il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 30 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1740203
    Alta Murgia - Cave di Bauxite
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
giovedì 5 ottobre 2017

Cave di Bauxite

La bauxite è una roccia che costituisce fonte per la produzione di alluminio. Il giacimento di Spinazzola, scoperto nel 1935, ora è abbandonato, ma è diventato meta di fotografi per le straordinarie colorazioni rosse che il terreno assume a causa della presenza di ossidi di ferro. La visita alle cave può essere abbinata ad una lunga passeggiata attraverso l’Alta Murgia, ma c'è anche la possibilità di avvicinarsi in auto. Da Gravina in Puglia, dove siamo alloggiati, ci avviamo in auto lungo la Strada provinciale delle Murge. Diretta e veloce, ci porta all’unico bivio a cui dobbiamo prestare attenzione. A destra, infatti, imbocchiamo una pista in terra battuta che ci porta alla base del gradone murgiano dove lasciamo l'auto per iniziare a camminare (per il punto esatto consultate il tracciato gps). Tralasciata la prosecuzione della pista, ci teniamo a sinistra rimontando il breve pendio che ci porterà sul ciglio superiore.
01-Fioriture di zafferanastro giallo nell'Alta Murgia01-Fioriture di zafferanastro giallo nell'Alta Murgia
02-Masseria nell'Alta Murgia02-Masseria nell'Alta Murgia
L’ambiente è arido, le piante erbacee in questa stagione sono ormai completamente secche, ma fanno eccezione le coloratissime fioriture dello zafferanastro giallo. Sul bordo dell’esteso altopiano, ritroviamo la pista che ora seguiremo verso sinistra attraversando il paesaggio dell’Alta Murgia, tra steppa e coltivi. In ottobre tutti i campi sono arati e mostrano il colore della terra nelle sue varie sfumature creando un paesaggio formato da riquadri regolari intervallati da piante isolate e masserie. Ad una biforcazione ci teniamo ancora a sinistra entrando quasi subito in un profumato boschetto. Superata una altana ritroviamo alcuni segnavia CAI che ora ci conducono ad un punto panoramico dal quale vediamo i primi affioramenti rossastri. Con una brusca discesa su terreno malagevole si arriva al fondo della valletta sottostante e quindi ad un successivo incrocio.
03-Il paesaggio autunnale dell'Alta Murgia03-Il paesaggio autunnale dell'Alta Murgia
04-La valletta che precede le cave rosse di bauxite04-La valletta che precede le cave rosse di bauxite
Seguendo ancora i segnavia bianco rossi rimontiamo il successivo dosso fin dove il terreno si fa nuovamente orizzontale. Siamo ormai molto vicini alla prima voragine il cui ciglio precipite è protetto da un basso muretto di sicurezza. Osservando l'interno della cava appaiono le colorazioni marziane del terreno e delle pareti assieme al verde di qualche conifera. Le cave furono abbandonate agli inizi degli anni ’80 ed ora si trovano all'interno del Parco dell’Alta Murgia al quale regalano uno scenario coloratissimo e inaspettato. Dal corridoio di accesso si può arrivare fin sul fondo dove sono state scaricate alcune carcasse di automobili chissà da quanto tempo.
05-Materiale rosso di riporto presso le cave di bauxite05-Materiale rosso di riporto presso le cave di bauxite
06-I bordi che chiudono le cave: siamo su Marte?06-I bordi che chiudono le cave: siamo su Marte?
Continuando la visita si arriva anche all'ultima cava, dal fondo più comodamente raggiungibile. È molto più estesa delle precedenti e presenta pinnacoli e calanchi dai colori che variano dal rosa al ruggine. Il fondo ospita un piccolo specchio d’acqua stagnante e si è sviluppata anche una rada vegetazione di arbusti. Dopo avere contornato anche il ciglio di quest'ultima cava, iniziamo a rientrare passando accanto ad alcuni fotografi che stanno probabilmente realizzando un catalogo di abbigliamento. Un gran numero di vestiti attende sul furgone mentre due giovani fotomodelli sono in posa sul bordo: una gran bella location.
07-All'interno di uno degli scavi07-All'interno di uno degli scavi
Il rientro può avvenire su un percorso in parte diverso sfruttando il reticolo di piste che si sviluppa più a nord rispetto al tracciato già descritto. Le deviazioni e le anse sono numerose per cui vi rimandiamo ancora al tracciato gps.
08-Gli accesi colori che si trovano all'interno delle cave08-Gli accesi colori che si trovano all'interno delle cave
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva