il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 248 ospiti - 3 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1580178
    Lanzarote - Montaña de la Cinta e Atalaya de Femés
  • P1580119
    Lanzarote - Montaña de la Cinta e Atalaya de Femés
  • P1580191
    Lanzarote - Montaña de la Cinta e Atalaya de Femés
  • P1580129
    Lanzarote - Montaña de la Cinta e Atalaya de Femés
  • P1580628
    Lanzarote - Montaña de la Cinta e Atalaya de Femés
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
mercoledì 15 marzo 2017
Tag: 

Montaña de la Cinta e Atalaya de Femés da Yaiza

Eccoci a Yaiza, la cittadina posta all'interno, nella parte meridionale di Lanzarote. Da qui parte l’anello di oggi, che ci vedrà percorrere le due piccole dorsali che racchiudono la valletta di Fenauso. Tra le candide case della strada principale, più o meno di fronte al Museo dell’Aloe, cercate la scalinata in pietra vulcanica (!) che con una breve rampa ci porta a intercettare il camino di Orzola. Si tratta del percorso che corre lungo tutta la isola di Lanzarote, a partire dal nord (dalla cittadina di Orzola, appunto) fino a Playa Blanca nel sud. Lo imbocchiamo a sinistra procedendo sopra una sorta di terrapieno che presto muta in un sentiero. Si tagliano così in diagonale le pendici della Montaña de la Cinta per portarsi sopra una spalla battuta dal vento.
01-Il paese di Yaiza al mattino01-Il paese di Yaiza al mattino
02-Risalendo la Montaña del Medio02-Risalendo la Montaña del Medio
Qui la vegetazione appare ancora più scarsa, mentre si apre sull’altro versante la vista sulla dorsale che percorreremo al ritorno. L’Atalaya de Femés è ancora lontana ma con le sue antenne si fa riconoscere. A fondovalle, terreni rettangolari pronti per le coltivazioni, quasi strappati al pendio, sono ricoperti da nera sabbia vulcanica. Si comincia a salire la Montaña de la Cinta: l'inizio è piuttosto deciso ma poi la pendenza si appiana e si arriva comodamente in vetta (m 433). Nonostante la quota modesta il panorama è ampio: da una parte il Parco vulcanico di Timanfaya, dall'altra il sud dell'isola e Playa Blanca. Da qui fino all'incrocio con la strada che serve le case più alte della valle, si procede senza sentiero guidati dalla linea della dorsale. La prima discesa si svolge su terreno un poco più ripido ma ben presto la larga insellatura è raggiunta. Da qui si risale alla successiva quota della Montaña del Medio (m 404) e poi, dopo un ultimo strappo, alla Montaña de El Cabo (m 396).
03-L'ampia insellatura fiorita che precede la Montaña de la Cinta03-L'ampia insellatura fiorita che precede la Montaña de la Cinta
04-La spoglia sommità della Montaña de la Cinta04-La spoglia sommità della Montaña de la Cinta
Siamo sopra i riquadri dei coltivi che formano bellissimi contrasti cromatici e dobbiamo ora scendere alla rotabile che si nota poco sotto. Arrivati alla strada asfaltata la si segue a destra fino all'ultimo muro di recinzione. Qui si piega a sinistra entrando nel prato tramite una stradella poco marcata che termina in breve. Mirando ad alcuni ometti più in alto si prosegue liberamente fino ad intersecare un marcato solco roccioso delimitato da muretti a secco di vecchia data. Lo si segue fin dove questo sfuma nel pendio presso alcuni terrazzamenti oltre i quali si iniziano a vedere anche le antenne. Tenendosi ora a destra si arriva improvvisamente sul bordo del pendio affacciato sul meridione di Lanzarote. Ancora pochi metri a sinistra e ci ritroviamo sotto le antenne presso un riparo ricavato nella roccia vulcanica, ottimo punto di sosta, panoramico e riparato dal vento.
05-Terrazzamenti coltivati a La Degollada05-Terrazzamenti coltivati a La Degollada
06-Cespugli fioriti colorano l'Atalaya di Femes06-Cespugli fioriti colorano l'Atalaya di Femes
Dagli impianti dell’Atalaya de Femés (m 561) si scende lungo la pista di servizio, lambendo il bordo di un grande cratere circolare inerbito. Poco più avanti si tralascia a destra la prosecuzione della pista in discesa verso Femés e si rimonta sul dosso successivo. Segue un bel tratto aperto e panoramico in leggera discesa, che porta a una zona di terre rossastre, dove il sentiero si orienta leggermente verso sinistra. Attenzione dopo poco ad abbandonare il solco in cui si cammina per imboccare il sentiero che scende a destra (ometti). Si passa in mezzo a un campo coltivato calando ad una ampia pista sterrata e contrassegnata da due file di grandi macigni. E' questa la strada che ci riporterà comodamente a Yaiza.
07-Le forme dei coni vulcanici nella parte meridionale di Lanzarote07-Le forme dei coni vulcanici nella parte meridionale di Lanzarote
08-Paesaggio urbano a Yaiza08-Paesaggio urbano a Yaiza
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva