il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 146 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Le vostre relazioni   Precedente Successivo
N. record trovati: 17
Messaggio

Monte Plauris - Discesa per la cresta Ovest (per la Cima di Cervada)

22-07-2014 19.33
danieleee danieleee
PREMESSA: voglio descrivere solo il tratto della cresta occidentale che scende dal M. Plauris al Bivacco Coi, che ricordo NON è sentiero CAI ma un meraviglioso tracciato di cresta. Per quanto riguarda la salita al Plauris ci sono molte alternative, io per es. ho scelto quella da Malga Confin. Con questa relazione volevo condivere uno stupendo tracciato che però non essendo molto frequentato, non vi sono molte notizie a riguardo(eccezzion fatta per il libro di Mazzillis).

NOTE TECNICHE: le difficoltà della cresta risultano limitita a pochi e brevi passaggi di I° e una parete di soli 3m di II° facilitata dal fatto di farla in salita. Per il resto il percorso si può dividere in due parti: la prima molto rocciosa, la seconda erbosa con il ripido pendio finale in discesa verso il Biv. Coi. Rimane comunque una escursione che richiede buon equilibrio e attenzione sviluppandosi sul filo di cresta. Da intaprendere solo con condizioni atmosferiche buone.
Allegato: Mappa Plauris.jpg
Monte Plauris - Discesa per la cresta Ovest (per la Cima di Cervada)
Messaggio
22-07-2014 19.35
danieleee danieleee
ITINERARIO: ridiscesi dal M. Plauris si imbocca il sentiero 701 che divalla in Val Lavaruzza, arrivati su una sella poco sotto la cima si punta a risalire la cresta Ovest (non ci sono ne ometti ne bollini).
Nella foto si vede il punto sulla sella dove abbandonare il sentiero 701
Allegato: IMG_0849.JPG
ITINERARIO: ridiscesi dal M. Plauris si imbocca il sentiero 701 che divalla in Val Lavaruzza, arrivati su una sella poco sotto la cima si punta a risalire la cresta Ovest (non ci sono ne ometti ne bollini).<br />Nella foto si vede il punto sulla sella dov
Messaggio
22-07-2014 19.36
danieleee danieleee
Ci si arrampica per roccette un pò friabili I°, per poi subito dopo ridiscendere tutta la cresta rocciosa stando attenti a dove mettere i piedi, pendii ripidi da entrambi i lati.
Allegato: IMG_0865.JPG
Ci si arrampica per roccette un pò friabili I°, per poi subito dopo ridiscendere tutta la cresta rocciosa stando attenti a dove mettere i piedi, pendii ripidi da entrambi i lati.
Messaggio
22-07-2014 19.38
danieleee danieleee
Seguendo la cresta si arriva ad un salto imprandicabile, ma guardando bene sul versante meridionale si scorge una esile traccia che passa sotto il gradone roccioso. Tornato indietro di alcuni metri ci si cala per canalini articolati su questa traccia di passaggio e in breve si guadagna una insellatura. La foto mostra il gradone appena passato.
Allegato: IMG_0876.JPG
Seguendo la cresta si arriva ad un salto imprandicabile, ma guardando bene sul versante meridionale si scorge una esile traccia che passa sotto il gradone roccioso. Tornato indietro di alcuni metri ci si cala per canalini articolati su questa traccia di p
Messaggio
22-07-2014 19.39
danieleee danieleee
Si continua su cresta arrivando sul passaggio più delicato (in realtà non molto difficile), da un lastrone (Mazzillis lo aggira per sotto ma io ho trovato più comodo salirlo) si punta a risalira sulla cresta attraverso i 3m di II° inf. leggermente esposto, e si raggiunge quota 1840.
Allegato: IMG_0874.JPG
Si continua su cresta arrivando sul passaggio più delicato (in realtà non molto difficile), da un lastrone (Mazzillis lo aggira per sotto ma io ho trovato più comodo salirlo) si punta a risalira sulla cresta attraverso i 3m di II° inf. leggermente esposto
Messaggio
22-07-2014 19.41
danieleee danieleee
Superata l'ultima cima di roccia nuda, ridiscendendo bisogna prestare un pò di attenzione su una stretta cengia che taglia il versante meridionale. Infine si sbucca sulla sella dove un sentiero scende verso il Ric. Bellina ben visibile in basso. Foto: un pezzo di cresta.
Allegato: IMG_0878.JPG
Superata l'ultima cima di roccia nuda, ridiscendendo bisogna prestare un pò di attenzione su una stretta cengia che taglia il versante meridionale. Infine si sbucca sulla sella dove un sentiero scende verso il Ric. Bellina ben visibile in basso. Foto: un
Messaggio
22-07-2014 19.42
danieleee danieleee
Adesso il sentiero inizia a compiere numerosi sali e scendi e la parte settentrionale del percorso è ricoperta da una fitta muggheta. Foto: guardando il M. Plauris.
Allegato: IMG_0890.JPG
Adesso il sentiero inizia a compiere numerosi sali e scendi e la parte settentrionale del percorso è ricoperta da una fitta muggheta. Foto: guardando il M. Plauris.<br />
Messaggio
22-07-2014 19.44
danieleee danieleee
Superando la Cima Cervada(da dove si ammira l'incotro tra il Tagliamento e il Fella) ci si ritrova di nuovo ad un marcato salto. Ci si infila a destra vicino ai mugghi in un canalino. Foto: il canalino(I°, molto semplice in verità) appena sceso.
Allegato: IMG_0901.JPG
Superando la Cima Cervada(da dove si ammira l'incotro tra il Tagliamento e il Fella) ci si ritrova di nuovo ad un marcato salto. Ci si infila a destra vicino ai mugghi in un canalino. Foto: il canalino(I°, molto semplice in verità) appena sceso.
Messaggio
22-07-2014 19.46
danieleee danieleee
Superata anche Cima Somp Selve (con numerosi sali e sciendi) si arriva verso la parte finale della cresta. Arrivati sopra l'ultimo salto improponibile si nota in basso il Bivacco Coi. Foto: Venzone e il bivacco
Allegato: IMG_0904.JPG
Superata anche Cima Somp Selve (con numerosi sali e sciendi) si arriva verso la parte finale della cresta. Arrivati sopra l'ultimo salto improponibile si nota in basso il Bivacco Coi. Foto: Venzone e il bivacco
Messaggio
22-07-2014 19.47
danieleee danieleee
si abbandona la cresta e ci si mette su quella esile spalla erbosa che scende (il Biv. Coi va tenuto sullo destra) e si scopre un improvabile sentierino che discende tutta la spalla fino ad arrivare all' allacciamento con il sentiero "Traversata Prealpi Giulie"
Allegato: IMG_0906.JPG
 si abbandona la cresta e ci si mette su quella esile spalla erbosa che scende (il Biv. Coi va tenuto sullo destra) e si scopre un improvabile sentierino che discende tutta la spalla fino ad arrivare all' allacciamento con il sentiero "Traversata Prealpi
Messaggio
22-07-2014 19.53
danieleee danieleee
CONCLUSIONI: come tempi direi 2h e 30min in totale, la ripida discesa finale richiede ben 50min. Giro nel complesso molto bello e appagante in ambiente solitario. Spero di non avere fatto troppi errori nel comporre questa relazione ma una foto vale più di mille parole. Spero che altri escursionisti come me intapendano questo magnifico giro. Per chiarementi, foto, info e scambi d'opinione sono a completa disposizione
Mandi, Daniele.
Allegato: IMG_0929.JPG
CONCLUSIONI: come tempi direi 2h e 30min in totale, la ripida discesa finale richiede ben 50min. Giro nel complesso molto bello e appagante in ambiente solitario. Spero di non avere fatto troppi errori nel comporre questa relazione ma una foto vale più di
Messaggio
22-07-2014 21.13
giuseppemalfattore giuseppemalfattore
Mitico Daniele !!!Mazzilis è una grande fonte di ispirazione.
Messaggio
23-07-2014 09.11
marco.d marco.d
Grazie mille per aver condiviso l'interessante percorso. Volevo condividere una riflessione: qual'è il periodo dell'anno migliore per questo tipo di percorsi? mi riferisco in particolare alle condizioni dell'erba nei tratti molto ripidi. La mia impressione è che nella tarda estate e in autunno, quando diventa secca, diventi molto più scivolosa. Forse il periodo migliore è proprio giugno/luglio. Cosa ne pensate? Saluti
Messaggio
23-07-2014 16.01
danieleee danieleee
Io l'ho fatta i primi di luglio, però ho consumato acqua per via del caldo; autunno secondo me va bene uguale poiché i punti più delicati sulla erba sono due: la discesa dalla cresta per la spalla (se si trova l' esile traccia si calpesta terra e poca erba) e il sentiero "Traversata Prealpi Giulie". Quest'ultimo risulta pericoloso poiché i fianchi del Plauris sono ripidi e qui l erba alta nasconde la traccia e i punti migliori dove mettere i piedi.
Messaggio
23-07-2014 18.40
radiologo radiologo
Bravo Danieleee io lo fatta anni fa partendo da Portis, coi, e poi tutta la cresta scendendo per passo maleet fino a Tugliezzo, era il mese di luglio con meteo perfetto e terreno asciutto.
Messaggio
28-07-2014 18.48
askatasuna askatasuna
Grazie per le splendide foto e per tutti i dettagli! Mi hai ingolosito a dismisura! L'unico freno era un'interpretazione del Mazzilis che me la faceva vedere più complessa e pericolosa di quello che sembra essere. Dettaglio che sottolinea la soggettività dell'andar per monti come nell'interpretare le parole, quindi ben vengano altre preziose visuali che ampino la reale percezione degli itinerari. Maman e grassie inmò!
Messaggio
29-07-2014 01.15
danieleee danieleee
Figurati é un piacere, io ho trovato più difficoltoso salire sul Plauris poiché il sentiero era franato in alcuni punti. La cresta é veramente bella, si è immersi nel silenzio e nella natura poiché difficilmente si incontrano altri escursionisti. É stimolante anche perché non vi è una vera e propria tracca, anche se la via é ovvia. Se decidi di partire da Venzone devi risalire una specie di canale erboso ripido, sotto la vetta(oltre il dislivello complessivo); mentre se parti dalla malga la macchina non gradirà molto la strada di avvicinamento.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
Elenco Forum
Quiz
In evidenza
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva