il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 147 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 4
Messaggio

Zecche in Val Tramontina

22-07-2008 00.00
sherpa61 sherpa61
poi chiudiamo ...se no qualcuno dice che abbiamo già trattao l'argomento a iosa (come se un argomento dovesse essere trattato a tempo e non a interesse.)
fate una bella cosa....chiamate i pronto soccorsi agli ospedali....e chiedete com'è con le zecche..!!!...a meno che anche loro raccontino palle....
hei ragazzi.....qua non è una gara....uno fa venti escursioni in montgna....ha il culo di non beccare una zecca.....e va a dire che non ne esistono in val tramontina........
ripeto....telefonate agli ospedali....e informatevi.....prima di dire stupidate.....perchè altrimenti anzichè dare consigli utili a chi si avvicina alla montagna....date solo dei pareri personali.....poco attendibili......
ciao
Messaggio
22-07-2008 00.00
Walter.S Walter.S
Il problema è che "qualcuno" si arrabbia se si scrivono caterve di post solo polemici oppure non attinenti all'argomento. Quindi, ad esempio, sulle zecche è inutile perdersi sia nel dire che non ci si deve andare in Val Tramontina e che son meglio le dolomiti, sia che c'è traffico per tornare da Cortina... E' meglio dunque non fare gli "spacconi" e non rispondere in maniera "diretta" a chi lo fa...la gente intelligente sa giudicare se una risposta è utile oppure no. Le zecche son un problema comune a tutte le prealpi, e bisogna dire che è molto facile prenderle in zone con sterpaglia e piccoli arbusti (anche nel sottobosco!!) piuttosto che solo nell'erba alta. Un tempo i monti erano tutti falciati e i sentieri puliti e ordinati, per cui era più difficile imbattersi nelle zecche. Oggi sarebbe meglio quindi evitare i sentieri più infestati dalla sterpaglia. Aggiungo che normalmente le zecche durante l'estate (specialmente se è secca, non come quest'anno ahimè!) praticamente scompaiono, come d'inverno, per ripresentarsi poi in autunno. Mandi
Messaggio
22-07-2008 00.00
bambinodoro bambinodoro
Ciao Walter, non voglio continuare in polemica (è che mi da un pelo fastidio se qualcuno parla per partito preso, come se al di fuori delle Dolomiti le zecche ti attaccassero come leoni su una bistecca...), mi interessa invece l'ultima tua frase: "...aggiungo che normalmente le zecche durante l'estate (specialmente se è secca, non come quest'anno ahimè!) praticamente scompaiono, come d'inverno, per ripresentarsi poi in autunno...". Questa non la sapevo, interessante! Dove hai avuto questa informazione? Come approfondire sta roba?
Messaggio
22-07-2008 00.00
Walter.S Walter.S
Ciao Daniele, ricordo che all'università di Udine tempo fa avevano fatto degli studi sulle zecche e dovrebbe esserci qualche cosa su internet. Poi so di aver letto qualche volantino sulla prevenzione dal morso delle zecche. Aggiungo alcune informazioni tipo che le zecche son degli esseri straordinari...con il freddo e il caldo secco praticamente vanno in "letargo" e non muoiono!! In primavera si riproducono (a quintalate come purtroppo assistiamo) dopo un buon pasto..quelle piccole piccole che si trovano son le ninfe mentre quelle con il corpo rossastro son le femmine adulte. I maschi adulti dovrebbero essere quelli tutti neri grandi.
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva