il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 115 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNaturaIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
Lista forum  ->  Forum escursioni FVG   Precedente Successivo
N. record trovati: 24
Messaggio

Traversata Carnica

04-09-2012 10.34
sara.gandolfi sara.gandolfi
Salve a tutti!
La prossima estate mi piacerebbe percorrere tutta la traversata carnica, da San Candido a Coccau.
Sto cercando di organizzare le varie tappe: per quanto riguarda la parte centrale non ho avuto problemi (l'idea era Rif. Calvi, Rif. Pichl Hutte, Plocken Haus, Malga Pramosio, Rif. Fabiani, Rif. Cason di Lanza, Albergo al Forcello o altro a Pramollo).
Ho difficoltà per quanto riguarda invece la parte iniziale (dal M. Elmo al Rif. Calvi) e la parte finale (da Pramollo a Coccau): sono zone che ancora non conosco bene. Qualcuno può darmi qualche dritta per i punti d'appoggio? Preferirei rifugi o malghe gestite, ma in caso di necessità fanno comodo anche i bivacchi.
So che è stato pubblicato tanti anni fa un libro in merito (Edizioni Svevo Trieste), ma mi sembra di aver capito che è possibile reperirlo solo nelle biblioteche di zona: abitando in Emilia-Romagna purtroppo non ho modo di procurarmelo, per questo mi rivolgo a SentieriNatura.
Ringrazio tutti coloro che risponderanno.
Mandi. Sara.
PS: essendo tanti gli imprevisti che si possono presentare, pensavo di non prenotare i rifugi, mi chiedo se questo mi creerà molti problemi, saremo solo in due ma l'unico periodo dell'anno disponibile per noi è il mese di agosto...
Messaggio
04-09-2012 11.21
brunomik brunomik
Ciao, ti segnalo che parallela alla Traversata Carnica sul versante austriaco corre la Karnischer Hohenweg per cui dato che la distanza tra i due itinerari è poca puoi usufruire dei rifugi austriaci. Per quanto riguarda la parte iniziale dal monte Elmo prosegui verso la Sillianer Hutte e poi dipende se sei salita a piedi al monte Elmo o con la funivia. Se è tardi pernotti lì mentre se riesci a proseguire continui per la Traversata Carnica fino ad arrivare sopra l'Obstansersee-Hütte e pernotti. Il luogo è splendido, poi prosegui valicando Cima Vanscuro e se vuoi puoi salire il monte Cavallino (non difficile), scendi alla Filmoorstandschutzenhutte e poi prosegui (secondo me è meglio sul versante austriaco) verso la Porze Hutte dove pernotti. Questo è quello che ho fatto io poi dalla Porze Hutte conviene prendere il sentiero italiano arrivando alla forca Dignas e per la strada delle malghe prosegui verso il rifugio Sorgenti del Piave e quindi verso il Calvi. Comunque su wikipedia digiti karnischer hohenweg e l'itinerario è descritto anche se in tedesco ma con un po' di intuito e con una buona cartina (consiglio sempre le cartine della Tabacco) si capisce piuttosto bene come procedere.
Per quanto riguarda la parte finale dal passo Pramollo dovresti proseguire fino al rifugio Nordio Deffar passando per malga biffl ma la tappa è un po' lunghetta mentre sul versante austriaco sotto il monte Poludnig c'è un rifugio-casera la Poludniger Alm ma non saprei come sono i collegamenti. Dal rifugio Nordio Deffar prosegui sotto l'Osternig e quindi vai verso il rifugio (austriaco) sotto l'Acomizza e quindi scendi alla sella del Bartolo da dove poi sali verso l'ultima elevazione delle Alpi Carniche il Capin di Ponente e il Goriane dove, sempre in Austria c'è un rifugio in un villaggio di malghe. Da lì poi scendi verso Coccau e hai finito. Se ti serve qualcosa di più chiedi ed eventualmente dammi il tuo indirizzo di posta elettronica che ti rispondo privatamente
Messaggio
04-09-2012 11.24
brunomik brunomik
Aggiungo solo che potresti anche trovare qualche rifugio un po' affollato dato che io ho pernottato all'Obstanseehutte ed ho dovuto adattarmi a dormire sulle scale. Però era sabato mentre gli altri giorni credo non ci siano grossissimi problemi. Eventualmente ti conviene prenotare giorno per giorno. Ciao ciao
Messaggio
04-09-2012 15.24
sara.gandolfi sara.gandolfi
Grazie per le info, in effetti sul versante austriaco gli appoggi sono più numerosi... spero solo di riuscire a farmi capire, il tedesco non lo so e il mio inglese fa pena...
Solo una domanda: il nuovo rifugio Nordio è già aperto? Mi risultava ancora in costruzione...
Messaggio
04-09-2012 18.05
brunomik brunomik
Dovrebbe essere aperto ma sono diversi anni che non ci vado e quindi non te lo posso dire per certo. Per quanto riguarda il tedesco o l'inglese neanche io posso dire di saperli bene ma basta poco per capirsi, se sai dire schlafen ed essen (dormire e mangiare) potrebbe già essere sufficiente.
Messaggio
04-09-2012 21.04
carisha carisha
Il nuovo Rifugio Nordio è ancora chiuso, ma per il prossimo anno chissà!
Sotto il M.Goriane quest'anno non ho trovato alcun rifugio aperto alla malga ed era già giugno inoltrato!
Messaggio
04-09-2012 22.13
ivozandonella ivozandonella
Ciao, per quanto riguarda la parte dal monte elmo al calvi, trovi alla fine dell ferrata D'Ambros sulla cresta della pitturina tra il monte Cavallino e il monte Palombino,il bivacco Piva. Altro punto d'appoggio la malga-agriturismo Dignas sotto l'omonima forcella ma bisogna scendere fino alla strada delle malghe. Da li in poi se rimani in cresta sul versante italiano non trovi niente fino al calvi. Dalla sella di Luggau dove il sentieri si divide 403 versante Austriaco, 172 Italiano puoi scendere per una schiena erbosa senza segni cai ma ti porta sulla strada delle malghe e da li a poco puoi trovare alloggio alla malga Antola. Consiglio questo in quanto la tappa successiva è molto meno complessa, dalla malga antola raggiungi la malga Chivion, da li per sent.134 risali la valle dell'oregone fino alla sella, punto di partenza per la normale del peralba,e poco sotto trovi il rif.calvi. Buon giro ciao
Messaggio
05-09-2012 08.42
luca_di_collina luca_di_collina
Per il primo tratto puoi sfruttare i rifugi austriaci Obstanserseehutte (confermo affollamento) e Neue Porze Hutte, da quest'ultimo puoi rientrare in Italia facendo un traverso dell'alta val Visdende, scendere al rifugio sorgenti del Piave e risalire al rifugio Calvi (tappa lunghetta dovuta al fatto che sul lato austriaco c'è solo un bivacco).
Nota: per evitare equivoci il Pichl Hutte adesso si chiama Wolayerseehutte.
Messaggio
05-09-2012 14.32
brunomik brunomik
Ho letto da qualche parte che il bivacco Piva è in condizioni piuttosto precarie, c'è qualcuno che può confermarlo?
Messaggio
05-09-2012 15.14
carisha carisha
Si, ilbivacco Piva è alquanto malmesso
Messaggio
07-09-2012 10.15
sara.gandolfi sara.gandolfi
Grazie a tutti per le informazioni!
Mandi,
Sara.
Messaggio
07-09-2012 19.32
alessio2061 alessio2061
alcune precisazioni, il sent. 504 è interrotto da anni dopo malga Biffil circa 10 minuti dopo la ex chiusa del rio Bianco( franato un tratto di circa 50 metri di sentiero non ho nessuna notizia recente che il tratto sia stato riadattato, forse possibile passare scendendo , attraversando e risalendo poco prima il piccolo rio ma terreno esposto quindi non consigliabile a tutti), il rif. austriaco si trova a sella Bistrizza/Feistritz alm ( non sono sicuro che si possa pernottare) e non a malga Acomizza poco distante (qui solo possibile mangiare e bere qualcosa quando è aperta la malga), al Goriane nessun rifugio ufficiale, c'è solo un rifugio forestale ma dovresti chiedere info direttamente a loro x eventuale apertura x tuo pernotto, sul lato austriaco solo baite private e pernottare a richiesta è un terno al lotto ( puoi avere fortuna che qualcuno ti ospita oppure ..... good luck); forse a sella di Lom sul lato austriaco potresti combinare x il pernotto alla baita/rifugio aperta durante il periodo estivo della malga, da li fino a Coccau calcola 6/7 ore; buon giro e good luck.
Messaggio
10-09-2012 12.06
sara.gandolfi sara.gandolfi
Mhhh... non promette molto bene... rifugi chiusi, malghe abbandonate, bivacchi malmessi, sentieri franati... la mia idea di avventura non arrivava a tanto. Forse è meglio rinunciare.
Messaggio
10-09-2012 12.31
andrea77 andrea77
Sara,a parte i " sentieri franati ", cosa c'è di più avventuroso di bivaccare una nottata in uno stavolo malmesso o una malga abbandonata? Al diavolo le comodità per una notte.. Prendila come una battuta.. Comunque io resto del partito nostalgico dello " Stavolo rustico" piuttosto che dei nuovi " Rifugi- bivacchi in stile residence " che stanno costruendo e prendendo mano.
Messaggio
10-09-2012 15.51
GiulioTS GiulioTS
Ciao Sara se fai la traversata in estate e
ti trovi in una zona in cui non ci sono
punti d' appoggio per una notte se il tempo
è bello e stabile puoi anche dormire all' adiaccio .
Io talvolta nelle mie escursioni adotto questa
soluzione l' importante è avere dietro un materassino
in poliuretano, eventualmente un poncho militare da
usare come telo tenda . Credimi dormire sotto le stelle
è bellissimo ! ciao

Messaggio
11-09-2012 10.54
sara.gandolfi sara.gandolfi
Ma sì, si vive una volta sola! L'idea era di farla in agosto... un buon sacco a pelo e via!!!
Messaggio
11-09-2012 13.15
renato.tirelli renato.tirelli
vai pure tranquilla, l'ho percorsa anni fa all'inizio di giugno, quando non tutti i rifugi erano aperti, ci sono un sacco di posti dove pernottare, malghe, ricoveri, rifugi, e i sentieri principali sono tutti ok.
vai ed ascolta solo te stessa, con la tua passione, i tuoi dubbi, la tua voglia e il tuo modo di vivere la montagna! mandi mandi!
Messaggio
13-09-2012 21.26
brunomik brunomik
Comunque i problemi dovrebbero essere localizzati solo nella parte finale per cui fino a passo Pramollo non dovrebbero esserci problemi. Per cui potresti almeno arrivare lì e poi per il prossimo anno forse il Nordio è aperto e quindi avresti il punto tappa che manca. Comunque come è stato già detto non è male passare una notte sotto le stelle, l'ho fatto quest'anno dopo decenni che non lo facevo ed è stato super.
Messaggio
13-09-2012 21.37
luca.deronch luca.deronch
Non l'ho fatta interamente, ma sono partito dalle Sorgenti del Piave ( precisamente a piedi da Cima Sappada) e come rifugio ho utilizzato solo il Marinelli, tutto il resto bivacchi/casere e notti sotto le stelle. Non c'è niente di più bello che aspettare la sera nella Val di Fleons o sui laghetti di Bordaglia e Avostanis. Una piccola tenda di supporto se serve e senza premura ti fai anche qualche bella cima come il Peralba, il Coglians o la Creta di Timau. E' una bella esperienza.....
Messaggio
13-07-2015 17.10
marco777 marco777
ciao Sara,
vorrei fare la Traversata e sto raccogliendo informazioni.
Tu l'hai fatta alla fine?
Ti ricordi che tappe hai fatto, le ore di cammino fra le tappe e dove hai dormito?
Messaggio
15-07-2015 06.46
sara.gandolfi sara.gandolfi
Ciao Marco, ad agosto 2013 io e mio marito abbiamo percorso il tratto che va dalle sorgenti del Piave a Passo Cason di Lanza... In tutto cinque notti e sei giorni:
- il primo giorno ci siamo fatti accompagnare dai miei genitori alle Sorgenti del Piave e abbiamo dormito al Rifugio Calvi (tappa molto breve giusto per abituarci al peso dello zaino);
- il secondo giorno abbiamo raggiunto il Rifugio Lambertenghi-Romanin (circa 8 ore comprese soste, foto, chiacchiere);
- il terzo giorno abbiamo raggiunto Passo Monte Croce per la Val Valentina (al Marinelli c'era la staffetta dei tre rifugi) e tentato il pernotto al valico, ma non avevano camere libere ed il gestore ci ha gentilmente prenotato una camera al Valentin Alm e accompagnato personalmente!!! Persona eccezionale... (circa 3-4 ore);
- il quarto giorno abbiamo raggiunto casera Pramosio (circa 7 ore sempre tutto compreso);
- il quinto giorno abbiamo raggiunto il Rifugio Fabiani (circa 3 ore) e dormito al bivacco invernale perché il Rifugio era chiuso;
- il sesto giorno abbiamo raggiunto Passo Cason di Lanza (circa 5 ore).
Poi abbiamo dato forfait causa ginocchio dolorante di mio marito e maltempo prolungato...
Non avevamo prenotato nulla ma non abbiamo avuto alcun problema a trovare due posti letto, eccezion fatta per il secondo giorno... Abbiamo tentato di dormire al Wolayerseehutte ma ci hanno respinto in malo modo... quindi abbiamo ripiegato sul Lambertenghi.
Ovviamente le nostre tappe si possono comprimere: avendo deciso di percorrere solo la parte centrale dell'attraversata abbiamo optato per la calma... Esperienza indimenticabile!!!
Se hai bisogno di altre informazioni chiedi pure!
Messaggio
15-07-2015 13.54
marco777 marco777
Ciao Sara,

grazie mille per le informazioni.
Ti chiedo solo dove volevate dormire al Passo Monte Croce? il posto dove c'era il gestore gentile?
Messaggio
15-07-2015 14.25
sara.gandolfi sara.gandolfi
Ristorante al Valico (l'unico che c'è sul passo subito prima della dogana), però non so se è ancora albergo... Nel 2013 stava valutando se affittarle ancora oppure no...
Messaggio
15-07-2015 14.32
luca.deronch luca.deronch
al Passo di Monte Croce alla trattoria al Valico hanno delle camere con pochi posti letto che tengono apposta per gli escursionisti che transitano. Ho chiesto info una quindicina di giorni fa per un amico della Lombardia che farà un trekking in zona. Bisogna prenotare perchè i posti sono pochi . Se non mi sbaglio il numero è 0433 779326 ....... la signora con me è stata gentilissima : il Passo Monte Croce come punto di appoggio è abbastanza fondamentale se si vuole spezzare una tappa lunga o dedicare un giorno a visitare le zone di guerra...... Io parecchi anni fa ho fatto un lungo tratto della traversata partendo a piedi da Cima Sappada e la tappa dal Marinelli a Pramosio è abbastanza lunga. In alternativa se volete usufruire di un rifugio non gestito ma molto accogliente c'è Casera Palgrande di Sopra. Ciao
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva