il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 28 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 6
Messaggio

[sentieri attrezzati richiesta "difficile"... ma è un'opera di bene!

04-07-2018 14:01
dazambo dazambo
Ciao a tutti,
lo scorso anno i primi di luglio ho regalato alla mia compagna, per il suo compleanno, il giro altopiano del Montasio - bivacco del Vuerich (dormendoci) - ferrata Ceria Merloni. E' stato estremamente gradito (non serve che ve lo dica il perché, ma animali selvaggi, panorami mozzafiato, un po' di ferratina non impossibile e il bivacco...).
Vorrei quest'anno portarla in posti belli così, posso chiedervi qualche suggerimento sulle zone dell'alto FVG? Ho letto qui di un giro lungo la ferrata Leva, per esempio...
Siamo abituati alla vita in montagna, alle camminata anche piuttosto lunghe (anche 1400/1500 dislivello, o 6 ore al giorno...) e ai bivacchi... non siamo alpinisti, ma le nostre 6/7 ferrate moderatamente difficili le abbiamo fatte. Insomma, qualcosa di bello, selvaggio, ma non impossibile da fare, né in posti pericolosi e dove perdersi

Grazie di cuore a chiunque voglia rispondermi!!
Messaggio
05-07-2018 11:21
graziano.bettin graziano.bettin
Personalmente eviterei il Leva che, tutto sommato, è un doppione del Ceria Merlone.
Se proprio vuoi fare un'opera di bene regalaLe il Canin e il Foran dal Mus col Picco di Grubia. Per il Canin hai almeno quattro accessi fattibili: ferrata Julia, ferrata Carnizza, lato sloveno e direttissima Resiana da Casera Canin. Per il Foran dal Mus e il Picco di Grubia passi per il rifugio Gilberti o Casera Goriuda. Entrambe gli ambienti sono unici e spettacolari. Tra l'altro i proprietari di questo sito ne hanno fatto un documentario "il giardino di pietra". Se ti capiterà di vederlo ne rimarrai entusiasta. In questa zona poi hai parecchie possibilità di pernotto e/o bivacco. Vedrai che non ve ne pentirete.
Messaggio
05-07-2018 12:01
myshkin57 myshkin57
Un alternativa potrebbe essere il sentiero Chersi, sia in senso orario che antiorario.
Oltre alla versione "semplice" (Malga Saisera, Bivacco Mazzeni, sentiero Chersi, Sella Nabois, Rif. Pellarini, ValSaisera), puoi concatenare varianti. Ad esempio se lo fai in senso antiorario puoi raggiungere il Mazzeni passando prima per il Rif. Grego e per il Bivacco Stuparich; in senso orario invece puoi salire dal Pellarini per il nuovo sentiero fino alla cima del Nabois Grande, quindi scendi per la normale alla Sella Nabois e continui per il Chersi. Il Chersi è affascinante per i posti selvaggi, poco frequentati: molto suggestivo. Hai pochi tratti attrezzati e poco impegnativi sul Nabois e inoltre hai ampia scelta di pernotto tra rifugi e bivacchi (in questo caso attenzione alle scorte d'acqua!).
Messaggio
06-07-2018 09:14
dazambo dazambo
Grazie a entrambi, erano proprio i suggerimenti che cercavo!
Ho letto entrambi i giri, guardato in carta, e sembrano davvero "dell'altro mondo"... io poi l'ambiente carsico, lo adoro.
Vi chiedo una cosa: sapete se la Winter Kabin sul Canin è aperta come un normale bivacco?
Messaggio
06-07-2018 09:55
luigino luigino
Secondo il sito della PZS il Bivak Slavka Svetičiča Slavca è normalmente chiuso, ma si possono richiedere le chiavi a Bovec al sig. Milivoju Šulinu Tel. +386 41 722 601.
Nel forum Le vostre relazioni trovi anche il nuovo percorso attrezzato "Adrenalinski Park Kanin", presente a poca distanza dal bivacco.
Messaggio
09-07-2018 11:24
dazambo dazambo
Ciao a tutti, alla fine abbiamo fatto salita da Sella Nevea al Gilberti lungo la pessima strada bianca delle piste da sci, bivacco Marussic lungo il 632a (sul 632 c'erano dei nevai fastidiosissimi), dormito al Marussic, e la mattina dopo discesa per il 645 attraverso il Foran dal Muss e poi il 659 - Troi dai Sacs. Abbiamo rinunciato all'idea di Picco Carnizza-Ferrata Grasselli e discesa per la Julia perché boh, troppi nevai messi in posti brutti, e con gli zaini da bivacco non ci pareva il caso. (dopo il 659 siamo comunque risaliti al Gilberti via sentiero perché mi ero fatto prestare i ramponi per sicurezza dai gestori...)
Giro comunque strepitoso, bivacco magico, stambecchi in quantità, silenzio e un paesaggio cangiante ogni passo. Vi ringrazio per i consigli: la concatenazione di ferrate la riprovremo ad agosto...)
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva