il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 75 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_2961_2_3_HDR
    Anello di Sot Cretis da Villanova
    Alpi Carniche
  • IMG_1799
    Anello di Sot Cretis da Villanova
    Alpi Carniche
  • IMG_1784
    Anello di Sot Cretis da Villanova
    Alpi Carniche
  • IMG_1766
    Anello di Sot Cretis da Villanova
    Alpi Carniche
  • IMG_1746
    Anello di Sot Cretis da Villanova
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaM24

Anello di Sot Cretis da Villanova

Avvicinamento

Risalendo dalla pianura la Statale 13 Pontebbana, si imbocca il Canal del Ferro oltrepassando in successione Moggio e Resiutta. Giunti al rettilineo di Chiusaforte, circa 700 m dopo il viadotto autostradale, si devia a sinistra entrando nella frazione di Villanova. Qui si risale via Volanic che conduce alla parte alta del paese fino alla piazzola dove termina la strada (parcheggio, m 406).

Descrizione

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri della Memoria
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Maggio
Carta Tabacco
018
Dislivello
1400
Lunghezza Km
18,2
Altitudine min
406
Altitudine max
1540
Tempi
Dati aggiornati al
2014
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 15/05/2016 Inizio a camminare con foga tra le prime Platanthere, voglio togliermi di dosso l'eco dell'autostrada. Quasi subito però son frenato da manovre militari in pompa magna. Impressionanti le forze messe in campo. Centinaia di ninja in tuta verde, oblunghi e minuscoli, si calano con un filo di seta dai rami degli alberi. La foto viene sfocata e non riesco a determinarne la specie. Una miriade di bruchi Geometridae, al segnale prestabilito, dan via all'assalto! Non so se l'intenzione sia quella di scendere o se, tramite l'effetto pendolo aiutati dal vento, abbian intenzione di cambiare ristorante. Certi punti del sentiero paiono addobbi natalizi. Proseguire un'odissea. I bastoncini usati a mò di Mr. Magoo liberano i metri successivi. Nonostante ciò, parecchie decine di loro s'aggrappano agli indumenti. Abbandonano le arti marziali per divenir geometri, misurando col loro buffo incedere, ogni parte del corpo. Paion sarti intenti a prender il girovita. Per poi alzarsi a curiosare e gridare al collega "Hai finito col girocollo?". Il primo tratto è un tripudio di Citiso rosso. La dorsale del Plauris si stiracchia al sole, bella pallida di neve. Il Lavara mostra il suo lato salvadi che m'aspetta, per seguirne l'ascesa lato nordest, segnalatami da una relazione d'annata del sior Mario. Poi l'oasi di Polizza, Con quel corridoio di noccioli in foglia e gli Epimedi che ricordo bene. Pochi metri che paion potati ad hoc. Pure organic love! Di lassai il cûr! E finalmente tutto tace, o meglio, il paesaggio si lascia trasfigurare dalle sue voci che nulla han d'umano. Il Pisimoni aspetta i suoi primi penitenti, rigoglioso. Un'ampia boccata agli stavoli Conturate per poi immergermi ancora nell'apnea del bosco. Le candide vasche rabboccano la borraccia. Poi la neve, poca, che ben si sposa a far da mantello a quelle pareti. Aggettanti, soggioganti. Ispeziono il casermone con quelle scale escheriane che non portano oramai a null'altro che non sia cielo. I rimasugli dell'umano si fan metafora. Scarto l'idea di puntare alla forcella di Sot Cretis (o rio Molino). La neve è scivolosa. Sotto il vecchio cartello Cai qualcuno ha scritto "non si passa!". Poi il tratto più bello dell'escursione. Che implica l'attraversamento di delicati accumuli oggi sicuramente scomparsi. Un saliscendi arioso che obbliga a voltarsi ogni due passi. Sospirando. Incrocio un camoscio che fugge a valle, saltando tra i pinnacoli, con quelle zampe che diventan una, strette come da un paio di bolas argentine, per aggrapparsi agli striminziti spuntoni che conosce a memoria. Non fugge. Vola! Un battito d'ali lo adagia al successivo appoggio. Mi fissa. Prende coraggio, con calma, e aleggia ancora verso valle. Il tratto franato indicato da Loredana è breve ma sempre più esile. Ci vuole passo sicuro finché non si recuperi nuovamente il troi a suon di picca. Sotto quota 1200 la traccia pare perdersi tra le ginestre che la invadono per qualche metro, ma la prosecuzione va proprio in quella direzione. I petali del Latte di Gallina si sono aperti al sole. Gli stavoli Polizza rinnovano la carezza dell'anima, ultimo sospiro al cospetto di Jama e Jovet per poi correr a valle.(08.05.2016)
  • 18/05/2015 Anello percorso ieri con partenza dalla strada per Roveredo (m. 346, sent. 425/A); sono salito coma da relazione lungo il 425 e sceso per il 425/A; i sentieri sono in buone condizioni, con qualche franetta e qualche albero caduto, che non danno particolari problemi; il pericolo principale è rappresentato dalle zecche, nel tratto in salita dal letto del rio Cuestis, dove il sentiero è particolarmente invaso dall'erba (a casa ho dovuto farmene togliere più di 20!); in discesa, dopo forc. Pedot avevo intenzione di proseguire con il sent. 427 e poi con il "nuovo" 426 per il Plananizza ed il Belepeit ma mi è sfuggito il bivio (forse per mia disattenzione ma stranamente nella relazione di S.N. il bivio con il 427 non viene citato); mi sono così trovato sul greto del rio Agar de lis Tais, che bisogna seguire per un bel tratto (non ho visto segni ma qualche ometto, i segni ricompaiono più in basso, quando la traccia riprende sul versante opposto a sinistra); per finire, mi sento di consigliare la percorrenza dell'anello in senso inverso: il 425 è comunque anch'esso piuttosto ripido nel tratto dopo il bivio con il 424 e (soprattutto)salendo lungo il 425/A la Fortezza Bastiani appare in lontananza come un miraggio una volta aggirato lo spigolo della Costa Mauron! Ciao a tutti!
  • 09/06/2014 Sot Cretis: ovvero into the wild. Bellissimo percorso, impegnativo per lunghezza, il dislivello si fa sentire solamente nel tratto finale quando il casermone si è già mostrato e pare che sia dietro l’angolo, invece ci sono ancora un paio di pallini da sputare fra i mughi. L’avvio è un po’ strano, si deve passare davanti al pianerottolo di due abitazioni private, probabilmente, per non disturbare gli abitanti, ci dev’essere qualche altra traccia che inizia da più in basso. Inizialmente sentiero non segnato ma evidente fra erba alta, oltre diventa sv 425, sempre segnato e ben percorribile, ovviamente ci sono dei tratti un poco rovinati, da farsi con più attenzione, almeno per me che sono molto, ma molto prudente. Dopo aver ammirato Conturate, si deve tornare sui propri passi per una decina di metri per riguadagnare il sentiero e scendere comodamente verso il rio Canalotto, il bosco è un bramato rifugio dalla calura, ieri c’era solo una piccola residua slavina da attraversare poco prima del casermone. Ambiente solitario e incantato, vale ogni fatica; la discesa per il 425a presenta un breve tratto di sentiero franato, qualche metro, sabbia infida; un miraggio il rio Agar da li stais, acqua fresca, riempite borracce e camel bags, avevamo sudato l’impossibile e centellinato l’acqua proprio per non trovarci al secco. Si attraversa il rio immediatamente dopo il tratto sabbioso, gli ometti non mancano e sono ben visibili, da lì il percorso è quasi tutto nel bosco, a tratti la traccia si perde ma i segnavia sono sempre visibili. Lungo il traverso sopra Chiusaforte una sorpresa: un grande ciuffo di raponzoli di roccia sul ghiaino a terra, ma come? Stamattina non c’erano..ma guarda che meraviglia… e poi scopriamo che una roccia si è staccata dalla parete strappandoli e facendoli scivolare a terra, radice al vento. Erano splendidi, grandi…peccato
  • 23/05/2014 22/05/2014-Sot Cretis ovvero: fuori dal mondo. Il tempo si è rimesso al bello e allora si è ripercorso l'itinerario ad anello. Acqua sorgiva (con rubinetto!) presso la seconda ancona votiva prima degli stavoli Polizza e acqua anche agli stavoli (serve al ritorno...) dove il rumore dell'autostrada cessa definitivamente per lasciarci ore e ore di silenzio boschivo e di rumoreggiare di acqua dei torrenti. Per essere lungo, è lungo. Ma carichi entrambi di motivazione(e Ivo anche di materiale tecnico) l'abbiamo ripercorso con buon passo; nessun incontro in tutto il dì. Sempre emozionante il casermone così appartato. Ottimo il lavoro dei volontari che hanno ripulito schianti e tolto mughi. Grazie.
  • 11/06/2012 Buon giorno, il 10/06/12 ho raggiunto il ricovero con il sentiero 425A senza problemi: percorso solitario che mi è piaciuto molto e il ricovero ancora di più. Nell'ultima parte, c'è una folta vegetazione che nel dicembre2011, complice anche un pò di neve, non mi ha permesso di arrivarci con il sentiero 425. Molto bello anche quest'ultimo sentiero almeno fino al bivio dell'alta via
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • stavoli Conturate
    09/06/2014 stavoli Conturate
  • stavoli Polizza
    09/06/2014 stavoli Polizza
  • selvaggio e solitario percorso
    09/06/2014 selvaggio e solitario percorso
  • ambiente severo
    09/06/2014 ambiente severo
  • il casermone dal sentiero di discesa
    09/06/2014 il casermone dal sentiero di discesa
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Madrizze
  • Webcam Gartnerkofel
  • Webcam Casera Canin
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva