il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 186 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Cimon di Agar da Forni di Sotto
N. record trovati: 4
Messaggio
13-12-2015 17:05
michele michele
Percorso oggi, un po' di neve anche dura sopra la casera nei tratti in ombra fino alla cresta, ma non crea eccessivi problemi. La delicata salita finale alla cima è sgombra di neve.
Sceso per il sentiero dei cacciatori come suggerito da Michela nel commento precedente, che è senz'altro un'ottima alternativa alla lunga strada forestale. Questo sentiero ora è perfettamente indicato da rinnovati segnavia CAI quindi non vi è alcun rischio di perder la traccia.
Messaggio
10-07-2011 00:00
Michela Michela
Segnalo che, in alternativa alla lunga strada con segn. 378, si può scendere (o salire, ma è piuttosto ripido e faticoso) per il "sentiero dei cacciatori di Forni di Sotto", con segni bianchi-rossi senza numerazione CAI. Il sentiero meriterebbe maggior frequentazione perché è interessante e vario, non è difficile ma richiede un po' d'esperienza nel seguire le tracce, essendo la segnaletica disomogenea e a tratti poco visibile. Si lascia la stradina segn. 378 dopo una breve risalita, presso uno slargo q. 1572 (tabelle e bivio per c.ra Chiavalut). Si va a sinistra (targhetta metallica illeggibile) per traccia che traversa nel bosco di larici giungendo a un'ampia e bella radura q. 1541. La si scende sul lato sinistro fin quasi al margine inferiore, e verso sinistra si riprende il sentiero che entra nel bosco. Con discesa obliqua si giunge al piccolo solco di un impluvio, e lo si scende direttamente un buon tratto in direz. N (ometti, segni deteriorati). In ultimo, dopo breve discesa sulla destra idrogr., si passa l'impluvio a q. 1225 c.: tabella col nome del sentiero, che riporta una quota del costone a fianco. Si scende tagliando obliquamente a sinistra il fianco boscoso, con brevi tratti più ripidi (attenzione a non perdere la traccia). Dopo un leggero saliscendi e il passaggio di alcuni impluvi si scende con pendenza regolare ai ruderi del f.le Dosalé q. 1068. Appena oltre, il sentiero scende diretto un breve tratto di abetaia, poi nella faggeta con parecchi zigzag abbastanza evidenti. L'ultimo tratto segue la linea del costone a sinistra del rio Chiaredare, passa una vecchia casa e termina presso dei ruderi (f.li Culau?), sulla stradina che costeggia il Tagliamento: seguendola a destra si torna al ponte Sacrovint in 20' c. Nota per l'imbocco in salita: subito dopo i primi tornanti della carrareccia CAI 378 si va a destra per stradina, lungo la quale si trovano i ruderi poco dopo un ampio prato con steccato.
Messaggio
10-04-2011 00:00
mcamuffo mcamuffo
Fatto oggi fino a Casera Chiampiuz: ancora troppa neve dopo i 1300m. Percorso da fare effettivamente da giugno. E' ben indicato e ben ombreggiato. Max.
Messaggio
29-09-2005 00:00
Belgina@alice.it Belgina@alice.it
Meravigliosa
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva