il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 47 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 34
Messaggio

Creta delle Chianevate (2769) dal Passo di Monte Croce Carnico.

07-09-2019 16:18
claudio.65 claudio.65
PREMESSA: Prendendo spunto dalla relazione "Creta di Collina dal Passo di Monte Croce Carnico" presente in questo sito, propongo quest'oggi il prolungamento alla vetta della Creta delle Chianevate lungo la cosiddetta via normale, attrezzata dal CAI Ravascletto la scorsa estate nel 150° anniversario della salita e recentemente sabotata da ignoti con rimozione parziale del cavo d'acciaio, taglio d'ancoraggi e fittoni, in modo da informare gli eventuali fruitori sulle difficoltà attuali del percorso, ritornato praticamente per lunghi tratti alle difficoltà precedenti l'estate 2018.
Allegato: 1. Creta delle Chianevate.jpg
Creta delle Chianevate (2769) dal Passo di Monte Croce Carnico.
Messaggio
07-09-2019 16:23
claudio.65 claudio.65
DESCRIZIONE: Seguendo l'ottima ed esauriente descrizione di Ivo & Sandra, percorrendo la comoda mulattiera contrassegnata dal CAI 146, ignorando le diramazioni dirette alla Cresta Verde/Grüne Schneid ed alle vette della Creta di Collinetta/Cellon, si raggiunge il bivio di quota 1870, in prossimità dell'attrezzato passaggio della Scaletta.
Allegato: 2. Creta di Collina.jpg
DESCRIZIONE: Seguendo l'ottima ed esauriente descrizione di Ivo & Sandra, percorrendo la comoda mulattiera contrassegnata dal CAI 146, ignorando le diramazioni dirette alla Cresta Verde/Grüne Schneid ed alle vette della Creta di Collinetta/Cellon, si ragg
Messaggio
07-09-2019 16:25
claudio.65 claudio.65
Tralasciando la prosecuzione del CAI 146 diretto al Rif. Marinelli, si svolta a destra seguendo ora le indicazioni ufficiali del CAI 171A, diretto alla Creta di Collina ed una recente aggiunta in pennarello celeste alla Cjanevate.
Allegato: 3. Bivio.jpg
Tralasciando la prosecuzione del CAI 146 diretto al Rif. Marinelli, si svolta a destra seguendo ora le indicazioni ufficiali del CAI 171A, diretto alla Creta di Collina ed una recente aggiunta in pennarello celeste alla Cjanevate.
Messaggio
07-09-2019 16:28
claudio.65 claudio.65
Inerpicandoci lungo il pendio erboso dello Stivale, seguendo sempre l'ottima descrizione presente in questo sito, raggiungiamo l'inizio del tratto attrezzato, dove la progressione attualmente risulta più sicura dopo la sostituzione di gran parte del cavo in acciaio ed il rinforzo degli ancoraggi, mentre la staffa rimane sempre la stessa.
Allegato: 4. Attrezzature.jpg
Inerpicandoci lungo il pendio erboso dello Stivale, seguendo sempre l'ottima descrizione presente in questo sito, raggiungiamo l'inizio del tratto attrezzato, dove la progressione attualmente risulta più sicura dopo la sostituzione di gran parte del cavo
Messaggio
07-09-2019 16:31
claudio.65 claudio.65
Usciti dal tratto attrezzato il sentiero prosegue con alcune svolte su terreno più agevole, dove il segnavia scompare a tratti nell'erba mista a roccette ed alcuni provvidenziali ometti aiutano nella giusta individuazione del percorso.
Allegato: 5. Ometto.jpg
Usciti dal tratto attrezzato il sentiero prosegue con alcune svolte su terreno più agevole, dove il segnavia scompare a tratti nell'erba mista a roccette ed alcuni provvidenziali ometti aiutano nella giusta individuazione del percorso.
Messaggio
07-09-2019 16:32
claudio.65 claudio.65
Raggiunta la zona sommitale il CAI 171 sbuca su un ampio slargo artificiale con i ruderi di una costruzione risalente alla Grande Guerra e l'evidente intaglio fra la Creta di Collina e la dorsale diretta alla Creta delle Chianevate.
Allegato: 6. Intaglio.jpg
Raggiunta la zona sommitale il CAI 171 sbuca su un ampio slargo artificiale con i ruderi di una costruzione risalente alla Grande Guerra e l'evidente intaglio fra la Creta di Collina e la dorsale diretta alla Creta delle Chianevate.
Messaggio
07-09-2019 16:34
claudio.65 claudio.65
Alla destra del manufatto bellico un sentierino segnalato da bolli rossi conduce in breve alla vetta della Creta di Collina, dove si conclude l'ottima descrizione di Ivo & Sandra.
Allegato: 7. Verso la vetta.jpg
Alla destra del manufatto bellico un sentierino segnalato da bolli rossi conduce in breve alla vetta della Creta di Collina, dove si conclude l'ottima descrizione di Ivo & Sandra.
Messaggio
07-09-2019 17:04
claudio.65 claudio.65
Dalla panoramica cima si può comunque osservare la prosecuzione dell'articolata e frastagliata dorsale diretta alla Creta delle Chianevate.
Allegato: 8. Dorsale.jpg
Dalla panoramica cima si può comunque osservare la prosecuzione  dell'articolata e frastagliata dorsale diretta alla Creta delle Chianevate.
Messaggio
07-09-2019 17:07
claudio.65 claudio.65
Rientrati all'ampio slargo pochi passi ci separano dal bivacco, ricavato all'interno di una cavernetta, dedicato alla memoria di Celso Craighero, alpinista e volontario del Soccorso Alpino di Forni Avoltri, tragicamente scomparso nella primavera del 2017.
Allegato: 9. Bivacco.jpg
Rientrati all'ampio slargo pochi passi ci separano dal bivacco, ricavato all'interno di una cavernetta, dedicato alla memoria di Celso Craighero, alpinista e volontario del Soccorso Alpino di Forni Avoltri, tragicamente scomparso nella primavera del 2017.
Messaggio
07-09-2019 17:12
claudio.65 claudio.65
Dalla minuscola struttura possiamo subito dare un'occhiata alla prosecuzione dell'itinerario, riservata comunque ad Escursionisti Esperti e motivati, avvezzi a percorsi aerei moderatamente esposti, dove necessita piede fermo e la consapevolezza di incontrare tratti con passaggi di I° e II°.
Allegato: 10. Cresta.jpg
Dalla minuscola struttura possiamo subito dare un'occhiata alla prosecuzione dell'itinerario, riservata comunque ad Escursionisti Esperti e motivati, avvezzi a percorsi aerei moderatamente esposti, dove necessita piede fermo e la consapevolezza di incontr
Messaggio
07-09-2019 17:15
claudio.65 claudio.65
Il sentiero di guerra segnalato scende al successivo intaglio, dove si notano i recenti vandalismi alle attrezzature poste dal CAI Ravascletto lo scorso anno in occasione del 150° anniversario dalla salita alla Creta della Chianevate.
Allegato: 11. Sentiero.jpg
Il sentiero di guerra segnalato scende al successivo intaglio, dove si notano i recenti vandalismi alle attrezzature poste dal CAI Ravascletto lo scorso anno in occasione del 150° anniversario dalla salita alla Creta della Chianevate.
Messaggio
07-09-2019 17:17
claudio.65 claudio.65
La successiva risalita sull'opposto versante, risulta ora priva del cavo d'acciaio, rinvenuto smontato ed avvolto alla fine della rampa e necessita quindi di particolare attenzione.
Allegato: 12. Rampa.jpg
La successiva risalita sull'opposto versante, risulta ora priva del cavo d'acciaio, rinvenuto smontato ed avvolto alla fine della rampa e necessita quindi di particolare attenzione.
Messaggio
07-09-2019 17:19
claudio.65 claudio.65
Il sentierino di guerra dopo aver doppiato un primo risalto roccioso prosegue sul versante meridionale dell'articolata cresta, alternando brevi perdite di quota a ripide risalite, tutte comunque prive del cavo d'assicurazione.
Allegato: 13. Sentiero.jpg
Il sentierino di guerra dopo aver doppiato un primo risalto roccioso prosegue sul versante meridionale dell'articolata cresta, alternando brevi perdite di quota a ripide risalite, tutte comunque prive del cavo d'assicurazione.
Messaggio
07-09-2019 17:20
claudio.65 claudio.65
Sull'aereo percorso si trovano ancora dei tratti gradinati, discretamente conservati ad oltre un secolo dalla loro realizzazione, durante il presidio della zona da parte degli Alpini.
Allegato: 14. Gradini.jpg
Sull'aereo percorso si trovano ancora dei tratti gradinati, discretamente conservati ad oltre un secolo dalla loro realizzazione, durante il presidio della zona da parte degli Alpini.
Messaggio
07-09-2019 17:22
claudio.65 claudio.65
Alcuni passaggi di I° conducono alla zona di cresta, dove il sentierino di guerra entra in un evidente trinceramento con vista mozzafiato sulle vallate circostanti.
Allegato: 15. Sentiero.jpg
Alcuni passaggi di I° conducono alla zona di cresta, dove il sentierino di guerra entra in un evidente trinceramento con vista mozzafiato sulle vallate circostanti.
Messaggio
07-09-2019 17:25
claudio.65 claudio.65
Brevi saliscendi ora privi di attrezzatura conducono ad un passaggio esposto, dove invece il cavo è ancora presente.
Allegato: 16. Attrezzature.jpg
Brevi saliscendi ora privi di attrezzatura conducono ad un passaggio esposto, dove invece il cavo è ancora presente.
Messaggio
07-09-2019 17:27
claudio.65 claudio.65
Nel tratto successivo rinveniamo ulteriori ruderi di arditi ricoveri e postazioni, costruite nell'estate del 1916 e successivamente rinforzate nel corso del conflitto, quando tutta la cresta era controllata dagli Alpini.
Allegato: 17. Postazioni.jpg
Nel tratto successivo rinveniamo ulteriori ruderi di arditi ricoveri e postazioni, costruite nell'estate del 1916 e successivamente rinforzate nel corso del conflitto, quando tutta la cresta era controllata dagli Alpini.
Messaggio
07-09-2019 17:29
claudio.65 claudio.65
Alcuni saliscendi a volte attrezzati conducono sotto una caratteristica finestrella affacciata sulla sottostante Valentintal.
Allegato: 18. Finestra.jpg
Alcuni saliscendi a volte attrezzati conducono sotto una caratteristica finestrella affacciata sulla sottostante Valentintal.
Messaggio
07-09-2019 17:32
claudio.65 claudio.65
A breve distanza una postazione parzialmente blindata può essere utilizzata come precario ricovero di fortuna nel caso di maltempo, anche se per intraprendere l'impegnativa escursione odierna è preferibile un meteo ottimale.
Allegato: 19. Cavernetta.jpg
A breve distanza una postazione parzialmente blindata può essere utilizzata come precario ricovero di fortuna nel caso di maltempo, anche se per intraprendere l'impegnativa escursione odierna è preferibile un meteo ottimale.
Messaggio
07-09-2019 17:34
claudio.65 claudio.65
Una breve discesa protetta conduce quindi al sottostante intaglio, dove inizia l'evidente impervio canalino terminale ed ognuno, valutando le proprie capacità fisiche, deciderà il da farsi.
Allegato: 20. Canalino.jpg
Una breve discesa protetta conduce quindi al sottostante intaglio, dove inizia l'evidente impervio canalino terminale ed ognuno, valutando le proprie capacità fisiche, deciderà il da farsi.
Messaggio
07-09-2019 17:36
claudio.65 claudio.65
Le attrezzature presenti all'inizio del canalino e durante la prima parte dell'ascesa non devono però trarre in inganno, facendo abbassare la guardia.
Allegato: 21. Attrezzature.jpg
Le attrezzature presenti all'inizio del canalino e durante la prima parte dell'ascesa non devono però trarre in inganno, facendo abbassare la guardia.
Messaggio
07-09-2019 17:38
claudio.65 claudio.65
Infatti nella rampa successiva si rinvengono soltanto i fittoni d'ancoraggio, totalmente privi del cavo d'acciaio.
Allegato: 22. Fittoni.jpg
Infatti nella rampa successiva si rinvengono soltanto i fittoni d'ancoraggio, totalmente privi del cavo d'acciaio.
Messaggio
07-09-2019 17:40
claudio.65 claudio.65
Usciti dall'impegnativa salita una cavernetta può offrire un ultimo e precario riparo in caso di maltempo.
Allegato: 23. Cavernetta.jpg
Usciti dall'impegnativa salita una cavernetta  può offrire un ultimo e precario riparo in caso di maltempo.
Messaggio
07-09-2019 17:41
claudio.65 claudio.65
Pochi metri ci separano dalla croce di vetta della Creta della Chianevate, dove si apre un panorama straordinario sulle innumerevoli cime circostanti.
Allegato: 24. Creta delle Chianevate.jpg
Pochi metri ci separano dalla croce di vetta della Creta della Chianevate, dove si apre un panorama straordinario sulle innumerevoli cime circostanti.
Messaggio
07-09-2019 17:46
claudio.65 claudio.65
La Cima di Mezzo, il Pilastro del Coglians ed il Monte Coglians si distinguono nettamente verso ponente.
Allegato: 25. Gruppo del Monte Coglians.jpg
La Cima di Mezzo, il Pilastro del Coglians ed il Monte Coglians si distinguono nettamente verso ponente.
Messaggio
07-09-2019 17:48
claudio.65 claudio.65
La dorsale verso levante con l'Anticima Est/Krone (2742).
Allegato: 26. Dorsale.jpg
La dorsale verso levante con l'Anticima Est/Krone (2742).
Messaggio
07-09-2019 17:50
claudio.65 claudio.65
Lasciata la cima principale della Creta delle Chianevate riprendiamo la via del ritorno, scendendo con un pò d'attenzione all'intaglio precedente, dove ritroviamo le attrezzature utilizzate all'andata.
Allegato: 27. Attrezzature.jpg
Lasciata la cima principale della Creta delle Chianevate riprendiamo la via del ritorno, scendendo con un pò d'attenzione all'intaglio precedente, dove ritroviamo le attrezzature utilizzate all'andata.
Messaggio
07-09-2019 17:52
claudio.65 claudio.65
Il sentierino in cresta prosegue lungamente verso levante ed una breve deviazione su tracce poco marcate porta all'ultima vetta della giornata.
Allegato: 28. Sentiero.jpg
Il sentierino in cresta prosegue lungamente verso levante ed una breve deviazione su tracce poco marcate porta all'ultima vetta della giornata.
Messaggio
07-09-2019 17:54
claudio.65 claudio.65
Un piccolo ometto contraddistingue la vetta dell'Anticima Est/Krone (2742), occupata dalle truppe italiane nell'estate del 1916, per contrastare l'esercito austriaco insediatosi brevemente sull'Anticima Ovest/Grohmannspitze nello stesso periodo.
Allegato: 29. Krone.jpg
Un piccolo ometto contraddistingue la vetta dell'Anticima Est/Krone (2742), occupata dalle truppe italiane nell'estate del 1916, per contrastare l'esercito austriaco insediatosi brevemente sull'Anticima Ovest/Grohmannspitze nello stesso periodo.
Messaggio
07-09-2019 17:59
claudio.65 claudio.65
Con qualche cautela ci dirigiamo nuovamente all'intaglio fra la Creta di Collina e la dorsale diretta alla Creta delle Chianevate appena percorsa, notando l'ardito ingresso ad una cavernetta italiana sospesa sulla parete.
Allegato: 30. Ingresso.jpg
Con qualche cautela ci dirigiamo nuovamente all'intaglio fra la Creta di Collina e la dorsale diretta alla Creta delle Chianevate appena percorsa, notando  l'ardito ingresso ad una cavernetta italiana sospesa sulla parete.
Messaggio
07-09-2019 18:02
claudio.65 claudio.65
Raggiunta la "Caverna dell'amicizia", ulteriore denominazione del Bivacco Craighero, riprendiamo il CAI 171 diretto allo Stivale.
Allegato: 31. Bivacco.jpg
Raggiunta la "Caverna dell'amicizia", ulteriore denominazione del Bivacco Craighero, riprendiamo il CAI 171 diretto allo Stivale.
Messaggio
07-09-2019 18:07
claudio.65 claudio.65
Ripreso il CAI 146 rientriamo infine al Passo di Monte Croce Carnico, concludendo l'impegnativa escursione odierna.
Allegato: 32. Creta di Collinetta.jpg
Ripreso il CAI 146 rientriamo infine al Passo di Monte Croce Carnico, concludendo l'impegnativa escursione odierna.
Messaggio
07-09-2019 18:13
claudio.65 claudio.65
Ripreso il CAI 146 rientriamo infine al Passo di Monte Croce Carnico, concludendo l'impegnativa escursione odierna.
Allegato: 32. Creta di Collinetta.jpg
Ripreso il CAI 146 rientriamo infine al Passo di Monte Croce Carnico, concludendo l'impegnativa escursione odierna.
Messaggio
08-09-2019 10:31
claudio.65 claudio.65
NOTA TECNICA:
Quota minima: Passo di Monte Croce Carnico 1352 metri
Quota massima: Creta delle Chianevate 2769 metri
Dislivello: 1417 metri
Dislivello reale: 1540 metri, calcolando le varie risalite
Tempo andata: 2 ore e 1/2 alla Creta di Collina, 4 ore alla Chianevate
Tempo ritorno: 3 ore e 1/2
Tempo totale: 7 ore e 1/2, escluse le eventuali soste
Cartografia consigliata in scala 1.25.000:
Tabacco 09 "Alpi Carniche - Carnia Centrale"
Data escursione: Settembre 2019
Allegato: 33. Osservatorio.jpg
NOTA TECNICA:<br />Quota minima: Passo di Monte Croce Carnico 1352 metri<br />Quota massima: Creta delle Chianevate 2769 metri<br />Dislivello: 1417 metri<br />Dislivello reale: 1540 metri, calcolando le varie risalite<br />Tempo andata: 2 ore e 1/2 alla
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva