il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 156 ospiti - 4 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_3040
    La Gomera - Playa de la Guancha
  • P1030257
    La Gomera - Playa de la Guancha
  • IMG_3064
    La Gomera - Playa de la Guancha
  • IMG_3060
    La Gomera - Playa de la Guancha
  • IMG_3054
    La Gomera - Playa de la Guancha
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
mercoledì 21 gennaio 2015
Tag: 

Playa de la Guancha da San Sebastian

San Sebastian è il capoluogo de La Gomera: con i suoi 6000 abitanti è il centro più popoloso dell'isola ed è anche la sede del porto. Da qui Cristoforo Colombo nel 1492 salpò alla ricerca delle Indie e trovò invece quel che sappiamo. Ed è qui che, assai più modestamente, ha attraccato il nostro traghetto dopo i 50 minuti di navigazione da Tenerife. L'inizio del nostro itinerario va cercato portandosi alla estremità ovest di San Sebastian. Percorsa la strada del lungomare fiancheggiata da palmizi, ci dirigiamo verso la zona industriale dove troviamo le segnalazioni del percorso. Si tratta del sentiero che collega San Sebastian a Playa di Santiago, ma noi oggi ne percorreremo solo il primo tratto fino alla Playa de la Guancha. Subito ci troviamo alti sul paese mentre percorriamo la prima diagonale.
01-Il porto di San Sebastian de La Gomera 01-Il porto di San Sebastian de La Gomera
02-La spiaggia di San Sebastian de La Gomera02-La spiaggia di San Sebastian de La Gomera
La sera dell'arrivo non c'era già più luce e solo ora possiamo avere una bella visuale che abbraccia il porto e il paese. Aggirata una prima ventosa costa, si prosegue piacevolmente in quota fino ad affacciarsi sul tranquillo barranco del Revolcadero.
03-Margherite coprono resti di costruzioni sopra il barranco del Revolcadero03-Margherite coprono resti di costruzioni sopra il barranco del Revolcadero
04-Massicciata lungo il sentiero per la Playa de la Guancha04-Massicciata lungo il sentiero per la Playa de la Guancha
Sulla sinistra, prima di scendere verso il greto, notiamo i resti delle mura perimetrali di una vecchia abitazione mentre sopra di noi torreggia, ben in vista, il monumento al Sagrado Corazon de Jesus. Dal 1964, la grande statua protegge e sorveglia la capitale dell’isola offrendo anche un ottimo punto di belvedere. Il tepore che le pendici ricevono a queste basse quote favorisce la fioritura di cespugli di erba medica, di margherite e di una strana romice dal delicato colore rosso. Sul fondo del barranco scorre un filo d’acqua: lo intersechiamo per risalire verso la successiva ampia costa, punteggiata dagli arbusti. Su percorso sempre ben battuto si procede nuovamente in quota sul ripiano di El Veredal tra cespi di margherite dal fusto legnoso e tante euforbie verdissime. In breve si arriva ad un pulpito con panchina dal quale improvvisamente la visuale si allarga sul tratto successivo di costa.
05-La Playa de la Guancha 05-La Playa de la Guancha
06-Barranco e Playa della Guancha dal belvedere 06-Barranco e Playa della Guancha dal belvedere
Il vento continua sostenuto, ma la giornata è bellissima e si rimane inevitabilmente colpiti dal barranco de la Guancha che si snoda con i suoi meandri prima di sfociare nella omonima playa. Lo sguardo arriva anche alla successiva playa del Cabrito, ma per oggi ci limiteremo a raggiungere solo la prima spiaggia. Ora che abbiamo osservato tutto ciò che ci resta da percorrere, iniziamo la discesa perdendo rapidamente quota con una serie di tornanti in parte lastricati.
07-Playa de la Guancha 07-Playa de la Guancha
08-Le pareti rocciose a picco sulla Playa de la Guancha08-Le pareti rocciose a picco sulla Playa de la Guancha
09-Lucertola sulla Playa de la Guancha 09-Lucertola sulla Playa de la Guancha
10-Euforbia e balo presso Playa de la Guancha 10-Euforbia e balo presso Playa de la Guancha
Prima del previsto ci ritroviamo a camminare sulla spiaggetta nei pressi di una piccola costruzione risistemata. Ci fermiamo qui ad osservare le lucertole gomere che si scaldano al sole mentre l’aria agita le piante e le strutture che ci stanno attorno. La spiaggia de la Guancha, insenatura raccolta e ciottolosa, costituisce anche il punto di transito degli escursionisti diretti o provenienti dalla Playa di Santiago. Noi però non facciamo caso ai pochi che oggi affrontano la traversata: siamo troppo immersi nei suoni del vento e della risacca per uscire da questa atmosfera isolata e isolante.
11-Vegetazione a euforbie al Veredal 11-Vegetazione a euforbie al Veredal
12-Cespugli di margherite al Veredal 12-Cespugli di margherite al Veredal
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva