il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 166 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P2022050
    Rodi - Prasonissi
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
venerdì 21 ottobre 2022
Tag: 

Prasonissi

La punta meridionale di Rodi sfuma su Prasonisi, una isoletta spesso unita alla terraferma da una sottile lingua sabbiosa, a seconda delle maree. Il termine che la descrive è "isola tidale". Il luogo è caratterizzato dall'incontro tra due mari, il mar di Levante e l'Egeo. Questo fattore porta l'istmo di unione ad avere una riva ventosa e l'altra dalle acque più calme: un luogo da non perdere per gli amanti del surf e del kite surf.
01-La vegetazione presso la spiaggia di Prasonisi01-La vegetazione presso la spiaggia di Prasonisi
Oggi riusciamo ad attraversare l'istmo sabbioso a piedi: la marea non ha diviso Prasonisi dalla terraferma. All'altro capo imbocchiamo la strada che si inoltra verso l'interno dell'isolotto. Ci teniamo sulla destra dove superiamo una vecchia costruzione e una croce di legno. La pista sale leggermente tra i solchi di dilavamento, per arrivare a una sorta di piccolo ripiano cosparso di ometti di pietra. Dietro a noi è ben visibile il particolare istmo sabbioso. Al gruppo di ometti si abbandona la pista principale che scende a sinistra nella conca successiva, per tenere invece il sentiero che prosegue sulla destra. Si comincia lentamente a divallare ad un ulteriore pianoro con ometti dove possiamo scartare un po' a destra per un primo panorama sul Faro e sulla costa sottostante.
02-Le scogliere di Rodi dall'isola di Prasonissi02-Le scogliere di Rodi dall'isola di Prasonissi
03-Il faro di Prasonisi03-Il faro di Prasonisi
Infine su placche rocciose molto chiare, tra tanti gabbiani e qualche capra, arriviamo al faro. Risale al 1890 e raggiunge i 14 metri di altezza. Dalla parte opposta rispetto a quella dell'arrivo si stacca una stradella assolata in direzione di un edificio su un colmo. Senza raggungerlo evitiamo la strada più marcata sulla sinistra per tenerci sul tracciato di destra che scende verso il mare ad una piccola caletta. Qui ritroviamo una traccia di sentiero che corre lungo la costa fino alla successiva insenatura sabbiosa dove qualcuno prende il bagno. Un gruppo di cipressi regala un po' d'ombra e rappresenta il posto giusto per la sosta. Dalla spiaggetta sabbiosa la traccia prosegue traversando un poco alta sopra la linea di costa.
04-Panorama costiero04-Panorama costiero
Assecondando alcune insenature si aggira un ultimo costone: siamo in vista dell'istmo, ancora non sepolto dalla marea, al quale si cala senza percorso obbligato. Sono le 13 e il paesaggio è cambiato radicalmente rispetto alla partenza solo poche ore fa. Ora ci sono moltissimi turisti, automobili, e tanti colorati windsurf. Un paio di spericolati kite surf si esibiscono sulle onde.
05-L'istmo effimero che unisce Prasonisi alla terraferma05-L'istmo effimero che unisce Prasonisi alla terraferma
06-Stellione06-Stellione
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva