il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 110 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
CommunitySentieriNatura
Commenti  ->  Visualizza tutti i commenti

Elenco commenti

Anello del Passo di Suola da Andrazza
N. record trovati: 7
Messaggio
10-08-2019 18:53
Marco.S Marco.S
Escursione effettuata in data 09/08/2019. Da segnalare che, rispetto al commento precedente, lungo il tracciato non è più presente alcuna segnalazione di inagibilità. Percorso come da descrizione SN, quindi attraversando il ponte ad Andrazza, svoltando a sinistra e percorrendo il sentiero fino alla discesa sul ghiaione. Gli unici tratti da evidenziare sono quelli attrezzati, da percorrere con cautela. Prestare particolare attenzione al guado di un torrente situato presso la parte finale della salita, caratterizzato da un greto di roccia liscia e scivolosa, da attraversare camminando sopra i detriti. Per il resto tracciato mediamente ben segnalato e spettacolare, soprattutto al passo di Suola. Assolutamente consigliato!
Messaggio
02-06-2019 23:38
mg_1994 mg_1994
Percorso ieri in data 1.6.19 l'anello. Tutto in ordine fino a quota 1650, da qui (penso a causa del maltempo dello scorso autunno) il cai FVG sul proprio sito segnala il sentiero 368 come inagibile e consiglia di prendere una traccia sulla destra. Noi ieri purtroppo non siamo riusciti a trovarla e quindi abbiamo deciso di proseguire sul sentiero anche se dichiarato inagibile. Lungo il percorso si trovano tre alberi abbattuti, ma che possono essere raggirati senza troppe insidie, e purtroppo anche qualche parte attrezzata (penso si tratti di qualche scalino) su un pendio abbastanza ripido non esiste più.. Segnalo inoltre la presenza di neve fresca abbondante (in qualche punto anche 80 cm) da quota 1850 prima del passo suola e in discesa fino al Flaiban Pacherini. Il resto tutto come da descrizione! Buone passeggiate a tutti!
Messaggio
30-09-2018 19:37
giuseppe.venica giuseppe.venica
Escursione effettuata 29/09/2018. Rifatto lo stesso anello di un anno fa, con un tempo meteorologico migliore che mi ha fatto apprezzare ulteriormente il percorso. Quasi tutto il tracciato è in discrete condizioni; i segnavia bianco-rosso, posizionati nei punti strategici, guidano senza pericolo di perdere il tracciato; i pochi punti più delicati si superano senza richiedere particolari abilità. Questa volta ho aggiunto anche la variante alla Cima del Rifugio (circa 1 ora tra andata e ritorno al Passo di Suola). Buone camminate a tutti. Bepi (Cividale).
Messaggio
09-09-2017 19:40
giuseppe.venica giuseppe.venica
Percorso oggi 09/09/2017 l’intero anello, come descritto da SN. La risalita lungo la fiumana ghiaiosa della Val Rovadia è sempre ben segnalata fino all’impluvio da cui scende una lunga cascata; il proseguo sul conoide detritico richiede un minimo di capacità di orientamento, poiché le tracce sono molteplici; si deve risalire dapprima mantenendosi sulla dx, per poi piegare a sx e rientrare nella faggeta (SV CAI). Da qui la risalita è lunga ed impegnativa. L’unico tratto esposto, in cui il sentiero è completamente franato per pochi metri, si supera facilmente tramite l’ausilio di una corda metallica ben ancorata. Più in alto un po’ di attenzione nella risalita di un impluvio; la corda presso i mughi rischia di dare una falsa sensazione di sicurezza; è meglio non utilizzarla e fare affidamento sulle capacità di posizionare il proprio baricentro. Poco oltre si supera un piccolo rio che scorre tra verdi muschi e merita una pausa foto, forse più dell’imponente parete stillicidiosa che si lascia alla propria sx poco più in alto. Oltrepassato un dosso ci si ritrova in una specie di altopiano disseminato da massi e qualche rado arbusto. Seguire i SV bianco-rosso (indispensabili con la fitta foschia), per giungere alla confluenza col SV CAI N° 373, proseguendo a dx. Ancora un breve tratto in falsopiano, poi il SV piega a sx ed inizia la risalita finale. Dalla sella è sufficiente seguire i SV bianco-rosso per scendere al Rif. Flaiban-Pacherini. Dopo l’impegnativa salita ed il primo tratto della discesa, la “monotona” mulattiera che percorre la Val Suola, risulta rilassante.
Purtroppo le dense foschie nella parte alta, hanno impedito qualsiasi vista. Il timore di un peggioramento della situazione meteo, mi hanno costretto ad una salita ed inizio discesa molto rapida, lasciando la Cima del Rifugio per una prossima volta. Buone camminate a tutti. Bepi (Cividale).
Messaggio
03-07-2017 17:29
laura.molinari laura.molinari
Escursione del 2 luglio 2017 come da relazione SN, compresa la salita alla Cima del Rifugio, ma con una variante: al ritorno dalla Cima, anziché ripassare per il Passo di Suola, siamo scesi direttamente in Val di Suola e ci siamo ricongiunti alla traccia segnalata che porta al Rifugio per gli invitanti (e ripidi!) prati ad ovest della selletta tra le quote 2100 e 2068. Il percorso è bello ripido, ma – tutto sommato – agevole e ci ha concesso di abbreviare di un buon tratto la discesa, anche se non di evitare il piovasco che stava sopraggiungendo e che ci ha colti ancora lontani dal Rifugio Flaiban Pacherini. Abbiamo trovato tutta la sentieristica dell’anello in ordine e sempre adeguatamente segnalata, nulla da aggiungere rispetto alla relazione SN. Molto lunga, e con pendenza sostenuta e faticosa nella parte mediana, la risalita della selvaggia Val Rovadia. Il breve passaggio attrezzato, grazie anche alla vegetazione circostante, non fa particolare impressione, ma il sentiero è comunque eroso e la corda risulta di valido aiuto. Suggestive le varie cascatelle dell’alta Val Rovadia (utili anche per riempire la borraccia!), meraviglioso lo spettacolo dei rododendri in fiore nel largo catino detritico sotto al Passo di Suola. Estremamente ripido, ma per fortuna abbastanza breve, l’ultimo pezzo su prati per arrivare alla stretta cima, segnalata solo da un piccolo ometto. Molto più veloce, invece, la discesa in Val di Suola, anche se la nuda pista sassosa sotto al rifugio risulta un po’ monotona. L’anello, come da noi percorso, ha presentato una lunghezza di circa 14 km per 1300 metri di dislivello. Tempistica: circa 3 ore e 30 a Passo di Suola, 4 ore per la Cima del Rifugio, 5 ore al Flaiban Pacherini, 6 ore abbondanti per chiudere l’anello al Ponte di Andrazza. Mandi a tutti!
Messaggio
30-08-2016 19:20
francesca francesca
Percorso sabato 27 come da esatta relazione SN. Nella fiumana ghiaiosa, greto asciutto del torrente Rua, ci si destreggia fra i sassi, si seguono i segnavia Cai, e quando non ci sono, gli onnipresenti ometti guidano fino all'entrata del bosco. Il tratto delicato che anticipa il proseguo di un sentiero alto a ridosso dei precipizi con vista cascatelle, è caratterizzato da una cengia stretta ma breve attrezzata con cavo, che neanche sembra esposta per via della vegetazione intorno. Il tratto più fastidioso e malagevole è quello delle alte erbe, salito velocemente per timore delle zecche, comunque assenti nella parte alta del percorso. Nel catino erboso sotto il Passo di Suola mi fermo un po' per riposarmi e raffreddarmi, tolgo gli scarponi pesanti e gli stracci stonfi e mi godo questo mondo idilliaco. Dopo questa faticaccia in una calda giornata, mi aspetta un buon piatto al rifugio Pacherini, mai visto con così tanta gente, sembra di essere all'estero, sento parlare inglese tedesco e francese, alcuni giocano a carte, altri distesi sulle panche riposano, solo noi mangiamo, è tardi, mentre gli stranieri occupano vocianti le camere al piano sopra. Stanno sicuramente facendo l'anello dei rifugi e vengono chissà da dove per vedere le nostre bellezze!

Messaggio
21-08-2015 01:01
marco.raibl marco.raibl
Val Rovadia:mai sentita prima.Si va per dare un'occhiata.Da solo,tranquillamente e con la speranza (ben riposta) che il tempo sia clemente.Seguo la relazione di SN alla lettera.Dopo il ponte vedo un edificio che sembra essere proprietà di una società elettrica(o idraulica).Proseguo senza problemi lungo la pista fino alla val Rovadia e oltre,seguendo segnavia,ometti e tracce.Arrivo al tratto in cui è stato posizionato il cavo metallico.Sicuramente utile e,a prima vista,destinato a durare nel tempo.Il catino che precede il passo di Suola,in caso di nebbia,sarebbe difficile da attraversare senza perdere l'orientamento.Una volta raggiunto il passo,proseguo per la Cima del Rifugio,bella e facile salita,anche se,oggi,poco panoramica.Le nuvole,verso il Pramaggiore,lasciano pochi spiragli,mentre gli altri orizzonti sono più accessibili.Dal Flaiban-Pacherini in poi,verso valle,mi concedo della divagazioni.In destra orografica (dopo un po') si può notare una traccia che sembra un vecchio sentiero di salita.E' lì che mi dirigo,attraversando il torrente Dria.Esiste davvero,ma si interrompe,invaso dai mughi.Passo una mezz'ora scendendo lungo il torrente in secca e rientrando sulla traccia finchè,a circa 1100m,trovo un invito a entrare nella faggeta e da qui,costeggiando il rio,arrivare a uno sbarramento idraulico.Qui due possibilità:proseguire in piano lungo una condotta idrica che porta alla centrale elettrica (o idraulica),oppure scendere fino a trovare la passerella a cui si accenna all'inizio della relazione.Scelgo la seconda,più logica,e mi ritrovo all'auto.Bel giro,non difficile,a mio parere.
Login
Iscriviti Password dimenticata ?
Nome:
Password:
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva