il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 159 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1730263
    Cima di Ombladet da Pierabech
    Alpi Carniche
  • P1730257
    Cima di Ombladet da Pierabech
    Alpi Carniche
  • DJI_10005
    Cima di Ombladet da Pierabech
    Alpi Carniche
  • DJI_10002
    Cima di Ombladet da Pierabech
    Alpi Carniche
  • P1730313
    Cima di Ombladet da Pierabech
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNatura

Cima di Ombladet da Pierabech

Avvicinamento

Da Villa Santina si risale la Val Degano lungo la statale n.355 attraversando in successione Ovaro, Comeglians e Rigolato. Oltrepassato anche Forni Avoltri, immediatamente dopo il ponte sul torrente Degano, si lascia la strada principale per piegare a destra verso Pierabech. Percorsi circa due km si parcheggia lungo la strada, poco dopo lo stabilimento delle acque minerali (m 1075, comodi spiazzi sui due lati).

Decrizione

Dal parcheggio si imbocca a destra il segnavia CAI n.141 che scende ad attraversare il ponticello sul rio Fleons. Il sentiero rimonta quindi nel bosco sfiorando la stretta forra del rio Bordaglia e, con qualche svolta, raggiunge la pista di servizio alla casera Bordaglia di Sotto. Tenendosi poco distanti dal fondovalle si risale il vallone fino ad un bivio intorno a quota 1400: qui si lascia a sinistra la direzione principale per prendere il ramo di destra (CAI 141) che scende leggermente esaurendosi presso l’alveo del rio Bordaglia. In forma di larga mulattiera, il sentiero risale ora sul bordo del greto attraversandolo poco più a monte. Guadagnato il versante opposto, si continua in ambiente più aperto raggiungendo con qualche svolta i ruderi della casera Ombladet di Sotto con le vicine stalle (m 1506 ). Con pendenza leggermente superiore, il sentiero riprende avvicinandosi ad una fascia rocciosa che viene superata sulla destra entrando in una macchia di larice e abete rosso. Dopo un tratto più articolato, con una diagonale si passa accanto alla targa del Terzo Reggimento Alpini uscendo poi sul limitare inferiore della radura inclinata che ospita la casera Ombladet di Sopra (m 1656). Qui la mulattiera si dissolve tra le alte erbe, ma è sufficiente puntare direttamente all'edificio principale, protetto dalle slavine da una sorta di grande cuneo costruito a monte. La casera è in condizioni precarie e può fungere solo da ricovero in caso di maltempo mentre la stalla è completamente distrutta. Il sentiero prosegue sulla destra risalendo con qualche svolta l’ultimo lembo di bosco per raggiungere definitivamente l’orizzonte delle praterie presso un primo ripiano. Il larghi tornanti intersecano ora zone prative interrotte dalle lingue di pietre e ghiaia che discendono dal monte Volaia. E' qui che ad estate inoltrata possiamo iniziare ad osservare alcune tipiche fioriture tardo estive come la parnassia, l'eufrasia, la carlina e la genzianella sfrangiata. Una specie di intaglio da l'impressione di essere arrivati in forcella, ma in realtà si tratta solo del secondo ampio ripiano. A queste ne segue un ultimo, dotato di provvidenziale sorgente ed infine il sentiero arriva alla forcella Ombladet, crocevia di direzioni (m 2061). Prima di proseguire, dalla forcella si può piegare a sinistra seguendo una linea trincerata che conduce ad un grande riparo in caverna (breve gradino roccioso esposto). Sarà anche l'occasione per osservare la fioritura della genzianella di Carinzia. Dal passo si imbocca ora a destra (ovest) il sentiero CAI n.169, salendo leggermente per arrivare sulla cresta. Dopo essere passati sull'erboso versante di sinistra si riguadagna il filo e con breve discesa su terreno scuro e friabile si cala ad un intaglio. Da questo la mulattiera, ora ridotta in larghezza (attenzione ad alcuni punti franati ed esposti), sale in diagonale verso la dorsale sud del monte e, con alcune ampie svolte, la raggiunge nel punto in cui, dall'altro versante, sale il sentiero che proviene da casera Monte dei Buoi. Con panoramico percorso di cresta si arriva infine sulla piccola vetta della cima di Ombladet (m 2255). Poco sotto questa si possono osservare i resti di un edificio mentre la cima è traforata da un caposaldo che ha mantenuto ancora il tetto cementato. Per il ritorno si utilizzerà il medesimo itinerario.

Avvertenze

Il tracciato allegato è relativo al tratto compreso tra il bivio della pista forestale e la vetta. Per la parte iniziale si veda il tracciato dell'Anello del Lago di Bordaglia .
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Settembre
Carta Tabacco
01
Dislivello
1300
Lunghezza Km
17,1
Altitudine min
1039
Altitudine max
2255
Tempi
Dati aggiornati al
2017
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Ovaro
  • Webcam Sappada
  • Webcam Ravascletto
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva