il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 157 ospiti - 6 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1000802
    Gran Canaria - Barranco di Azuaje
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
venerdì 19 gennaio 2018

Barranco di Azuaje

Nella parte settentrionale di Gran Canaria, a poca distanza dalla costa, il barranco di Azuaje ci riporta con la mente ad una specie di giungla ricca di vegetazione. Scenderemo al fondo del barranco, lo percorreremo per un tratto per poi risalire nuovamente alla civiltà. Punto di partenza dell'anello è la cittadina di Firgas, un piccolo abitato senz’altro meritevole della visita che riserveremo per il pomeriggio. L’itinerario parte dalla Carretera Las Madres (mirador) da dove imbocchiamo lo scivoloso sentiero che si abbassa verso il fondo della gola. Sfioriamo le ultime case e le coltivazioni, oggi per gran parte invase dalle agavi e dai fichi d’india. Da una di queste costruzioni che pensavamo abbandonata, esce un rumore di calpestio a indicare la sua destinazione d’uso come stalla.
01-Il barranco de Azuaje da Firgas01-Il barranco de Azuaje da Firgas
02-In discesa verso il fondo del barranco02-In discesa verso il fondo del barranco
Il cammino continua accanto a un grosso tubo idraulico mentre va aumentando la copertura verde con i taginaste e le lavande in fiore. Insomma, si procede gradevolmente tra verde lussureggiante e tubature dalle dimensioni ragguardevoli, mentre si inziano a intravedere le auto parcheggiate sul fondo del barranco. Ci sono arrivate dal tornante della strada che sale a Firgas. Il sentiero arriva sul fondo proprio in corrispondenza dell'antico Hotel Balneario de Azuaje. La struttura termale, risalente al 1868, sfruttava le acque dalle proprietà curative, originate dalle rocce di origine vulcanica, e venne utilizzata a scopi curativi. Le classi europee più abbienti trascorrevano periodi di cura nell’hotel, circondati dalla bellezza della natura. Fu chiuso prima della seconda guerra mondiale. Sulla Rete potete trovare alcune interessanti fotografie storiche del Balneario. Merita senz’altro una visita anche se purtroppo i resti della costruzione sono completamente coperti di scritte oltre che probabilmente pericolosi.
03-Il Balneario di Firgas03-Il Balneario di Firgas
Un sentiero lastricato prosegue sul fondo del barranco, proprio a fianco del rivoletto d'acqua fino all’area attrezzata (panchine e cartello) che segna l'inizio della parte più avventurosa. La vegetazione è davvero alta e rigogliosa e forma a tratti veri e propri tunnel verdi punteggiati dalla Canarina canarensis. Palme si intercalano a eucalipti, alte euforbie e canne di bambù. La mente corre agli ambienti immaginati da ragazzi durante le letture salgariane. Un paio di tronchi da scavalcare ci portano dall'altra parte del corso di acqua dove il sentiero e la gola si restringono sensibilmente.
04-Nel tratto più stretto del barranco04-Nel tratto più stretto del barranco
05-Fioritura di Taginaste nel barranco di Azuaje05-Fioritura di Taginaste nel barranco di Azuaje
Nel frattempo ci raggiunge un gruppo di ragazzi canari assieme ai quali affrontiamo la prima difficoltà: una rampa rocciosa povera di punti di appoggio. Segue la breve discesa di un gradino molto scivoloso dove è stata opportunamente posta una corda. Infine si arriva al passaggio chiave dell'anello: una rampa rocciosa da risalire sempre con l'aiuto della corda. Un gruppo di persone sta scendendo con qualche difficoltà ma per noi che affrontiamo il passaggio in salita, le cose sono più semplici. Al canneto successivo il barranco si allarga nuovamente e ha inzio la salita che ci riporterà a Firgas. Dopo un facile gradino il sentiero si fa nuovamente largo e comodo e in breve ci ritroviamo alti sopra il fondo, in vista di un gruppo di case adagiato sul pendio opposto.
06-Lungo la risalita a Firgas06-Lungo la risalita a Firgas
07-Il solco del barranco de Azuaje07-Il solco del barranco de Azuaje
Tralasciato un bivio a destra, si sale ancora su terreno via via più scivoloso fino a sbucare dapprima presso un grande eucalipto e quindi sull'asfalto. Tenendosi ora a sinistra, si rientra a Firgas dove non si può mancare la visita alla via che contiene le riproduzioni delle sette isole Canarie e gli stemmi delle città di Gran Canaria.
08-Le isole Canarie lungo la via di Firgas08-Le isole Canarie lungo la via di Firgas
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva