il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 82 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Anello del bivacco Stuparich dalla Val Saisera
N. record trovati: 7
Messaggio
30-08-2019 20:56
paolino paolino
30 agosto 2019 salito al bivacco Stuparich dalla val Saisera per sentiero 639, attenzione a imboccare il sentiero lungo il torrente.
Ultimo pezzo il sentiero si inerpica. Il bivacco molto ben fornito: cibo, coperte ecc. 2 ore per salire. Poi sceso fino a icrociare sentiero per il Rif. Grego. Percorso sali scendi con punti da prestare attenzione, attraversamento dei piccoli torrenti sent. 611, dal biv. al rif. 1 h 20 min
Bel percorso, lungo. Poi sceso fino al parcheggio Val Saisera
Messaggio
28-07-2019 13:47
myshkin57 myshkin57
Saliti mercoledì 24/07, seguendo il percorso descritto sul sito in senso contrario (orario).
Come già detto da Alessandro pochi giorni prima, tutto il percorso è in ordine sia per la percorribilità che per le segnalazioni. Le attrezzature fisse sul tratto che sale allo Stuparich dalla Spragna sono perfettamente in ordine.
La faggeta nella parte bassa del 616 offre sempre un'atmosfera magica.
Vorrei solo segnalare che non vi sono più cartelli che avvisano della chiusura dei sentieri che partono dal Mazzeni (Chersi e Lavinal dell'Orso) né accanto al ponte sul Saisera né alla Malga Saisera. Tuttavia non ho trovato alcuna notizia sulla revoca da parte del Sindaco di Malborghetto del divieto a causa della frana dal Modeon del Buinz, né sul sito del Comune di Malborghetto che su quello del CAI di Tarvisio. Qualcuno sa se questo divieto esiste ancora?
Buone montagne a tutti.
Messaggio
20-07-2019 09:24
alessandro alessandro
...aggiungo al mio precedente commento che ANCHE lungo i sentieri di questa escursione non mancano parecchi mozziconi di sigaretta: ma se proprio ci si vuol ammazzare un po’alla volta, perché non farlo senza sporcare ciò che non è proprio portandosi a casa i mozziconi? Sono immondizie come ogni altra cosa e il fatto che generalmente e maleducatamente vengano gettati in giro e che la cosa sia quasi tollerata non toglie che siano immondizia
Messaggio
19-07-2019 23:52
alessandro alessandro
Escursione fatta oggi 19 luglio come da relazione.
Tutto ok ed esattamente come riportato da SN per bivacco, sentieri e segnalazioni. Un po’ di cautela in qualche tratto della discesa dopo il bivacco, quando il sentiero si fa discretamente più impegnativo
Messaggio
03-06-2019 11:21
myshkin57 myshkin57
Raggiunto ieri, 02/06, il bivacco Stuparich dal rifugio Grego. Tutto il sentiero 611 in ordine, a parte qualche breve tratto dove l'erosione nei canalini che scendono dallo Jof di Somdogna si accentua sempre più. Trovata poca neve solo alla fine della rampa finale prima di giungere al bivacco, dove ieri era presente il personale della Società Alpina delle Giulie per la manutenzione ordinaria. Ritorno in Malga Saisera per il canalone che scende dalla Portizza, sentiero 616.
Corrado
Messaggio
24-10-2016 14:02
respada respada
23-10 2016 Traversata dal bivacco Stuparich al bivacco Mazzeni con partenza e arrivo a malga Saisera con i sentieri 639 611 616.
Giornata fredda ma con poche nuvole e discreto innevamento in quota.
Attrezzature del sentiero 611 in buono stato,i due bivacchi in ottime condizioni e puliti.Bellissimo percorso da consigliare.
Messaggio
16-09-2014 20:22
loredana.bergagna loredana.bergagna
Era in lista delle cose da fare, un’occasione per tornare al bivacco Stuparich, oggi odoroso di vernice fresca. In fondo alle ghiaie della Val Saisera (al limitare del bosco) si intravede un ammiccante cartello, vecchio cartello Cai in metallo: sentiero 639 bivacco Stuparich 1ora e 30, perbacco, che bello! Salgo su una traccia nascosta da schianti e fagocitata dal verde, qualche segnavia e bollo rosso, brontolando penso che dev’essere trascorso un bel po’ di tempo da che un piede umano abbia calpestato quella traccia, ma non mollo fino ad una banconata rocciosa dove proprio il sentiero scompare, ridiscendo per realizzare che ho ravanato 3 ore sulla traccia nera che conduce/conduceva effettivamente al bivacco. Per non farsi fuorviare conviene, all’inizio delle ghiaie, mantenersi a destra e si trova il bellissimo esatto segnavia 639. La salita è comoda, oggi un po’ scivolosa, ma anche questo sentiero ha qualche ferita da leccarsi, bivacco rosso brillante, usato di recente; discesa tramite sv 611, sentiero Chersi, attrezzature in ottimo stato, una cengetta esile ancor più assottigliata, bello il percorso nel bosco sassoso, dal parcheggio un’occhiata in alto: la spruzzata di neve avverte che “l’estate” è quasi finita.

Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva