il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 163 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 14
Messaggio

Info anello Dolomiti Friulane

14-04-2008 00.00
luca_di_collina luca_di_collina
Mi servirebbero informazioni (reperibilità acqua, stato dei sentieri, apertura dei bivacchi, neve residua solitamente presente a inizio giugno) del seguente anello:
Giorno 1: Cimolais - bivacco Greselin
Giorno 2: Bivacco Greselin - forcella Compol - Cima dei Preti (via dei primi salitori) - forcella Compol - casera Laghet de sora
Giorno 3: Casera Laghet de sora - pian Fontana - rifugio Pordenone - forcella Pramaggiore - casera Pramaggiore
Giorno 4: casera Pramaggiore - Claut - Cimolais.
Grazie
Messaggio
14-04-2008 00.00
Andrea P Andrea P
Ciao Luca...
cadi in buone meni xkè c'è un certo Daniele che conose i posti da te citati palmo a palmo e quindi non mancherà di dirti tutto...
Nel mio piccolo anch'io ho bazzicato la zona, vado un po' a braccio:
La prima nota stonata è la discesa dalla C.ra Laghet di Sopra (h20 a 5 min ovest) a Pian Fontana, se devi andare verso il PN prenditi il tempo necessario a fai il sent. Marini (+impegnativo psocologicamente), che almeno aviti di respirare lo smopg delle auto della val Cimoliana...
2o dubbio risalire val di guerra e dell'inferno per arrivare alla F.lla Pramaggiore i primi di giugno può essere problematico xkè è una valle chiusa e nord rischi di trovare tanta neve, dipende da come evolverà il meteo d'ora in avanti (l'impressione è che stia recuperando il tempo perduto)
3o interrogativo una volta che sei a Claut come torni a Cimolais?
I due passaggi +agevoli tra le valli sono la sopradetta f.lla Pramaggiore ed il +selvaggio passo pramaggiore

Per il resto vai tranquillo: Biv Greseli, C.ra Laghet, C.ra Pramaggiore sono Ok, sarai un po' a corto d'acqua tra il Greselin (la trovi salendo da valle) e la Laghet... considera che la zona è popolata da selvatici quindi pastigliette per sterilizzarla non sono una cattiva idea :-) Buona Gita
Messaggio
14-04-2008 00.00
massimo massimo
il marini è in pessimo stato.
Messaggio
14-04-2008 00.00
Andrea P Andrea P
pragmatico dieri ;-)
Cosa siglifica è in pessimo stato, che non si passa o che c'è da stare all'occhio...
Ad ogni modo volendo evitare la parte pelosa del Marini, in corrispondenza della Cima Cadin di Toro, si può scendere per val San Lorenzo e qui il sentiero non può essere in pessimo stato (non c'è) :-)
Messaggio
14-04-2008 00.00
bambinodoro bambinodoro
Ciao!
Un po' di robe già te le ha dette il buon AndreaP ;-)
Nel tratto Ponte Compol-Greseli: acqua in più punti, a circa 45 min dalla partenza, poi sotto l'ultimo strappo prima del Bivacco e quasi sempre al bivacco; neve residua a giugno: dipende dalla stagione...ma dal Greselin alla Compol in giugno quasi sicuro nevai...ancora peggio dalla forcella in discesa (sei a NORD!!!) in Val dei Cantoni, sulle laste dalla forcella dei Cacciatori (non simpatici con il terreno scivoloso...chiedi ad AndreaP...) alla Val del Drap e dalla Val del Drap alla Forcella del Drap. Questo tratto solitamente è meglio farlo al contrario (Laghet-Val del Drap-Bivio AV6-Forcella Cacciatori-Forcella Compol-Preti-Greselin...). Per questo tratto vedi se ti interessa http://www.montialpago.it/compol.htm . Dalla Laghet invece di scendere a Pian Fontana e andare al Pordenone per la strada fai il Marini. Se sei in grado di scendere per la Compol in Val del Drap passi sicuro anche sul Marini anche se spesso dove diceva Cala è franato. Dal Pordenone al Pramaggiore è poco più di una passeggiata rispetto alla zona dei Preti...Acqua oltre che quella già detta, andando verso forcella Podescagno dalla Laghet a circa 10 minuti; a volte sotto Forcella Spe sorgente; al Pordenone ovvio; al bivio per la Val d'Inferno; al Pussa...
Bellissime zone. Io però lo farei al contrario il giro...hai la parte difficile sui Preti fatta nel verso più "naturale". Poi visto che il tratto Casera Pramaggiore-Claut non aggiunge nulla alla gita io dormirei in casera, il giorno dopo sali al Passo Pramaggiore e ridiscendi al Pordenone (così non hai neanche i casini della macchina) via Cime Cadin e Postegae (giro bellissimo!) sbucando circa il Forcella Ciol de Mont e di li dritto al Pordenone...!
Ciao! Buon viaggio e se ti serve chiedi!
Messaggio
14-04-2008 00.00
AndreaP AndreaP
Bravo Daniele, concordo in pieno... Scendere da f.lla Compol in Val del Drap è una vera tortura è tutto I e II ma la cosa peggiore è che spezza le ginocchia se poi trovi vetrato devi ramponare o sei morto... Il Marini in confronto è un marciapiede (pista ciclabile è forse esagerato :-) ) e tutto in piano c'è da fare solo qualche spaccata quà e la sopra il vuoto, ma cosa fa + paura un passo sul vuoto o un lastrone inclinato di centinaia di metri? Si il succo è inverti il giro che è la motre sua e puoi prevenire le sorprese ;) Ciao
Messaggio
15-04-2008 00.00
massimo massimo
diversin tratti son stati erosi.
Messaggio
15-04-2008 00.00
Andrea P Andrea P
Sei delle setta degli Ermetici? Se invece di parlare a mezze parole ti spiegassi sarebbe meglio...
essendo che sul lato destro del San Lorenzo si cammina su sfasciumi e su conoidi di deiezione posso immaginare l'erosione, ma comunque a costo di una maggior fatica si passa... Sul lato sinistro si cammina su una cengia rocciosa e mi risulta difficile credere che l'acqua se la sia portata via in pochi anni nel 2006 ci sono passato con persone poco più che neofite ;-) mandi
Messaggio
17-04-2008 00.00
luca_di_collina luca_di_collina
Mi avete convinto, giro al contrario e che non se ne parli più. Per quanto riguarda i tempi su un sito ho trovato 8 ore da Laghet de sora al Greselin (senza cima dei Preti); cosi' a prima vista mi sembra un po' tantino...
Grazie
Messaggio
17-04-2008 00.00
bambinodoro bambinodoro
Potrebbero essere tante, le 8 ore, ma anche poche. Dipende da come vi muovete su quel terreno, da che difficoltà di orientamanto trovate e dalle condizioni meteo (neve residua, nebbia...)! Quindi prendetevi larghi con i tempi, trovarti in val dei Cantoni col buio significa restare piantati li.
Ottima idea il giro contrario!
Messaggio
17-04-2008 00.00
luca_di_collina luca_di_collina
Visto che ci siamo... In una relazione su internet, che penso abbia scritto tu, c'è la foto del passo del Gatto tra la forcella Compol e il Greselin; visto che facendo il giro al contrario dovrei arrivarci al pomeriggio e tornare indietro sarebbe abbastanza deleterio, mi puoi dire di che grado è il passaggio e se uno che sul secondo grado si muove bene anche senza essere assicurato anche in discesa (es: Siera e Capolago) potrebbe farlo anche su roccia bagnata?
Ancora grazie
Messaggio
17-04-2008 00.00
bambinodoro bambinodoro
Perchè arrivarci al pomeriggio? Se dormi in Casera Laghet (vivamente consigliabile...) non dovresti avere di questi problemi...Comunque sia, tutto il tratto dal bivio AV6 in Val del Drap al Greselin (e anche la discesa dal Greselin a Ponte Compol!) sono vivamente sconsigliabili con la pioggia! Dal bivio AV6 a forcella dei Cacciatori sali su lastroni inclinati che non sono divertenti se viscidi. Il passo del gatto è un breve traversino che devi passare dopo la discesa da forcella Compol. Saranno si e no una decina di metri in tutto, più pericolosi che non difficili. Si tratta di appendersi con le mani per passare un restringimento. Il tutto è impropriamente classificabile di II°...sotto non hai centinaia di metri di vuoto, si e no una ventina che comunque sono sufficienti per "dare fastidio" se uno non c'è abituato (essendo in traverso non c'è possibilità di far sicura...), ancora meglio se il terreno è viscido! Ma se vai tranquillo sul II non credo avrai problemi.
Messaggio
17-04-2008 00.00
Info Info
Per Luca di Collina

Mi intrometto con una richiesta che non ha nulla a che vedere con il post. Mi potresti inviare una mail privata con il tuo indirizzo a pecile@cgsi.it ? E' per una informazione che non riguarda il forum.

grazie
Ivo Pecile - SentieriNatura
Messaggio
17-04-2008 00.00
Andrea P Andrea P
Figurati che non me lo ricordavo nemmeno il passaggio ;-) Del tutto trascurabile ;-) Un aneddoto, scendendo da F.lla Compol alla Val del Drap si staccò un lavandino di pietra su cui pestava un mio socio il tutto è finito con una gran culata per fortuna ed ha subito ripreso contatto col suolo ma poteva andar peggio, le laste sono spesso bagnate, così il brivido cresce un po' ;-) Bagnate ok, l'importante che non facciano vetrato, meglio scegliere una giornata calda :-) ...e mettere un bel po' di crema solare ;-)
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva