il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 139 ospiti - 3 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • P1170360
    Escursioni in Corsica
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
sabato 20 giugno 2015
Tag: 

Escursioni in Corsica

Prima visita, per noi, in Corsica. L’arrivo più comodo dall’Italia è via mare con un traghetto che ci fa assaggiare le comodità di una piccola crociera, riassunte in poco più di quattro ore di viaggio. Un paio di settimane il nostro soggiorno. E’ un periodo sufficiente per apprezzare le qualità della Corsica ? E’ un periodo troppo corto? Chissà. Le giornate qui trascorse ci hanno comunque fatto conoscere nuovi aspetti naturalistici e storici, in un ambiente ospitale e tranquillo.


La Corsica è un pezzo d’Italia. Lo è dal punto di vista paesaggistico e geologico, per i nomi dei luoghi e per i cognomi dei locali, per la lingua corsa così piacevolmente simile all’italiano, tanto che riuscire ad imbastire una conversazione, capire ed essere capiti, non è poi così difficile. La Corsica è un’unica, enorme montagna solcata da profonde valli e percorsa da strade molto tortuose. Se da un lato questo complica, e non poco, gli spostamenti, dall'altro ci restituisce un territorio bellissimo e votato all'escursionismo. Ma siccome è un’isola, troviamo anche il litorale con le sue spiagge sabbiose e candide e con il suo turismo balneare.
01-Le acque della Restonica presso Corte01-Le acque della Restonica presso Corte
02-Le case del borgo di Soveria02-Le case del borgo di Soveria
Durante gli spostamenti nella zona centrale, colpisce la presenza di estese aree boscate, soprattutto faggio, castagno e pino nero laricio, mentre relativamente pochi sono i paesi. Tanta natura, insomma, e tanta acqua, declinata nei nevai ancora ben presenti a giugno, nei laghi e nei torrenti, meta di passeggiate e di bagni rinfrescanti. I sentieri sono segnalati da cartelli e la direzione da segnavia e ometti. Dislivelli e difficoltà possono accontentare tutti visto che dai percorsi costieri si arriva al 2706 metri di quota del monte Cinto, la vetta più elevata dell’isola. Questa ampia escursione altitudinale rende complicata la scelta del periodo migliore: in estate infatti, la calura rende improponibili le salite al di sotto dei 1000 metri mentre in alto si può trovare neve fino a stagione inoltrata.
03-Tramonto infuocato a Corte03-Tramonto infuocato a Corte
04-Cartolina dalla spiaggia di Loto04-Cartolina dalla spiaggia di Loto
Tra i turisti, la maggior parte francesi, si notano tante comitive di giovani che frequentano la montagna ed altri che percorrono il sentiero GR20, la grande traversata dell’isola da nord a sud. Sinceramente non ho mai visto tante persone nella fascia di età tra i venti e i trent’anni in montagna! è stata una piacevole scoperta. E ora spazio alle descrizioni degli itinerari, datate giugno-luglio 2015. Iniziate dalla mappa, ma prima mettetevi alla prova con la lingua corsa leggendo le 10 Regule di Securità Fundamentale.
05-La Paglia Orba05-La Paglia Orba
06-Corte e la sua cittadella06-Corte e la sua cittadella
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva