il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 73 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Timau (Creta di)
N. record trovati: 10
Messaggio
11-10-2020 19:41
renatospa renatospa
!0/10/2020 Approfittato della finestra di bel tempo per ritornare su questa panoramica cima.Totale assenza di neve e sentiero ben segnalato.Di seguito prolungato l'escursione salendo sulla vicina Cima Avostanis per poi ridiscendere all'omonimo laghetto. Buone montagne a tutti.
Messaggio
19-09-2020 15:39
ectorus ectorus
Salito mercoledì 16 u.s. partendo da Pramosio. Sentieri in ordine e privi di asperità. Dal laghetto Avostanis qualsiasi traccia di sentiero che si prenda in direzione della creta , conduce alla meta in un bellissimo ambiente altamente panoramico. Scendendo, la dove si vede l'ingresso di una galleria di guerra e il sentiero svolta bruscamente a dx, proprio di fronte è individuabile la traccia di sentiero che ripercorre la linea di cresta che unisce la Creta con il monte Avostanis. Traccia tranquillamente percorribile che termina alla base del monte Avostanis da dove lo si sale sempre per traccia ben evidente. Bellissimo itinerario. Buona vita a tutti
Messaggio
08-09-2019 13:15
giuseppe.venica giuseppe.venica
Raggiunta la cima il 06/09/2019 all’interno dell’escursione ”Anello della Creta di Timau” con partenza ed arrivo dalla piazza della chiesa di Timau. Tutto il percorso è ben tracciato ed in buone condizioni; non presenta particolari difficoltà, richiedendo un po’ di concentrazione solo nella parte finale dove il sentiero prosegue un poco esposto su terreno roccioso. Per guadagnare la cima si può risalire un breve canalino attrezzato con staffe e cavo metallico. Purtroppo niente panorama a causa di una fitta nebbia. Buone camminate a tutti. Bepi (Cividale).
Messaggio
28-07-2019 10:49
oliver72 oliver72
Escursione di ieri sulla Creta di Timau da Pramosio, saliti dalla mulattiera e scesi poi lungo il sentiero che porta al lago Avostanis. Abbiamo percorso un lungo tratto della mulattiera immersi nella nebbia, giunti all'attacco del canalino attrezzato il cielo si è schiarito regalandoci uno splendido panorama.
Messaggio
03-12-2018 11:32
renatospa renatospa
2-12-2018 Creta di Timau da Malga Pramosio. Salito con l'auto fino alla malga Pramosio bassa.Strada percorribile liberata dai numerosi alberi schiantati.Dal laghetto Avostanis intrapreso il sentiero 452a che conduce al breve camino attrezzato che porta sulla panoramica cima.Alternanza di nebbia e schiarite con nevischio sulla via del ritorno.Da 10 a 20 cm.di neve fino al laghetto,30-40 cm sotto la cima.Buone montagne a tutti.
Messaggio
15-07-2018 22:35
francesca francesca
Escursione uscita all'ultimo momento per l'instabilità del tempo e la voglia di tornare su cime che da tanto tempo non visitavamo.
Partiamo da quota 1110 ca sulla strada che sale a Pramosio sopra Laipacco, dove lasciamo l'auto presso un tornante. Utilizziamo i sentieri CAI 403 e 407, transitando per Casera delle Manze raggiungiamo casera Pramosio Alta, dove si trova parecchia gente, tra escursionisti e giovani spaparanzati al sole. C'è un gran vociare, mentre altri salgono e scendono dalle montagne. E' una visione insolita per noi che evitiamo posti troppo frequentati. Ma il seguito ci serberà delle sorprese. Da un tempo minaccioso, si scatena ben presto un violento temporale: tutti si affrettano nel mettersi al riparo nei vicini ricoveri, noi scendiamo in fretta dal sentiero per l'Avostanis e ci rifugiamo nello stallone, dove troviamo altre persone...nel frattempo arrivano anche le mucche che giustamente reclamano il loro spazio nella loro casa: è uno strano "tu per tu" con questi splendidi animali che da sempre ci nutrono con il loro latte e i genuini formaggi delle malghe, mi sento ospite ma non ho chiesto il permesso di entrare. Sopraggiunge pure Ivo Pecile, con nostro grande stupore di incontrarlo per la prima volta in montagna e in questo frangente...ma c'è anche Luciano Regattin, amico di SN, che va ad aggiungersi alla lista degli amici virtuali conosciuti di persona! Cessato il diluvio spariscono quasi tutti, mentre noi ci incamminiamo verso l'alto con un cielo in netto miglioramento. Raggiungiamo ben presto Cima Avostanis con l'evidente sentierino di cresta, che si stacca dal 402. Condividiamo con un altro escursionista e tre giovani lo spettacolo del temporale che si allontana creando nel cielo una cortina blu grigio scuro da una parte, mentre nell'altra le cime si svelano una dopo l'altra! La Creta di Timau vista da qui mi seduce irresistibilmente, con la sua cresta sinuosa verdeggiante ed il culmine roccioso. L'amico non si fa certo pregare, per arrivarci però bisogna prima attraversare la cresta rocciosa(che avevo dimenticato dopo 9 anni!)sopra la parete di roccia della conca Avostanis , più facile di quanto possa sembrare. Dopo la visita del fregio con l'aquila presso una delle Selle Avostanis, proseguiamo per la comoda mulattiera ed infine ci arrampichiamo lungo il canalino attrezzato con cavo e staffe, preferendolo al sentiero segnalato delle roccette, più rischioso. In cima c'è una nuova grande croce, posata appena il 7 luglio scorso, a ricordo dei caduti della Grande Guerra. Rientramo con il percorso di andata, con l'unica eccezione di usufruire di un sentiero evidente di fresco sfalciato che permette di evitare tratti di sterrato e cemento CAI 402. Questo s'imbocca prima di raggiungere Casera delle Manze e, dopo aver compiuto un arco a semicerchio, si riprende la strada solo per un breve tratto fino al punto in cui il suddetto sentiero ritorna per congiungersi al Rifugio Morgante. 14/7/18
Messaggio
23-04-2017 19:58
renatospa renatospa
23-04-2017 Creta di Timau
Salito alla Creta di Timau con il sentiero 402.Il tratto attrezzato finale è in buono stato anche se il canalino presenta un po'di neve bagnata e fanghiglia. Discesa poi al laghetto Avostanis e salita alla cima omonima.Giornata freddina e ventosa ma serena con nuvole in movimento.Panorami stupendi.Buone montagne a tutti.
Messaggio
16-07-2016 23:11
oliver72 oliver72
Escursione di oggi partendo da casera Pramosio. Poco prima di raggiungere il lago Avostanis abbiamo preso a sinistra la panoramica mulattiera che conduce alla Creta di Timau; giunti nei pressi della vetta siamo saliti sui gradini rocciosi sul lato destro utilizzando il canalino attrezzato per la discesa. Nessun problema da segnalare.
Messaggio
23-09-2014 18:41
ectorus ectorus
salito oggi da casera pramosio con una bellissima giornata.Sentiero 402 che segue fedelmente la strada che porta al laghetto avostanis. Sulla sx del lago, si prende una evidente traccia che porta in cima. Non è un sent.ufficiale numerato cai, ma dopo poco, si trovano segnavia bianco/rossi. Ad un bivio, privo di segnalazioni, ci sono due evidenti tracce; se si segue quella di dx,non troviamo segnali ma comunque non si può sbagliare perchè si congiunge più in altro con la traccia segnata. Se si prende la traccia di sx, i segnavia ci condurranno alla stessa meta, lungo quella che secondo me è una vecchia strada militare.Al ritorno, seguendola fedelmente , ci porta
a quota 1925 sulla strada carrareccia che sale da pramosio, saltando il lago avostanis. Nella carta tabacco, è riportata come traccia di sentiero.
Buona vita a tutti
Messaggio
22-06-2014 17:49
MauroGo MauroGo
Come prima escursione estiva, sono salito oggi sulla Cima Avostanis e sulla Creta di Timau, partendo dalla casera Pramosio, seguendo la strada di servizio e il sentiero che porta alla sella che separa i due monti e percorrendo poi, sia per l'andata che per il ritorno, la cresta e la mulattiera che porta in cima. Lungo la strada di servizio si incontrano i resti di una slavina, coperta da terriccio, e un piccolo nevaio che si attraversa senza difficoltà. Lungo la cresta ci sono solo due piccoli nevai da attraversare con un po' d'attenzione. Il piccolo tratto attrezzato sotto la cima è in buone condizioni e completamente sgombro di neve. La croce di vetta è danneggiata, probabilmente a causa della neve di quest'ultimo inverno. I vapori che circondavano la cima, verso le 11.00, consentivano di vedere il panorama solo a sprazzi. Resta comunque un'escursione di grande soddisfazione fra tanti ruderi della grande guerra. Mauro.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva