il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 58 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1520492
    Alpi Retiche - Chiesetta al Morto
  • P1520469
    Alpi Retiche - Chiesetta al Morto
  • P1520457
    Alpi Retiche - Chiesetta al Morto
  • P1520446
    Alpi Retiche - Chiesetta al Morto
  • P1520438
    Alpi Retiche - Chiesetta al Morto
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
mercoledì 24 agosto 2016

Anello della Chiesetta al Morto

L’escursione di oggi ci porta per boschi e laghetti di quota a visitare l’orlo di quell'enorme pianoro inclinato che è l’Alpe di Villandro. Un'escursione semplice ma ricca di punti di interesse, scelta soprattutto per il fatto che inizia dal paese dove siamo alloggiati. La partenza si trova presso il grande parcheggio della cabinovia di San Martino, sulla strada che porta al caseificio. Oltrepassate le ultime case la strada si fa sterrata e scende ad attraversare il ponte sul rio Getrum. Tenendo la sinistra (segnavia 7a), in salita, si passa accanto ad un punto di ristoro con vecchio mulino per poi proseguire lungo il bordo del torrente. Dopo alcune installazioni didattiche per i più piccoli, la pista interseca altre due volte il corso del rio arrivando ad un bivio dove si abbandona il 7a per piegare a destra, sempre su pista (indicazioni per Rundweg Zum Toten). Tralasciate alcune diramazioni, si abbandona definitivamente la pista che prosegue sulla Via Crucis per tenersi ancora a destra, ora su sentiero. Seguendo la valletta dello Knappen Bach, si sale molto gradevolmente nel fitto bosco di conifere, tra larici, abeti e cembri. Intorno ai 1900 metri, oltre un cancelletto, la selva lascia il posto ad un grande pendio prativo inclinato e acquitrinoso.
01-Verso il ripiano dellla malga Moar in Ums01-Verso il ripiano dellla malga Moar in Ums
Lo si oltrepassa risalendo poi con pendenza più decisa verso il bordo di un ripiano. Si attraversa una recinzione in legno e si arriva alla base del pascolo della malga Moar in Ums (m 2047, fonte). La malga è affacciata sulla conca acquitrinosa del Seeberg Seen che sfioreremo durante la via del ritorno.
02-La conca acquitrinosa dei Seeberg Seen02-La conca acquitrinosa dei Seeberg Seen
03-La malga Moar in Ums03-La malga Moar in Ums
Il cartello poco a monte ci indica invece la direzione per la Chiesetta del Morto (Totenkirchl), nostra prossima meta. Passando poco sopra la Ribner Alm, ci innestiamo sul segnavia n.6 che utilizzeremo al rientro e in breve raggiungiamo la selletta dove è stata eretta la Chiesetta del Morto (Totenkirchl, m 2186). La spiegazione del nome si trova all'interno, tappezzato di tante piccole foto a ricordo di defunti. Sul piccolo valico arriva anche il lunghissimo muretto a secco, realizzato in tempi passati per aiutare le due municipalità confinanti a tenere separati gli armenti.
04-La croce di vetta del Totenrucken 04-La croce di vetta del Totenrucken
05-Muretto confinario sulla dorsale del Totenrucken05-Muretto confinario sulla dorsale del Totenrucken
06-La chiesetta al Morto06-La chiesetta al Morto
Sulla sinistra arrivando (nord, segnavia 16) è possibile salire in pochi minuti alla croce del Totenrucken (m 2271), magnifico belvedere sulle vastità dell'Alpe di Villandro. Dalla parte opposta (sud, segnavia 2a) si stacca invece il sentiero che sale al Totensee e al monte Villandro. Una ultima possibilità consiste nello scendere nel versante opposto arrivando al punto di ristoro della Pfroder Alm (m 2130, segnavia 6).
07-Le limpide acque del TotenSee07-Le limpide acque del TotenSee
08-L'alpe di Villandro08-L'alpe di Villandro
Decidiamo per il lago: si trova ai piedi delle pietraie che discendono dal monte Villandro e risplende di accesi colori che mutano in base all'orientamento con cui lo si osserva. Ridiscesi al bivio ci teniamo a sinistra (segnavia n.6) calando sulla pista che contorna la conca dei laghi. La si può abbandonare quasi subito a favore del sentiero che ci porta a sfiorare l'ingresso di una antica miniera. Dopo qualche saltello sulle pietre per evitare le zone intrise d'acqua, si rimonta decisamente sulla selletta soprastante (m 2083) dove si ritrova per pochi metri la pista. Evitato un tornante si imbocca una larga mulattiera inerbita che conduce ad un cancello di legno. Si entra ora nel pascolo della Gschwendt Alm alla quale si arriva per prati ruscellati (m 1894, fonte) assieme alla pista di servizio. Il Rundweg Zum Toten rientra ora nel bosco scendendo lungo una ripida pista che porta nei pressi di una ultima malga. Seguendo le puntuali indicazioni, si imbocca il sentiero che scende lungamente nel bosco fino alla sterrata che riporta alle case più basse di San Martino.
09-L'ingresso della ex miniera presso la Ribner Alm09-L'ingresso della ex miniera presso la Ribner Alm
10-Tipica residenza in San Martino10-Tipica residenza in San Martino
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Nella stessa zona
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva