il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 184 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 11
Messaggio

consiglio Bivacco

27-08-2013 21.10
ispirazioneZERO ispirazioneZERO
Ciao a tutti!
sapreste consigliarmi un bivacco agibile, raggiungibile in poco più di un'ora (prima del tramonto, partendo il pomeriggio), per poi proseguire la camminata il giorno dopo?
Attendo i vostri consigli !
Grazie!!!
Messaggio
27-08-2013 23.15
michele.zambon michele.zambon
Il Modonutti Savoia si raggiunge in meno di due ore per comoda mulattiera. Da lì il gruppo del Canin è a tua disposizione.
Messaggio
28-08-2013 08.01
marcocar marcocar
Non sono troppo lontani dalla partenza neanche il Mazzeni e lo Stuparich, entrambi sul versante nord del gruppo del Montasio
Messaggio
28-08-2013 09.09
masurie masurie
Casera Rionero in val Resia. bellissimo posto!
Messaggio
28-08-2013 10.30
Pietro_Casarsa Pietro_Casarsa
Cjasut dal Sior in Val Alba. Rifugio Grauzaria in Val Aupa.
Bivacco Franz sopra Tugliezzo.
C.ra Davass sopra Toppo di Travesio.
Messaggio
28-08-2013 19.06
laura.molinari laura.molinari
Mi viene in mente il bivacco Marussigh a Sella Grubia (gruppo del Canin). Con passo tranquillo sono circa 1.15-1.30 ore dall'arrivo della cabinovia del Canin per comoda mulattiera. Il giorno dopo si può andare sul Sart (sentiero), o sul Canin o Picco Carnizza(ferrate non delle più semplici per EEA), o scendere per il bel sentiero 645 al Foran dal Muss e a Casera Goriuda di sopra; da lì ci sono due sentieri possibili per rientrare a Sella Nevea (quello basso è il meno faticoso, presenta qualche facile passaggio attrezzato con scalette in legno, quello alto costringe ad una risalita di ca 250 metri ma non ha alcuna difficoltà), oppure si può scendere ancora e raggiungere la strada della Val Raccolana nei pressi del Fontanon di Goriuda. Il bivacco è agibile e ben attrezzato, spesso frequentato anche da speleologi (altri bivacchi speleologici in zona). Attenzione però perché la funivia del Canin è aperta solo fino a domenica prossima 1 settembre (orario 8.30-17.30) ed il fine settimana successivo. Poi chiude fino alla stagione invernale.
Messaggio
30-08-2013 12.22
ispirazioneZERO ispirazioneZERO
Perfetto. Grazie mille. Sarei orientato a provare il Marussigh. Generalmente è frequentato nei weekend? O si trova posto senza problemi?
Messaggio
30-08-2013 14.37
masurie masurie
Beh la frequentazione c'è. io c'ho dormito una volta sola ed eravamo in 5. ma se devi andare in zona tanto vale andare al Crasso. Sali al Sart dall'altra parte ma la struttura è molto più bella.
Messaggio
31-08-2013 08.33
laura.molinari laura.molinari
Bè, mi risulta sia un bivacco abbastanza frequentato, più che da alpinisti forse da speleologi. Bisogna un po' affidarsi alla fortuna. In zona (Foran dal Muss) ci sono altri due bivacchi: il Procopio e il Davanzo-Picciola-Vianello, ma anche qelli di solito occupati da speleologi. Se è tardi e si trova il Marussigh occupato la cosa più saggia da fare credo sia quella di ritornare in un'oretta circa (prima del buio)al Rifugio Gilberti (all'arrivo della cabinovia), lì c'è posto di sicuro e la mattina dopo riparti. Magari prova a telefonare a questo rifugio per maggiori info. Attenzione, dopo di questo, c'è solo il prossimo week-end di apertura della cabinovia.
Messaggio
03-09-2013 14.59
ispirazioneZERO ispirazioneZERO
Eccoci qua!
Alla fine la scelta è appunto caduta sul Bivacco Marussich!

Pulitissimo (erano stati a controllarlo il giorno stesso dal CAI di Trieste), ben fornito di coperte , eravamo in 7 in totale ed è stata una bellissima esperienza.

Grazie per il consiglio e grazie a tutti per i vostri suggerimenti, ho già messo in lista gli altri =)
Messaggio
03-09-2013 23.08
marcocar marcocar
È una fantastica esperienza soggiornare in bivacco, ricordiamo però che come da regolamento CAI "Nei bivacchi e nei rifugi non custoditi per le loro specifiche caratteristiche di strutture atte al pernottamento e riparo di emergenza é vietata una permanenza prolungata se non motivata da condizioni atmosferiche tali da impedire il prosieguo dell’ascensione o il ritorno a valle."
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva