il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 193 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 24
Messaggio

Ciaspe

01-12-2012 23.57
luigino luigino
Ciao a tutti!
Qualcuno in questi giorni ha già fatto qualche escursione con le ciaspole?
Messaggio
02-12-2012 00.06
luigino luigino
Ancora io...
Sono raggiungibili questi bivacchi con le ciaspe:

1- Ric. Crasso da Stolvizza ?
2- Ric. Francescutto da Forni di Sopra con il CAI 210 oppure CAI 209 + 211 ?
3- C,ra Bernone dal lago di Sauris ?
4- C.ra Vinadia Grande dal Ponte Arceons ?
5- Ric. C.ra Avanza di là di Sopra da Pierabech ?

Grazie a tutti per l'eventuale collaborazione
Messaggio
02-12-2012 18.47
Michela Michela
Riguardo al rif. Crasso, secondo me non è una tipica escursione da ciaspe... anni fa l'ho tentata trovando queste condizioni: la parte bassa era troppo poco innevata per indossarle, quella intermedia anche se con neve non era agevole (terreno irregolare e roccette affioranti), e nella conca finale un grosso accumulo di neve ventata mi ha consigliato di battere in ritirata ormai quasi al rifugio...
Messaggio
11-12-2012 00.24
tullio.comuzzi tullio.comuzzi
Ciao, ieri sono salito con le ciaspe a casera Tragonia da Forni di sopra. In quota neve fresca e alta, così come nel tratto boschivo fra Puonsas e la casera, ottima pure fra Tragonia e casera Aip. Avvicinamento e metà discesa (cai 209) senza ciaspe. Lo consiglio vivamente, stupendo il tratto fra puonsas e la casera, soprattutto se lo si fa tutto tagliando in diagonale per il bosco, sia seguendo gli ottimi e freschi segnavia sia "a naso", come ho fatto io...
Messaggio
11-12-2012 11.29
luigino luigino
Volevo alcuni chiarimenti sul rientro lungo il CAI 209 da tullio.comuzzi:

1- Dal bivio CAI 209/211 a quota 1709, c'era qualche traccia che proseguiva a destra verso il Biv. Francescutto?
2- La casera dell'Aip (o dai Vidiei) è aperta come bivacco?
3- Il tratto finale in discesa a Vico è ancora ghiacciato?

Grazie e buone ciaspolate1
Messaggio
11-12-2012 13.13
brunomik brunomik
Un paio di anni fa sono salito a casera Montemaggiore (e quindi al vicino bivacco Francescutto) da Forni di sopra e poi ho proseguito verso casera Tragonia ma prima di arrivarvi ho preso il sentiero che passa presso casera de l'aip. Per arrivare a casera Montemaggiore non c'era nessun problema dato che la pista era ottimamente battuta mentre il tratto che prosegue verso casera Tragonia ho battuto io la pista (c'erano 30-40 cm di neve) e non ricordo grossissime difficoltà nel seguire i segnavia. Però questo allora adesso chissà, ciao
Messaggio
11-12-2012 13.38
luigino luigino
Letto il commento di "brunomik".
Se ho capito bene, penso che tu sia salito alla casera Montemaggiore lungo il CAI 210, transitando per gli stavoli Pantarona ed il fienile Duns e poi abbia proseguito con il CAI 211 transitando per lo spallone sud del M.Lagna a quota 1770 fino a ricongiungerti con il CAI 209 al bivio di quota 1709!
Tempo fà al Biv. Francescutto avevo già incontrato alcuni escursionisti che raccontavano di salite al bivacco con le ciaspe da Forni, ma ora ho la conferma!
Messaggio
11-12-2012 14.25
sandra.sentierinatura sandra.sentierinatura
Per Luigino, quesito 2 su malga dell'Aip (o casera dei Vidiei come sulla Tabacco). Ci sono passata il 24/11, senza neve.
E' aperta, all'interno attrezzata con tavolo con panche, caminetto nell'angolo. Pannelli solari per l'illuminazione. E' in custodia al gruppo alpini di Forni di sopra che l'ha ricostruita e ristrutturata, all'interno un quaderno con le foto dei lavori.
Le ex stalle servono come ricovero attrezzi e legname.
Mandi
Messaggio
11-12-2012 21.03
tullio.comuzzi tullio.comuzzi
Per Luigino
-1 non saprei risponderti, era la prima volta in quei luoghi, e fra la neve a 50 cm, la fatica e la felicità non vi ho badato; le mie tracce fra l'altro erano le uniche sulla neve tutto attorno
-2 casera aip è piccola ma accogliente, con piano in muratura per il fogolar, uno spolert (stufa a legna in ghisa) e altri suppellettili. se siete in pochi ve la consiglio, soprattutto per il fogolar
-3 da casera aip a Vico la neve cala rapidamente, mi sono tolto le ciaspe dopo 1 km circa; fin dove c'era un po' di neve anche "scalzo" si scendeva bene, l'ultimo terzo di discesa una tortura, non si vede mai la fine a barcamenarsi sui sassi...
mandi
Messaggio
11-12-2012 21.07
tullio.comuzzi tullio.comuzzi
scusa, mi sono ricordato sol'ora... al bivio di cui tu chiedevi ho visto il segnavia cai, ne sono certo, e la neve era intonsa.
Messaggio
12-12-2012 21.03
ivozandonella ivozandonella
Ciao, domenica 9 ho fatto il giro da Pierabech alla casera Avanza di quà di sotto, di quà di sopra, poi sono passato alla casera di la di sopra e rientro a Pierabech. L'ho fatta senza ciaspe perchè non servono anche se alle casere in alto ci sono sui 30 cm di neve ma basta un paio di ghette e si cammina comodamente per la neve farinosa.
Messaggio
13-12-2012 00.13
luigino luigino
Qualcuno sà se il Sentiero del Pellegrino da Lussari all'omonima malga ed al Santuario è ancora percorribile con le ciaspe oppure è interdetto ai non sciatori?
Messaggio
13-12-2012 10.38
alessio2061 alessio2061
sent. del Pellegrino o.k., la ditta che eseguito i lavori della nuova pista ha costruito un nuovo tracciato sul versante destro (salendo) e posizionato alcuni cartelli sul bivio x il m. Cacciatore a sinistra e m.Lussari a destra e anche per la discesa ha segnalato l'accesso/inizio del nuovo tratto , attualmente quasi tutti appena arrivano alla malga Lussari salgono per il tracciato della nuova pista che è più evidente, non sarebbe male che qualcuno facesse la traccia del nuovo tracciato in modo che tutti possano poi percorrerla quando eventualmente in seguito verrà aperta la pista agli sciatori; in questa zona e nel borgo del m. Lussari noterete delle piccole tabelline ALPE ADRIA TRAIL che abbiamo posizionato quest'anno prima dell'inizio dei lavori della nuova pista da sci( trattasi di un tratto del percorso a tappe che dal Grossglockner porta a Muggia attraversando la Carinzia, la valCanale, la Slovenia e il Carso)e che il prossimo anno riposizioneremo seguendo il nuovo tracciato del sentiero (quindi x il momento non fate caso se nel tratto del bosco troverete qualche tabella che vi indica una direzione non esatta per via che quella era la vecchia traccia prima dei lavori). mandi.
Messaggio
13-12-2012 20.43
luigino luigino
Ecco altri 2 itinerari di cui chiedo la percorrenza con le ciaspe:

1- Casera S.Giacomo di Sopra da Pesariis passando per Launa e Nauscel( fino qui per carrareccia), poi su vecchio segnavia CAI (?) per Socretaias e scendendo a Ponte Arceons per le casere di Ilo.
2- Rifugio casera Pilagn da Pieria lungo la carrareccia CAI 235

Grazie e speriamo che arrivi un pò di neve per le nostre ciaspolate!!!
Messaggio
14-12-2012 09.05
marco.d marco.d
Ciao ti rispondo per il percorso 1, S. Giacomo - Ielma. L'anello che hai descritto si può fare ed è tutto segnalato (anche il tratto da Nauscel alla casera S. Giacomo non ha problemi di orientamento). Allo stato attuale si può fare tranuqillamente in scarponi (martedì sono passato per Ielma proseguendo fino al monte Pieltinis, e fino a Ielma di sopra si poteva camminare tranquillamente in scarponi).
In caso di forte innevamento, nel tratto da malga S. Giacomo a malga Ielma di sotto, bisogna valutare le condizioni di sicurezza del tratto di sentiero a nord il colle di S. Giacomo (mi pare ci sia un tratto soggetto a scariche).
Mandi
Messaggio
18-12-2012 00.27
luigino luigino
Volevo ancora chiedere ad Alessio, se è possibile raggiungere il Borgo di M.Lussari attraverso la carrareccia CAI 617 che transita sulla sella fra il M.Prasnig e l'inizio del CAI 613 per la Cima Cacciatore oppure c'è qualche nuova(ed inutile) pista?
Gli scialpinisti possono acora salire lungo il tracciato del Sentiero del Pellegrino oppure pure a loro è vietato per la nuova pista?
Messaggio
19-12-2012 21.21
alessio2061 alessio2061
ciao, dal bivio tra il 613 e 617 carrareccia dove si trova l'ultima cappella votiva si può andare verso il borgo M.Lussari per la traccia del nuovo sentiero che trovi tabellato di fronte alla cappella e che in direzione nord ti conduce verso la meta, il sentiero poi esce a fianco della pista nella parte alta che poi traversi e/o scendi per breve tratto e poi per solita carrareccia al borgo (quella a sinistra del 617), questo se sali lungo la strada di servizio da VALBRUNA , altrimenti se sali x il 613 /Pellegrino da Camporosso non passi x la citata cappella ma il sentiero nuovo inizia sotto in malga Lussari a destra pochi metri prima del tracciato della nuova pista, mandi.
Messaggio
20-12-2012 00.29
luigino luigino
Grazie per le informazioni!
Comunque non penso di tornarci a breve, per non vedere come hanno ridotto questo bel percorso sacrificandolo al Dio denaro a favore di coloro che non sono in grado di salire con le pelli di foca fino lassù, ma hanno bisogno estremo di essere portati artificialmente fino all'inizio della pista per poter scendere a valle!!!
Suppongo che d'estate sicuramente lo spettacolo sarà ancora più desolante e la caratteristica malga Lussari sarà chiusa!
Messaggio
20-12-2012 09.51
orso.bruno orso.bruno
A tale proposito ecco un'impressione reperita sul web risalente alla fine di settembre:
«Se ora arrivate ai pascoli di malga Lussari, gli ultimi alberi lasciano spazio ad uno scenario a dir poco desolante: mezzi meccanici parcheggiati alla rinfusa, tubature in plastica per l’innevamento programmato pronte per essere interrate, canali di scolo per le acque di dilavamento del versante spoglio di vegetazione. Una striscia di ghiaia e materiale sciolto larga almeno cinquanta metri segna in maniera ormai indelebile il versante boscoso che dai pascoli delle malghe salgono alla Sella Lussari. L’ultima cappella votiva della Via Crucis – aggiunge – si trova proprio qui, tra larici e prati di rododendro sostituiti oggi da uno sterile letto di ghiaia pronto per essere ricoperto di neve, per la gioia degli sciatori. Ma d’ora in poi, la Via Crucis non passerà più di qui. Per tenere a bada gli animi più caldi, hanno in qualche modo sostituito l’antica via di salita ripristinando un sentiero militare per sbucare nei pressi della vetta del Monte Lussari, ma che, di fatto, segue un differente itinerario. La domanda che ci si pone è la seguente: ma l’ultima cappella votiva della Via Crucis che fine farà? Sarà circondata dal frenetico mondo dello sci senza più possibilità di poterla raggiungere?».
Timori che il presidente di Promotur ridimensiona: «La nuova pista non tocca il tracciato della via Crucis. La nuova pista passerà sulla sinistra rispetto alla cappella votiva, il sentiero resterà sulla destra. Non c’è alcuno scempio, visto che in accordo con la Curia realizzeremo un’area di sosta e di preghiera proprio a ridosso di questa cappelletta. Provvederemo poi, anche all’inerbimento dell’area».

Sarà vero oppure sono le solite balle!!!
Voi cosa ne pensate?
Messaggio
20-12-2012 17.48
brunomik brunomik
Dove arrivano gli impianti di risalita è comunque la fine della bellezza di ogni luogo. Ricordo ancora com'era Sella Prevala prima della "valorizzazione" e vederla com'è adesso mette una tristezza infinita. Poi certamente il presidente di Promotur dirà che ci sono posti di lavoro in più e che tutto è stato fatto con i dovuti modi e rispettando la natura ma vedere i camosci sulla striscia di ghiaia della pista che scende dalla sella del Forato sul versante sloveno mi ha rattristato profondamente.
Allegato: 36-Stambecchi sulla pista da sci.JPG
Messaggio
20-12-2012 17.49
brunomik brunomik
Mi correggo subito ovviamente erano stambecchi e non camosci anche se non cambia niente
Messaggio
20-12-2012 21.14
rudy75 rudy75
Da quello che sento in giro pare che la gestione di Promotour sia penosa... Non sono contenti nemmeno gli sciatori, quest'anno i prezzi per gli abbonamenti assurdi... Sui giornali se ne sentono di tutti i colori, perdite continue, investimenti sbagliati... Mah... Io manderei tutti a casa.
Messaggio
20-12-2012 21.35
brunomik brunomik
Io manderei certamente a casa il presidente di Promotur e tutti i suoi sottoposti più vicini. Io non capisco questa febbre di creare piste nuove in un periodo di crisi in cui la gente non ha tanti soldi da gettare via.
Messaggio
20-12-2012 22.46
luca.deronch luca.deronch
@Bruno. Discussioni sul sentiero del Pellegrino sono state fatte anche in passato, ma evidentemente non sono servite. Nonostante i deficit continui, invece di pensare a qualche alternativa,visto che la montagna per fortuna ha ancora quattro stagioni, continuano con queste scelte scriteriate, sperperando di fatto soldi della Regione, cioè anche nostri. Promotour è solo il braccio.......
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva