il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 67 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1711599
    Tenerife - Paisaje Lunar da Vilaflor
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
lunedì 7 febbraio 2022
Tag: 

Paisaje Lunar da Vilaflor

Questa escursione ci porta a visitare una specie di geosito chiamato Paisaje Lunar. Ci ero passata qualche anno fa, di ritorno dalla dalla caldera del Teide, e ne ero rimasta affascinata tanto da tornarci volentieri anche oggi. Questa volta parcheggiamo a Vilaflor presso la chiesa dietro la quale seguiamo la strada lastricata che esce dal centro storico. In fondo troviamo i cartelli per il percorso che porta a Guayara. Li seguiamo per attraversare quasi subito un barranco presso una vasca circolare per la raccolta dell'acqua. Il sentiero lungo la successiva risalita si trasforma in mulattiera larga e in parte lastricata, contornata da un bel muretto a secco.
01-La comoda mulattiera lastricata presso Vilaflor01-La comoda mulattiera lastricata presso Vilaflor
Ci troviamo sullo storico Camino di Chasna - Anaga. Incrociamo proprio qui una coppia di escursionisti stranieri che scendono. Visto gli ingombri dei loro zaini, i tappetini e le diverse bottigliette d'acqua caricate, è probabile stiano compiendo il Camino. Più in alto giungiamo a un bivi: a destra una pista prosegue in piano tra mandorli in fiore, ma il nostro sentiero lastricato prosegue sulla sinistra, con i segnavia di colore bianco rosso giallo.
02-I mandorli di Vilaflor02-I mandorli di Vilaflor
Più avanti una zona dal terreno più piatto mostra come siano stati ricavati alcuni terrazzamenti. Circondata da muretto di recinzione ma in disuso, si trova Casa Galindo. Il luogo è molto bello e circondato da mandorli in fiore. Il sentiero poi si accosta al solco dello stretto barranco de Las Mesas, e lo attraversa per risalire con tornantini per guadagnare la Pista Madre de l'Agua. E' percorribile dalle auto e ora un gruppo di corridori si sta allenando. La scalinata dalla parte opposta ci fa accedere al seguito del Camino (indicazioni Camino los Escuriales - Guayara - Paisaje lunar). Al bivio che segue poco dopo prendiamo il ramo di sinistra, che entra nella rada pineta assumendo una forma sempre più comoda. D'altra parte siamo sul Camino... L'odore della pineta con l'aria tiepida si fa sentire piacevolmente. All'incrocio con una pista, seguiamo sul ramo chiuso da sbarra. La pista procede quasi in falsopiano sempre comoda e larga per arrivare poi tra lembi di pineta al primo interessante affioramento roccioso che subito soprannominiamo Paisaje Lunar Pequeño. Rocce chiare a ridosso del percorso formano estese stratificazioni orizzontali.
03-Affioramenti rocciosi stratificati lungo la salita03-Affioramenti rocciosi stratificati lungo la salita
La pista si dilunga, attraversa il fondo di un piccolo solco e successivamente arriva al bivio principale. I Cartelli ci informano che abbiamo camminato per 5,8 km da Vilaflor. Il camino Chasna - Anaga prosegue oltre mentre per noi è il momento di scendere agli affioramenti del Paisaje lunar. Finora abbiamo impiegato 2 ore e 1/4.
04-Particolare nel Paisaje Lunar 04-Particolare nel Paisaje Lunar
Pochi minuti di discesa ci portano al primo affaccio (cartello) sul Paisaje Lunar, alle pendici di Montaña Bermeja. I suoi pinnacoli sono formati dalla forza erosiva di acqua e vento sulla roccia vulcanica. Tracce portano ad affacciarsi su ulteriori scorci.
05-Pinnacoli nel Paisaje Lunar 05-Pinnacoli nel Paisaje Lunar
Il sentiero principale porta all'altro affaccio sui pinnacoli di roccia chiara ai quali un gruppo di turisti si è avvicinato con cautela per non danneggiare la delicata struttura. La discesa avviene su sentiero molto ben marcato in ambiente più aperto, perlomeno nel primo tratto dove siamo circondati da arbusti. Entrati di nuovo nella rada pineta, il sentiero si fa più largo, supera un bivio, dove lasciamo a sinistra la direzione per las Vegas per continuare diritti tra due file di muretti a secco.
06-I luminosi getti del pino canario06-I luminosi getti del pino canario
Dopo una lieve contropendenza intersechiamo una pista e proseguiamo oltre. Scendiamo ad attraversare il largo letto di un barranco cosparso da grosse pietre. Il percorso si fa più articolato perchè si va ad incrociare una zona percorsa da alcune sterrate ed alcuni solchi che portano il sentiero ad assecondare le ondulazioni del terreno. Seguiamo quindi il segnavia bianco giallo. Alla pista Madre de l'Agua seguiamo a ritroso quanto fatto finora.
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Nella stessa zona
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva