il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 126 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 5
Messaggio

FERRATA MONTE REST

02-09-2004 00.00
michele michele
Qualche mese fa salendo in auto al passo Rest da Tramonti ho notato (circa a metà strada e sulla dx) un cartello indicante il "Sentiero alpinistico - ferrata del Tramontin" (o una scritta simile). Ma sulla mia carta non è segnalato e su Internet non ho trovato letteratura a riguardo.- Qualcuno ha informazioni in merito? Grazie mille e complimenti per il bellissimo sito. Michele
Messaggio
03-09-2004 00.00
dmt dmt
rivolgiti al cai pordenone
Messaggio
03-09-2004 00.00
Giuseppe Giuseppe
Domenica scorsa parlando con un iscritto al CAI di PN mi diceva la stessa cosa ma non sapeva dire con precisione dove la ferrata sbocca. Comunque, sì, esiste quasta nuova ferrata e come dice dmt è il caso di informarsi al CAI di PN o alla sottosezione di Tramonti.
Saluti, Giuseppe.
Messaggio
13-09-2004 00.00
Giuseppe Giuseppe
Allora, ho notizie più precise ricevute giusto ieri da una delle persone che ha materialmente aperto la via e attrezzato la ferrata: la ferrata si chiama, appunto, ferrata del Tramontin; il sentiero di accesso si imbocca a metà strada tra Maleon e il passo Rest (segnalato); mezz'oretta di sentiero di accesso, poi ferrata verticale, impegnativa; successivamente segue un buon tratto su roccette non attrezzate, I grado un po' esposto da affrontare con cautela; poi si sbuca sui prati sotto la cima del Rest e attraverso questi si raggiunge la cima. Tempo stimato, 3 ore dalla strata per il passo. Il cai che l'ha attrezzata è quello di San Vito al T. a cui si possono chiedere tranquillamente tutte le informazioni in merito. Nota a latere: continuano le "guerre tra poveri": quasta ferrata non viene segnalata alla Tabacco, per ora, perchè è in corso una diatriba (stupida, a mio parere) tra il cai che l'ha attrezzata e quello di Spilimbergo che pur essendo nel suo territorio di competenza, non la vuole riconoscere... Mah! Certe cose mi è difficile capirle.
Ciao a tutti.
Messaggio
19-10-2004 00.00
giorgio giorgio
La ferrata è stata realizzata dal gruppo Ragni del Masarach col contributo del Comune di Tramonti di Sopra e viene collaudata annualmente da una guida alpina. E' interessante percorrerla per scoprire il tipico ambiente tramontino selvaggio e severo.
La ferrata ricalca una via di cacciatori usata in discesa detta "dal pin" perché in un punto si doveva abbrancare la punta di un pino e scendere lungo il tronco.
Partenza dalla località Pecol a circa 4 km da Tramonti di Sopra nei pressi di un ponte (tabella, sorgente sotto il ponte).
Seguendo i bolli rossi in circa 20 minuti si è all'attacco percorrendo in un punto un'esposta cengia con un esemplare gigante di Salix reticula. Una svolta nei pressi di un canale attirerà l'attenzione perché su per il canale si vedono gli spit di una via che lo risale, via di 8 tiri titta protetta.
La ferrata consiste in circa 60 metri di corde metalliche e oppone un passaggio di V° e vari altri divertenti di III°. Attenzione in uscita dalla ferrata a non muovere sassi.
Il sentiero successivo alla ferrata conduce alla casera di Monte Rest ed è stato realizzato dal cai san vito e pordenone in varie fasi esplorative. E' attrezzato in più punti con catene e fittoni, ripidissimo, esposto, faticoso, esaltante per la bellezza dei panorami e la continua esposizione: è senza dubbio più impegnativo della ferrata! Seguire attentamente i bolli rossi sopratutto quando si entra nella faggeta terminale. Complessivamente s'impiegano 4 ore per giungere in casera di monte Rest. Consigliata una puntata sulla vetta. Si rientra seguendo la carrareccia e le varie scorciatoie fino in forcella di monte Rest e da qui per la statale 251 ancora in discesa, e scorciatoie fino alla località Pecol (oppure si può prevedere di mettere un'auto in forca di Monte Rest).
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva