il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 58 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_8558
    Sardegna - Masua Cala Domestica
  • P1430235
    Sardegna - Masua Cala Domestica
  • P1430267
    Sardegna - Masua Cala Domestica
  • P1430270
    Sardegna - Masua Cala Domestica
  • P1430284
    Sardegna - Masua Cala Domestica
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
domenica 15 maggio 2016
Tag: 

Da Masua a Cala Domestica

La traversata qui di seguito descritta fa parte dell’itinerario Miniere nel Blu, un percorso a ridosso della costa sud occidentale della Sardegna, tra la passata storia mineraria dell'isola e gli splendidi paesaggi di scogliere. Da Fluminimaggiore scendiamo verso il litorale e poi raggiungiamo il parcheggio di Cala Domestica, punto di arrivo della nostra escursione. Ad accompagnarci in auto al punto di partenza a Masua ci pensa il giovane della locale cooperativa turistica (30 euro). Salutato il nostro autista, ci soffermiamo ad osservare la spiaggia di porto Cauli: già da qui è possibile scorgere il grande scoglio del Pan di Zucchero che sarà il catalizzatore della prima parte del nostro itinerario.
01-Il Pan di Zucchero dalla spiaggia di Porto Cauli01-Il Pan di Zucchero dalla spiaggia di Porto Cauli
L'avvicinamento avviene lungo la pista che conduce all'ingresso delle miniere di porto Flavia e quindi c'è un certo passaggio di auto. Presso un'ansa della strada vediamo finalmente il cartello CAI che indica il punto di inizio del nostro sentiero. Questo sale nella fitta macchia mediterranea portandosi progressivamente su terreno più articolato a ridosso di pareti verticali e cariate. La pendenza aumenta sensibilmente tanto che sono state collocate una fune e una scaletta per superare un breve salto roccioso. La salita prosegue fino ad un costone oltre il quale troviamo un tratto esposto che si affronta in sicurezza tramite un cavo passamano.
02-Le strapiombanti pareti sopra Porto Flavia02-Le strapiombanti pareti sopra Porto Flavia
03-Il punto attrezzato da scaletta metallica03-Il punto attrezzato da scaletta metallica
04-L'insenatura di Masua dal primo belvedere04-L'insenatura di Masua dal primo belvedere
Dopo la breve deviazione che scende ad un aereo belvedere con muretto, ci si porta su terreno migliore mentre sparisce la vista sul porto di Masua. Il Pan di Zucchero continua a farci compagnia ed anzi è possibile scendere sul ciglio del precipizio per una visuale ancora migliore. Dopo avere traversato il solco di una valletta, il sentiero inizia a scendere decisamente lungo il filo di una costa tra olivastri e ginepri contorti. Il terreno rimane accidentato fino al punto in cui si piega bruscamente a destra iniziando un lungo traverso nella macchia.
05-La particolare conformazione del Pan di Zucchero05-La particolare conformazione del Pan di Zucchero
06-Sentiero tra bassi arbusti nella prima parte del percorso06-Sentiero tra bassi arbusti nella prima parte del percorso
Si prosegue così con qualche modesto saliscendi fino ad un ripiano con ginepri e poi nuovamente nella gradita ombra di alti arbusti. Improvvisamente la boscaglia si dirada e ci si ritrova su un aereo belvedere affacciato sulla incantevole cala rocciosa del Canal Grande.
07-L'insenatura di Canal Grande07-L'insenatura di Canal Grande
08-La costa del Canal Grande vista da Punta Cubedda08-La costa del Canal Grande vista da Punta Cubedda
Qui il nostro itinerario piega a destra innestandosi nel tracciato di una mulattiera più ampia che si segue in discesa. La stradella termina proprio sulla piccola ansa rocciosa di Canal Grande, racchiusa da alte scogliere. Sulla destra si apre la caratteristica grotta, lunga circa 150 metri, che trafora il promontorio.
Per la prosecuzione dobbiamo ritornare qualche minuto sui nostri passi fino ad incrociare il sentiero che si stacca a sinistra. Con una ripida salita, spesso sul panoramico ciglio del costone, si arriva a Punta Cubedda. Qui il sentiero si appiana portandoci in bella vista sopra un altro promontorio affilato che si allunga verso il mare. In discesa si passa poi in prossimità di una fenditura rossastra affacciata a picco sulla costa e quindi a un secondo belvedere presso un gendarme di roccia verticale. Alla successiva elevazione, il sentiero piega verso l'interno superando una recinzione. Facendo ora attenzione alle indicazioni, si riprende il segnavia CAI, incontrando altre belle vedute sulla costa. La discesa conduce sul tracciato di una vecchia linea di trasporto minerario che termina proprio sulla spiaggia di Cala Domestica.
09-Il tratto di costa verso Cala Domestica09-Il tratto di costa verso Cala Domestica
10-L'ultima insenatura prima di Cala Domestica10-L'ultima insenatura prima di Cala Domestica
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva