il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 36 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum GPS   Precedente Successivo
N. record trovati: 2
Messaggio

Anello di LISAGNO (salita da Cuel Faltron, Troj di Hyster))

16-11-2018 16:49
daniele.moroldo daniele.moroldo
Il sentiero di Hyster inizia sulla sella di di Cuel Cjalastri (m. 410) ed è stato da me ripulito dai recenti schianti.
Dalla strada regionale ad ovest del bar-ristorante “Al Gambero” imboccare una strada bianca che costeggia sulla sulla sinistra (destra orografica) il rio Maggiore. All’altezza di un guado sulla destra e di due abitazioni a sinistra la strada diviene asfaltata (m. 325) e dopo un centinaio di metri piega a sinistra e sale ripida terminando poco più a monte. Conviene parcheggiare l'auto subito dopo il guado, utilizzato da chi proviene da Amaro.
Al termine della strada, dopo alcuni metri il sentiero sale a destra contornato da resti di muri a secco e aggirato a destra uno stavolo oramai crollato raggiunge la sella di Cuel Cjalastri. Qui si può arrivare anche dalla strada che sale alla Forca del Cristo scendendo a sinistra lungo una stradina bianca (m. 435) poco prima del ponte sul rio Touf, che conduce allo stavolo Zanella (m. 415). Un buon sentiero scende sotto lo stavolo ed oltrepassa il rio Maggiore conducendo alla sella di Cuel Cjalastri (in entrambe le soluzioni si impiegano pochi minuti).
Dalla sella il sentiero sale a sinistra (grosso abete inclinato con bollino giallo) in una piccola radura per poi addentrarsi nel bosco e proseguire lungo il costone di Cuel Faltron. Piega poi a destra oltrepassando un canale (m. 600). Poco oltre risale a sinistra un ripido tratto che porta ad un saltino di roccia che si supera facilmente ed obliquando a destra in breve porta ad una spalla panoramica. Sale a destra passando sotto un roccia ed imbocca una cengia ascendente a sinistra che con un ultimo tratto esposto conduce ad un bel punto panoramico (m. 700). Il passaggio esposto si può evitare salendo comodamente a destra.
Raggiunta la soprastante anticima di Cuel Faltron (m. 782) scende brevemente ad una selletta. Ora il sentiero procede con alcuni ripidi tratti lungo il successivo costone, traversa a sinistra e sale ancora. Più in alto traversa decisamente a sinistra, scende alcuni metri e obliqua a sinistra per poi riprendere a salire direttamente raggiungendo la cresta sommitale di Cuel Faltron (m. 975. Seguita verso ovest la cresta conduce sulla sommità del monte, m. 985). Una breve discesa porta agli stavoli di Lisagno di Sopra (m. 912).
L'imbocco del sentiero CAI 414 per la discesa si trova all'inizio della salita asfaltata che conduce alla Forca del Cristo, sulla destra nei pressi di una canaletta di scolo delle acque piovane. Scende ad un piccolo intaglio franoso localmente conosciuto come “Strangolât” (veduta sui “Lastrons di Valerie” e sulla sottostante strada) e con numerose svolte porta ad un piccolo rio (rio Faltron). Oltrepassato quest'ultimo scende sotto la tetra parete nord di Cuel Faltron e deposita sulla strada asfaltata Amaro-Lisagno all'altezza del terzo tornante. Nei pressi della sottostante curva due successive scorciatoie permettono di evitare gli altri due tornanti e di arrivare al ponte sul rio Touf (m. 460 circa).
Ore 2.00 circa per l'intero giro.


Traccia GPX: 1. TROJ DI HYSTER.gpx
Visualizza la mappa dettagliata
Messaggio
16-11-2018 16:53
daniele.moroldo daniele.moroldo
Sentiero da non sottovalutare in quanto presenta tratti piuttosto ripidi e in alcuni punti esposti. Per escursionisti esperti ed allenati.
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva