle più eleganti e sinuose aquilegie. Scendono dal Flagjel due escursionisti provenienti dalla Val Pusteria, parliamo volentieri, sono incantati dalla bellezza del luogo, hanno contato lungo il percorso ben 45 specie diverse di fiori, mostriamo loro la foto della peonia: entusiasmo…In breve siamo in vetta, il panorama è vasto nonostante il cielo non sia perfettamente limpido, sul Canin e Montasio pare stia nevicando; la pausa è breve. Alla conca del Cuel dai Poz diamo un’occhiata ai ruderi dei vecchi recinti, malga Cuar chiusa, sempre piacevole la discesa al Cuel di Forchia lungo il sv 815 e le chiacchere fanno dimenticare la monotonia della strada fino al punto di partenza
  • 06/04/2014 Amici e amiche della Montagna !!! Rieccomi sul sito , più carico di energie e sempre più innamorato dei monti del Friuli.Come scritto sulle localizzazioni con “ L’ Anello del Monte CUAR “ inizio la stagione escursionista sui bei monti del Friuli, naturalmente dopo aver fatto una scaletta approssimativa per il 2014,ho deciso di iniziare le fatiche da una mia classica (l’altra è La signora “Amariana “ ).Giornata calda, velata ,appuntamento con Enrico a Forgaria , si arriva all’attacco presso Val Tochel (cartelli C.A.I )alle 08:30 . iniziano le danze, sentiero pulito e ben curato , e asciutto, le nevicate di quest’anno non hanno lasciato tracce gravi .Anche se un po’ di fatica si sente ( prima uscita ) si arriva prima del previsto in sella , quota 1320 sotto Cuel dai POZ , si ammira il paesaggio ,foto d’obbligo e poi via per la cima del Cuar ( sent. 815 )che appare innevata sul fronte nordico. Qui gli escursionisti si fanno frequenti, gruppi da due e più , il sentiero che ci collega alla cima è affollato, sull’ultimo erto tratto prima della vetta troviamo neve molla, ma profonda anche un metro, percorriamo il sentiero che lambisce la cresta (qui Ringhio trova refrigerio nelle pozze di neve ).Finalmente la vetta, sms agli amici ( Loredana e company che quasi in simultanea conquistavano lo Jouf presso Maniago.Scampanellata ,cambio indumenti sudati e rifornimento viveri.Lasciamo Magritte di guardia agli zaini ,Ernesto a farsi una pennichella rivolgendo lo sguardo alla sua patria(Trieste ), e io addetto alle pubbliche relazioni a socializzare con gli autoctoni, tra cui una coppia della forestale che come energetico avevano una borraccia di (Vino rosso ).Dopo le dovute firme sul diario posto sotto la statua della madonnina ( avverto gli amici discopoli che lanciare madonnine dalle cime ancora non è sport olimpico ).Discesa rapida per il sentiero 815 a , assolato e caldo, in maglietta , prendiamo la prima tintarella .Arrivo veloce im Cuel di Forchia, io cambio le gomme (da scarponi a scarpette di avvicinamento e via gli ultimi km sulla carreggiata che ci porta al punto d’inizio. Prima di imbucarci in auto tutti e tre 10 minuti di stretching .Commenti;Tutto ok,sentiero perfetto, curato, giornata solare e il monte Prat con il suo fascino.Alla prossima !!!Dal Nomade forestiero (non sempre solitario )amante delle montagne Friulane.Malfy
  • 05/05/2013 Il meteo incerto mi porta a scegliere un itinerario vicino e con ampie vie di discesa.. Il primo traverso è semplicemente un cullar degli occhi nei colori.. l’effimero latiro spicca per fioriture insieme ai narcisi. Non riesco a smettere di sorridere.. Le sole quattro ore di sonno (e il Plananizza fatto il giorno prima) peseranno sulla breve ma ripida salita. Questa, a parte alcuni cespi di orecchia d’orso che mi osservano dall’alto, è caratterizzata dalla maggior fioritura di muscari azzurro che mi si è mai presentata. Verso la fine una visione, l’emozione è incontenibile, non so se ridere o piangere… un muscari azzurro…ma totalmente albino mi blocca di colpo e mi cattura per interminabili e intensi minuti mentre un grifone volteggia tranquillo. Dal Flagjel la vista è sempre splendida, il tempo sembra tenere e rientro direttamente per la cresta passando per il Cuar. Il tempo tiene e lo sguardo spazia rapito.. Sulla via del ritorno c’è ancora il tempo per odorare i fiori di uva ursina..piccole e candide meraviglie che saziano i sensi.
  • 11/04/2013 Escursione fatta il 7/4 dalla val Tochel al Flagjel. Nel canalone finale tracce di neve evitabili fino a quando il sentiero non taglia a destra del canale per salire al Cuel dai Poz. Il traverso finale era impraticabile vista la pendenza e la neve residua che superava in quel tratto i 30 cm. Si sale al quel dai Poz quindi a sinistra del canale, diverse tracce di passaggi. Sul Cuel dai Poz 30 cm di neve e sulla restante cresta anche di più. Neve però molle e insidiosa... I ramponi sono inutili, servivano solo le ghette e le ciaspe (ciaspe che non avevo però...). Rientro per lo stesso sentiero, non ho nemmeno tentato di scendere sul versante nord alla malga con quelle condizioni di neve. 4 ore tutto il giro, 50 minuti solo per fare il tratto in cresta andata e ritorno. Nonostante questo è stato un giro interessante e diverso dal solito, considerato che sono salito da queste parte da ogni versante e con ogni condizione. Al ritorno sopra di me almeno 15 forse 20 grifoni (uno stormo??), mai visti così tanti assieme. Il rumore del vento tagliato dalle loro ali è sempre impressionante.
  • 28/01/2012 Fatto oggi tutto l'anello, esattamente come descritto su SN. Devo dire che la salita lungo il canale erboso al Cuel dai Poz è veramente ripida anche se mai realmente pericolosa. Purtroppo la giornata non era ideale, per le velature che coprivano la pianura ma la vista sui monti circostanti, sia pur limitata, valeva la pena della salita.Mauro.
  • 03/04/2011 Escursione odierna, sole da inizio estate. A completezza segnalo (come peraltro già riportato sui Sentieri del Silenzio) che il sent. iniziale si trova a sx ee è numerato 817, zecche fino al ghiaione. Per la discesa è molto bello e comodo il sent.815 che parte a sx subito dopo la malga Cuar, e in meno di 50 mimuti porta al Cuel di Forchia. Da lì si può utilizzare la scorciatoia segnalata a sx 816 che permette di evitare un tratto asfaltato. Bel giro. Avendo ulteriore tempo dal Cuel di Forchia si può arrivare al vicino Monte Covria.Loredana
  • 10/02/2011 Confermo, il canalino del Cuel dai Poz è abbastanza insidioso, per la ripidezza, la scarsità delle segnalazioni (nella parte finale quasi non ce ne sono) e l'assenza di appigli nel malaugurato caso di una scivolata. L'orientamento, però, non è comunque difficoltoso, si tratta semplicemente di raggiungere la cresta; il ghiaione è grossolano, quindi abbastanza stabile (per essere un ghiaione!). A parte questo è un bel giro, soprattutto la salita al Flagjel.
  • 28/10/2010 la salita nel canalino del cuel dai poz e' mal segnalata, molto ripida
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Il monte Cuar dallo sbocco del canalino.
    13/05/2013 Il monte Cuar dallo sbocco del canalino.
  • Salita del canalino erboso verso il Cuel dai Poz
    13/05/2013 Salita del canalino erboso verso il Cuel dai Poz
  • Cuel dai Poz - pendio innevato. pendio innevato dal Cuel dai ...
    22/01/2009 Cuel dai Poz - pendio innevato. pendio innevato dal Cuel dai ...
  • Un incontro inaspettato. dal Cuel dai Poz verso il monte Fla ...
    20/01/2009 Un incontro inaspettato. dal Cuel dai Poz verso il monte Fla ...
  • Monte Cuar. Panorama di nuvole dal Monte Flagjel. . mizio_it ...
    22/12/2007 Monte Cuar. Panorama di nuvole dal Monte Flagjel. . mizio_it ...
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Forgaria
  • Webcam Trasaghis
  • Webcam Tolmezzo
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva