il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 360 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_6278
    Dolomiti di Sesto - Cima Piatta Bassa
  • IMG_6263
    Dolomiti di Sesto - Cima Piatta Bassa
  • IMG_6252
    Dolomiti di Sesto - Cima Piatta Bassa
  • IMG_6137
    Dolomiti di Sesto - Cima Piatta Bassa
  • IMG_6132
    Dolomiti di Sesto - Cima Piatta Bassa
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
sabato 11 settembre 2010

Cima Piatta Bassa dalla val Campo di Dentro

Ci troviamo anche oggi a risalire la Val Campo di Dentro per puntare a una meta decisamente poco nota: la Cima Piatta Bassa. La vicinanza con le due sorelle maggiori ha relegato questa piccola vetta a un ruolo decisamente secondario, ma oggi la giornata è incerta e ci sembra una buona idea limitare il dislivello. La prima parte dell'itinerario è in comune con l'Anello del Passo Grande dei Rondoi e a quello vi rimandiamo per arrivare al bivio con il segnavia n.9 per la forcella del Lago. Rispetto a qualche giorno fa il fondovalle è libero da nebbie e così possiamo vedere il paesaggio che in precedenza avevamo solo potuto intuire.
01-Il Campo di dentro dal rifugio Tre Scarperi01-Il Campo di dentro dal rifugio Tre Scarperi
02-Croda dei Rondoi dal sentiero02-Croda dei Rondoi dal sentiero
03-Croda e Passo Grande dei Rondoi dal bivio tra 9 e 1003-Croda e Passo Grande dei Rondoi dal bivio tra 9 e 10
Dal grande masso con panchina e cartelli seguiamo così a destra il sentiero per la forcella del Lago, ma attenzione dopo pochi minuti ad abbandonare il segnavia principale per tenersi a destra su un sentierino non segnalato ma ben evidente. E' questa la traccia che ci porterà sul ripiano della Cima Piatta Bassa senza particolari problemi. Il sentiero prende quota tra i mughi portandosi alla base di un pendio di erba e pietrisco che si risale con qualche svolta dalla pendenza più marcata. Alle nostre spalle invece si delinea sempre meglio il vallone che sale alla forcella del Lago, segnato dalle serpentine del sentiero che abbiamo appena abbandonato. La nostra traccia termina sul pendio inclinato della Cima Piatta Bassa nei pressi di un intaglio affacciato sulla Val Campo di Dentro e sul gruppo dei Baranci.
04-Il Passo Grande dei Rondoi dal sentiero per la Cima Piatta Bassa04-Il Passo Grande dei Rondoi dal sentiero per la Cima Piatta Bassa
05-Il ripiano sommitale della cima Piatta bassa05-Il ripiano sommitale della cima Piatta bassa
A questo punto è possibile salire liberamente a sinistra lungo il pendio per arrivare al punto di maggiore elevazione (m 2581): un panoramico balcone affacciato su un grandioso mondo dolomitico. Su tutte domina la mole della Cima Piatta Alta, ma lo sguardo può spaziare anche nelle altre direzioni abbracciando molte delle vette delle Dolomiti di Sesto. Siamo partiti con una bella mattinata, ma ora il tempo è in rapido cambiamento e fa piuttosto freddo. Un gruppo di escursionisti si sta avvicinando alla vetta della Cima Piatta Alta: li seguo fin dove mi è possibile con il binocolo ma in breve vengono inglobati da un nuvolone scuro e anche noi decidiamo di rientrare.
06-Forcella del Lago dalla Cima Piatta bassa06-Forcella del Lago dalla Cima Piatta bassa
07-In vetta alla Cima Piatta bassa07-In vetta alla Cima Piatta bassa
08-Le particolari formazioni rocciose della cima08-Le particolari formazioni rocciose della cima
Durante la discesa ci teniamo sul bordo settentrionale del pianoro scoprendo una particolarità geologica che ancora non avevamo visto sulle Dolomiti. Qui, infatti, affiora un tavolato calcareo che si è eroso in una infinità di lame e piramidi appuntite.
09-Il vallone che sale alla forcella dei Baranci09-Il vallone che sale alla forcella dei Baranci
10-La Val Campo di Dentro dall'orlo della Cima Piatta bassa10-La Val Campo di Dentro dall'orlo della Cima Piatta bassa
Il paesaggio è difficile da descrivere e le foto sicuramente renderanno meglio l'idea di questo particolare fenomeno. Sui bordi del tavolato i blocchetti si sfaldano mentre altre formazioni, probabilmente meno erose, sembrano dei grandi termosifoni gettati a terra. Complice anche il tempo minaccioso sulle cime circostanti ne nascono le immagini davvero singolari che vi proponiamo qui.
11-Il campo pietrificato della Cima Piatta bassa11-Il campo pietrificato della Cima Piatta bassa
12-Le formazioni rocciose sul bordo del pianoro dellla Cima Piatta bassa12-Le formazioni rocciose sul bordo del pianoro dellla Cima Piatta bassa
13-Il campo roccioso si sfalda sui bordi13-Il campo roccioso si sfalda sui bordi
14-I termosifoni di roccia14-I termosifoni di roccia
15-Intaglio lungo il sentiero15-Intaglio lungo il sentiero
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Nella stessa zona
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva