il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 344 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1820587
    Portogallo - Ria Formosa Ilha da Culatra
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
giovedì 24 ottobre 2019

Parque Natural Ria Formosa e Ilha da Culatra

Il Parco Naturale de Ria Formosa, ad Olhao (a est di Faro), comprende anche l’area del Centro di Educazione Ambientale de Marim (CEAM). Il sentiero che percorre l’area è lungo 3 chilometri ed è dotato di cartelli informativi. Dall’edificio principale del centro il percorso passa accanto al punto di recupero uccelli, poi alle rovine romane. I resti consistono in basi quadrangolari di piccoli edifici che servivano per lo stoccaggio di anfore per il garum (il famoso condimento romano a base di pesce fermentato), pesce, molluschi. La presenza del sale inoltre rendeva la località molto interessante per l’economia del tempo.
01-Resti romani nel Centro di Educazione Ambientale de Marim01-Resti romani nel Centro di Educazione Ambientale de Marim
Poco oltre affianchiamo lo stagno interno mentre sulla laguna salata dalla parte opposta si aggirano aironi e altri uccelli marini. La laguna è fermissima: oggi non c'è un alito di vento e l'acqua è come uno specchio. Alcuni ricercatori stanno lavorando per predisporre reti al fine di catturare e inanellare uccelli. Visitiamo il molino di marea. Un interessante meccanismo sfrutta i diversi livelli raggiunti dalle maree per azionare la macina per il grano. L’uomo ingegnosamente cerca di sfruttare le risorse a disposizione, infatti durante i secoli scorsi si contavano diversi molini di marea nella zona, soppiantati a metà del secolo scorso dai molini meccanici. Dove le rive sabbiose si impaludano, viene segnalata la presenza del granchio violinista, ma l’incontro con questi crostacei lo rimandiamo ad altro giorno. Tra poco infatti da Olhao parte il traghetto di linea per l’isola di Culatra e non vogliamo perdere la corsa delle 11 (A/R euro 3.70).
02-Il molino di marea nel Centro di Educazione Ambientale de Marim02-Il molino di marea nel Centro di Educazione Ambientale de Marim
03-Garzetta nel parco naturale de Ria Formosa03-Garzetta nel parco naturale de Ria Formosa
La traversata impiega una mezzoretta, poi il battello prosegue per l’isola di Armona. Si tratta di strette lingue di terraferma che la laguna separa dal continente. L’acqua è molto bassa e il battello attracca lontano dal suolo. Una lunga passerella ci deposita a terra e ci accompagna fino alle prime case del paese. Ci immaginavamo solo un modesto gruppo di case e invece Culatra è un borgo abitato, dispone della Chiesa, della biblioteca, di Centro medico e Centro sociale. Non ci sono auto, nè moto, le stradicciole non sono asfaltate. Il suolo è di sabbia. Lungo le viuzze sono state predisposte lastricature a grandi piastrelloni che consentono un cammino comodo.
04-Dalla spiaggia dell'isola di Culatra vista su Olhao04-Dalla spiaggia dell'isola di Culatra vista su Olhao
La spiaggia si trova dall’altra parte della stretta isola e assieme al gruppo di turisti scesi dal traghetto ci mettiamo in cammino. Passiamo davanti alle piccole abitazioni, qualche attività commerciale, qualche ditta, alcuni bar. Esauriti gli edifici, una passerella in legno ci fa oltrepassare la distesa di sabbia macchiata da qualche cespuglio fino alla spiaggia esposta al mare aperto. Le piogge degli ultimi giorni hanno fatto fiorire fuori stagione qualche elicriso. Si spande attorno il loro profumo gradevole, sebbene per la maggioranza siano ormai secchi.
05-Le coste sabbiose dell'isola di Culatra05-Le coste sabbiose dell'isola di Culatra
Raggiunta la spiaggia, abbiamo passeggiato lungo il litorale sabbioso verso sinistra e ci siamo portati verso l’interno, per superare le dune e arrivare alla laguna interna affacciata sulla terraferma. Abbiamo proseguito fino ad una barca a vela abbandonata, in un punto dove l'isola compie una lunga rientranza. La calma di vento, il calore del sole e la presenza di acqua salmastra rendono facile l’osservazione di parecchie libellule. Come questi insetti, anche diversi aerei partono e arrivano dal vicino aereoporto di Faro.
Con un occhio all'orologio, rientriamo ad Olhao col traghetto.
06-Skyline di Olhao06-Skyline di Olhao
07-Girovagando sulle sabbie di Culatra07-Girovagando sulle sabbie di Culatra
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva