il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 122 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 5
Messaggio

Alta Via n. 6

20-02-2017 14.33
luca.strazzaboschi luca.strazzaboschi
Buongiorno a tutti.
Quest'anno avevo intenzione di realizzare un percorso che da sempre alberga i miei sogni, l'Alta Via dei Silenzi. Ho cercato info relative alla sua percorribilità ma quelle che ho trovato sono spesso datate (a ahimè spesso poco incoraggianti). Per cui gradirei sapere se qualcuno di voi ha informazioni sull'itinerario e sulle sue eventuali criticità. Da quello che sono riuscito a capire il tratto più in forse è quello che collega C.ra Laghet de sora con il Biv. Greselin. Ringrazio quanti mi daranno una mano per organizzare questo agognato viaggio.
Messaggio
20-02-2017 19.09
luca.borin luca.borin
Ciao.
Se può esserti d'aiuto, nel numero di agosto del 2014 di un noto periodico del CAI, è pubblicato un breve reportage sull'AltaVia nr. 6. I tre percorritori non descrivono l'intero percorso effettuato; si limitano a spiegare quelli che per loro sono risultati i punti più problematici.
Messaggio
20-02-2017 21.31
luciano.regattin luciano.regattin
Premesso che, per quanto mi riguarda, il tratto in questione è uno tra i più remunerativi e suggestivi di tutta la Regione (l'ho percorso diverse volte in entrambi i sensi), d'altra parte presenta effettivamente una serie di criticità da non sottovalutare, che lo rendono fruibile a chi abbia un minimo di esperienza, un buon allenamento e capacità di orientamento. Innanzitutto sono da tenere in conto la lunghezza e i dislivelli da superare, poi la scarsità di segnali (oltretutto sbiaditi) che ne sconsigliano la percorrenza in caso di nebbia (se ti ci trovi in mezzo devi essere in grado di cavartela in qualche modo), la traccia poco battuta soprattutto sui prati della Pala Anziana (il primo tratto dalla Casera); alcuni passaggi in roccia che, sebbene non difficili (I con forse passi di II) potrebbero creare problemi in caso di pioggia, soprattutto in discesa dalla forcella Compol, dove le rocce sono spesso coperte da ghiaino; il famoso "passo del gatto", non difficile, ma che, in caso di zaino pesante, potrebbe risultare "fastidioso", qualche tratto appena scabroso in traverso su pietraia/ghiaione prima di forcella val dei Drap, la quota da non sottovalutare, la quasi totale mancanza d'acqua lungo il percorso (ma dipende dall'andamento stagionale e in ogni caso si attraversa un nevaio che potrebbe essere utile all'occorrenza). Infine è da valutare lo stato dell'innevamento per evitare brutte sorprese tra forcella dei Cacciatori e forcella Compol. In definitiva si tratta di un percorso splendido, ma da non intraprendere se non con adeguata preparazione e soprattutto con tempo stabile, anche per poter godere appieno della bellezza degli ambienti attraversati.
Messaggio
21-02-2017 09.13
luca.strazzaboschi luca.strazzaboschi
Ringrazio per le risposte, ottimo l'articolo e ottime le info sul tratto oggetto delle mie principali perplessità. Sicuramente non è un percorso da prendere sottogamba, sia nel tratto specifico che nella sua interezza. Questa fase preliminare di pianificazione è d'obbligo. Aspettando eventuali ulteriori contributi vi ringrazio ancora per le info
Messaggio
21-02-2017 20.57
luca_di_collina luca_di_collina
Nella sezione "Le vostre relazioni" trovi la mia descrizione della salita al Col Nudo. Non proprio banalissima.
Buona avventura.
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva