il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 115 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1430574
    Sardegna - Costa Paradiso Tinnari
  • P1430526
    Sardegna - Costa Paradiso Tinnari
  • P1430564
    Sardegna - Costa Paradiso Tinnari
  • IMG_8642
    Sardegna - Costa Paradiso Tinnari
  • P1430563
    Sardegna - Costa Paradiso Tinnari
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
mercoledì 18 maggio 2016
Tag: 

Da Costa Paradiso alla spiaggia di Tinnari

Dopo avere trovato sistemazione a Badesi, inizia con questa escursione la nostra visita alla Gallura, nella costa nord della Sardegna. Dalla strada costiera che si dirige a Santa Teresa di Gallura, ci portiamo verso la località balneare di Costa Paradiso. Detto così, il nome potrebbe assomigliare a un semplice richiamo turistico, ma ci accorgeremo presto che il tratto di costa che da qui arriva a Isola Rossa presenta scenari unici e particolari. Il paese è una specie di villaggio turistico piuttosto esclusivo con le abitazioni che, rispetto ad altri casi, sono basse e più inserite nell'ambiente. Il parcheggio si trova alla fine della strada presso la riva: è probabile che in piena stagione sia arduo trovare un posto, ma siamo a maggio ed è quasi tutto a nostra disposizione. L'escursione ha inizio lungo un camminamento largo e comodo che ci lascia tutto il tempo per apprezzare le prime scogliere rosate che si specchiano in un mare azzurro e trasparente. Si procede in falsopiano arrivando ad aggirare un costone oltre il quale si trova Cala Li Cossi, piccola semiluna di fine sabbia dove arriva anche un rivolo.
01-Scogliere presso Costa Paradiso01-Scogliere presso Costa Paradiso
02-L'insenatura di Cala Li Cossi02-L'insenatura di Cala Li Cossi
Una rampa di gradini ci porta a scendere comodamente sulla spiaggia ancora deserta (i vantaggi di iniziare presto le escursioni...). La attraversiamo ritrovando il nostro sentiero dalla parte opposta, dietro il chiosco bar. Qui termina il camminamento per i turisti poiché ora si continuerà su sentiero non addomesticato. Con un modesto saliscendi, il sentiero segue la linea di costa attraversando un paesaggio variegato e colonizzato da ginepro, lentisco, cisto ed elicriso. Ci sono più tracce a disposizione e ognuno può scegliere quella che preferisce con la possibilità di scendere sulla riva per osservare da vicino i numerosi anfratti. Più avanti la macchia mediterranea si infittisce così tanto da inglobare il sentiero in un corridoio ombroso. Ci si ritrova così sopra l'arenile di Porto Leccio, una appartata spiaggia di ciottoli rosati alla quale si può scendere con pochi passi a destra.
03-L'arenile di Porto Leccio03-L'arenile di Porto Leccio
04-Fioritura di spillone delle spiagge presso lo stazzo di Porto Leccio04-Fioritura di spillone delle spiagge presso lo stazzo di Porto Leccio
Ripreso il sentiero, tramite un viottolo di sabbia si raggiunge la recinzione dello stazzo di Porto Leccio, annunciato da un teschio sorretto da un palo. Nel piccolo edificio non c'è nessuno, lo lasciamo presto dietro di noi proseguendo dalla parte opposta tra le delicate fioriture dello spillone delle spiagge (attenzione a non imboccare la pista che si allontana verso l'interno). La stradella inerbita termina presso le prime rocce proseguendo poi in forma di sentiero. Inizia qui la parte più spettacolare della costa ed è consigliabile tralasciare di tanto in tanto la traccia principale per divagare verso la riva, perdendosi tra le formazioni rocciose lambite da un mare di colore smeraldo. Le deviazioni sono numerose e richiedono del tempo vista l'asperità del terreno: se ne sia valsa la pena lo lasciamo giudicare a voi dalle foto.
05-Il paesaggio lungo il sentiero verso Tinnari05-Il paesaggio lungo il sentiero verso Tinnari
06-Gli accesi colori di Costa Paradiso06-Gli accesi colori di Costa Paradiso
Nel frattempo, ormai poco distante, inizia a delinearsi la spiaggia di Tinnari, nostra meta finale. Il labirinto costiero ci porta a scendere qualche metro per attraversare la gola di un rio asciutto che arriva al mare poi il sentiero risale e si tuffa nuovamente nella macchia. La tranquilla passeggiata si interrompe bruscamente sul salto roccioso che ci separa dalla sabbia: dopo qualche ricerca per un passaggio migliore, scendiamo in modo più semplice del previsto, utilizzando i numerosi gradini presenti.
07- La spiaggia di Tinnari07- La spiaggia di Tinnari
08-Fioriture di Erodium maritimum sulle rocce di Tinnari08-Fioriture di Erodium maritimum sulle rocce di Tinnari
09-Il Monte Tinnari domina la Cala09-Il Monte Tinnari domina la Cala
Ed eccoci dunque alla spiaggia di Tinnari formata dai piccoli ciottoli trasportati dal rio Pirastru che, come gli altri, si insabbia poco prima di gettare le sue acque in mare. Impreziosiscono il luogo il ventaglio di rocce rosse che circonda la spiaggia e alcuni grandi scogli dello stesso colore.
10-Bassi arbusti sul sentiero presso Porto Leccio10-Bassi arbusti sul sentiero presso Porto Leccio
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva