il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 163 ospiti - 3 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_3722
    Monte Sernio dalla Val Aupa
    Alpi Carniche
  • IMG_3752
    Monte Sernio dalla Val Aupa
    Alpi Carniche
  • IMG_3772
    Monte Sernio dalla Val Aupa
    Alpi Carniche
  • IMG_3835
    Monte Sernio dalla Val Aupa
    Alpi Carniche
  • IMG_3868
    Monte Sernio dalla Val Aupa
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaR22

Monte Sernio dalla Val Aupa

Avvicinamento

Dalla statale n.13, Pontebbana, deviare verso Moggio proseguendo poi lungo la rotabile della val Aupa per poco meno di 8 km. Seguendo le indicazioni per il rifugio Grauzaria, si risale ancora a sinistra una stretta e ripida rotabile che termina in corrispondenza dell’inizio del sentiero CAI n.437 (m 727, cartello, piccolo parcheggio).

Descrizione

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri della Rupe
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Luglio
Carta Tabacco
018
Dislivello
1600
Lunghezza Km
12,3
Altitudine min
727
Altitudine max
2187
Tempi
Dati aggiornati al
2004
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 16/07/2015 10-07-2015 Saliti al rifugio Grauzaria per pernottamento e il giorno seguente raggiunta la vetta del monte Sernio con relativa discesa al parcheggio. Dopo 38 anni esatti ho rifatto questa splendida montagna che ha visto allora muovere i miei veri primi passi alpinistici su questo gruppo dolomitico assieme ad altri compagni.Per la mia signora è stata una conquista, per me un mondo pieno di ricordi con le sensazioni, di adesso e di allora, per un mito rimasto sempre nel cuore.
  • 05/07/2015 Non è stata promessa da marinaio, ci son voluti 4 anni ma alla fine quella frase”ti porto sul Sernio” si è realizzata, grazie Graziano...Giornata caldina per questa escursione e inizialmente anche umida, attacco del sentiero alle .6.15, rifugio Grauzaria ben sveglio e popolato, do confidenza ad un cane che si diverte a farmi lanciare un bastoncino per poi riportarmelo. Si va, sentiero senza problemi, un po' di erba alta, mughi invadenti e caldi, forca Nuviernulis , aggiramento della torre e alla paretina c'è chi scende, qualche altra difficoltà, ometti e segni giallini e alla fine l'antecima e la cima. Gran bella montagna, massiccia e ruvida, me la facevo più difficile, peccato che oggi il gran caldo abbia limitato la visibilità.
  • 09/06/2015 Saliti il 6/6/15 pernottando allo splendido ed egregiamente gestito rifugio grauzaria. Col caldo di questo periodo è stata ottima la scelta di partire alla alba dal rifugio riuscendo a fare col fresco tutto il percorso almeno fino alla forca nuviernulis. Dopo la forca il sentiero che sale per il Sernio è sufficientemente segnalato e pulito per raggiungere senza difficoltà la forcella tra il Sernio e la torre.poi tutto come da descrizione s.n. faticoso ma divertente e mai realmente pericoloso la traccia raggiunge la cima regalando un panorama unico e maestoso paragonabile ai giganti più noti e blasonati. Splendida montagna che,piena di gulie,canalini e sculture naturali, regala a chi ci sale uno spettacolo unico e gratificante. Direi che con questi caldi è preferibile dormire al rifugio data l esposizione al sole prolungata e i vari saliscendi della prima parte del percorso.
  • 04/09/2014 Saliti in data 21/08/14: nulla da aggiungere ai commenti precedenti, tutto invariato. Sentiero in ottime condizioni.
  • 03/09/2013 Un vero e proprio punto cardinale nell'orizzonte escursionistico del sottoscritto! Escursione veramente appagante. I 1600 metri di dislivello sembrano meno. Segnalo che, arrivati a forca nuviernulis, occorre perdere circa 30-40 metri di quota per incontrare la deviazione per il sernio, ben segnalata su una roccetta in terra, in corrispondenza di un tornante.Unico neo (dovuto ovviamente all'ineducazione) sono stati i numerosi mozziconi di sigaretta, lungo il percorso e sulla cima. Non mi pare neanche il caso di sottolineare i motivi di biasimo di un simile comportamento...ma non potete fumare a casa (o magari rimanerci, a casa)?
  • 07/09/2012 Dopo una settimana di forzata inattività, causa maltempo e impegni vari, oggi sono salito sulla cima del Sernio, seguendo l'itinerario proposto da SN. Concordo sostanzialmente con le osservazioni fatte dal commentatore precedente sulle difficoltà e i segnavia. Il panorama dalla cima è mozzafiato, si ha davvero la sensazione di essere al centro della Carnia! Mauro.
  • 27/08/2012 Giunto in cima lo scorso mese di luglio. Decisamente bello e, tutto sommato, più facile del previsto. Fino all'attacco della prima paretina il sentiero è agevole ed in condizioni perfette; poi i segnavia gialli, ormai sbiaditi, necessiterebbero una ripassatina. Aguzzare bene la vista negli ultimi 150 metri di dislivello per individuare i sv che mantengono la direzione della risalita completamente sulla destra. Il colpo d'occhio dal Foran de la Gjaline sulla massicciata imponente del Sernio è di quelli che ti lascia senza fiato e ti scoraggia il proseguimento. Non ho incontrato tratti eccessivamente esposti. Ad intinere ho incrociato Graziano "ferro" De Crignis dell'Aldo Moro di Paluzza, classe 1943, uno dei più forti podisti di montagna a livello mondiale. Io (classe 1963) arrancavo in salita bardato di tutto punto mentre lui, in discesa, se ne veniva giù a razzo, in calzoncini e canottierina, saltellando tra le rocce come uno stambecco (o pecora clonata adottata da camosci). Ci ho fatto la figura del Fracchia....
  • 31/08/2010 Escursione effettuata il 26/08/2010: il sentiero è risultato in ottime condizioni.Alcune note alla descrizione dell'escursione: il rifugio è di nuovo gestito già da alcuni anni; nell'ultima parte della salita (15 min dalla vetta, circa) è stata posta una targa a memoria di un aereo inglese schiantatosi sul monte durante la seconda guerra mondiale.In cima è presente solo la croce sull'antecima, dove è stato posto anche il libro di vetta.
  • 28/08/2007 percorso impegnativo ma non eccessivamente; per il rientro abbiamo utilizzato il sentioero che lascia sulla destra la Torre di Nuviernulis, scendebdo sui ghiaioni e riprendendo il sentiero 419 più in basso. Bello.
  • 02/06/2006 situaz neve buona nei tratti a nord. presenza neve ma non in zone difficili. a sud assolutamenet niente. al 27.05
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • la cima
    05/07/2015 la cima
  • in vista dell'antecima
    05/07/2015 in vista dell'antecima
  • Monte Sernio. Monte Sernio avvolto da nuvole. . bernardinoud ...
    07/07/2009 Monte Sernio. Monte Sernio avvolto da nuvole. . bernardinoud ...
  • Cima M.te Sernio. Panorama dalla cima del Sernio. . bernardi ...
    07/07/2009 Cima M.te Sernio. Panorama dalla cima del Sernio. . bernardi ...
  • Tramonto ( Sernio/Grauzaria). . . frank.jamelle@gmx.de
    05/11/2007 Tramonto ( Sernio/Grauzaria). . . frank.jamelle@gmx.de
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Paularo Zermula
  • Webcam Ligosullo
  • Webcam Creta d'Aip
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva