il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 279 ospiti - 3 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum GPS   Precedente Successivo
N. record trovati: 5
Messaggio

Monte Veltri dal sentiero alpinistico CAI 236 con discesa per il CAI 235

11-07-2014 17.28
michele michele
Da Oltris sino alla quota 1067 non vi sono particolari difficoltà se non un impluvio dove la traccia è poco chiara e una ripida salita su sentiero scalettato.
Dalla quota 1067 il sentiero sale sempre più ripidamente fino a diventare un'esile traccia su un crinale con ampi spazi erbosi. Circa a q. 1450 mt. in modo poco evidente la traccia rientra a sx nel bosco e (ben poco percettibile in questo tratto) conduce al canalone del Rio dell'Acqua. Il canalone non deve esser risalito se non per pochi metri, si deve invece attraversarlo ed immettersi nei ripidi verdi. Questi vanno risaliti lungamente seguendo i rari segnavia e le tracce di calpestio. Verso la fine preferibile non salire troppo puntando al bosco in quanto altrimenti poi sarà necessario ridiscendere leggermente verso la Casera Veltri.
Dalla Casera attenzione a non imboccare la mulattiera in piano ma cercare la prosecuzione del 236.
Verso la forca del Colador il sentiero è molto rovinato e franato ma la direzione è evidente. La salita al monte Veltri come da relazione SN.
Per la discesa si è utilizzato il CAI 235 e poi scendendo dalla F.ca di Pani l'evidente mulattiera che riconduce ad Oltris.

In generale un sentiero lungo ed impegnativo soprattutto per la ripidezza e per la difficoltà in diversi punti a seguire la traccia. Si capisce subito che la frequentazione è molto scarsa. Non vi sono punti particolarmente scabrosi od esposti e nonostante sia definito alpinistico non richiede comunque particolari capacità arrampicatorie. Per gli amanti del genere e con la dovuta esperienza e motivazione risulterà molto soddisfacente.

Note sulla traccia: ho volutamente lasciato gli errori di percorso in modo da rendere chiari i punti che potrebbero esser critici:
* Ca. a quota 1440 non ho individuato subito lo scarto a sx ma sono salito e ridisceso dopo qualche ricerca della traccia.
* Nel canalone del rio dell'Acqua sono salito e poi ridisceso per imboccare la traccia giusta
* Nei ripidi verdi sono salito un po' troppo e poi ho dovuto scendere in ricerca del sentiero
* Dalla casera ho imboccato per errore la mulattiera (in nero nella Tabacco) e poi per bosco ripido sono risalito a ricollegarmi al sentiero.
Traccia GPX: monte veltri CAI 236.gpx
Visualizza la mappa dettagliata
Messaggio
11-07-2014 18.51
brunomik brunomik
Ricordo che molti anni fa (oltre 20) ero partito da casa con l'idea di fare questo itinerario ma arrivato a Oltris un paesano mi aveva detto che era pericoloso e dato che ero solo ho seguito il consiglio e mi sono diretto in auto in un'altra frazione di Ampezzo (Voltois o qualcosa di simile) e da lì sono andato alla Forca del Colador e al Col Gentile.
Messaggio
11-07-2014 19.39
michele michele
Non è un sentiero pericoloso nel senso che sia esposto o che ci siano tratti da arrampicare, la sua vera difficoltà è l'estrema ripidezza del tratto tra la quota 1067 e la Casera, e la difficoltà in alcuni punti ad individuare la traccia. Comunque solo per esperti con autonomia nel trovare la traccia. I segnavia sono abbondanti e recenti sino alla quota 1067 poi tendono a diradarsi senza mai comunque sparire del tutto.
Messaggio
12-07-2014 13.32
brunomik brunomik
Da quella volta non mi è mai tornato il pensiero di fare questo itinerario, può darsi che mi hai dato l'input buono. Mi sembra, non ci giurerei però, che sulle cartine Tabacco più recenti questo sentiero non è segnato in rosso. Ciao
Messaggio
14-07-2014 20.20
michele michele
Non mi stupirebbe visto il suo stato di frequentazione.. però sia al parcheggio di Oltris che su in forcella è regolarmente tabellato e anche sul sito della commissione Giulio carnica non era segnato dismesso. Se ti attirano questi percorsi selvaggi e solitari credo proprio che ti piacerà. Ciao.
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva