il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 182 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_7326
    Alpi Retiche - Sella Racines
  • IMG_7415
    Alpi Retiche - Sella Racines
  • IMG_7291
    Alpi Retiche - Sella Racines
  • IMG_7381
    Alpi Retiche - Sella Racines
  • IMG_7268
    Alpi Retiche - Sella Racines
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
venerdì 6 luglio 2007

Anello di Sella Racines dalla val Ridanna

Per finire degnamente la nostra permanenza in valle Isarco, oggi abbiamo programmato l’anello di Sella Racines, una escursione che, assieme alla visita a Monteneve e al giro dei sette laghi, forma un trittico imperdibile per chi voglia esplorare la zona delle miniere della Val Ridanna.
01-Le vecchie costruzioni minerarie01-Le vecchie costruzioni minerarie
02-Il rio Ridanna02-Il rio Ridanna
03-La linea della teleferica03-La linea della teleferica
04-Il sentiero minerario04-Il sentiero minerario
05-Manufatti  lungo il sentiero minerario05-Manufatti lungo il sentiero minerario
Il punto di partenza è sempre il parcheggio di fondovalle presso il Museo provinciale delle Miniere, dopo Masseria: questa volta però niente bus navetta! Lasciata l’auto, quindi, imbocchiamo il sentiero segnalato come Itinerario delle Miniere. E’ questo un percorso alternativo alla pista utilizzata per le visite guidate che risale tutta la valle di Lazzago. L’interesse storico di questo primo tratto è notevole poiché si passa accanto al complesso degli edifici e alla linea della teleferica. Il sentiero passa accanto alla linea del binario per poi utilizzare la massicciata inclinata per guadagnare quota. Dopo un tratto nel bosco in leggera salita, il percorso utilizza nuovamente la antica sede dei binari per portarsi intorno ai 2000 metri. Abbiamo appena attraversato quella che era la parte finale del lungo viaggio che il minerale di argento, piombo e zinco doveva compiere per scendere da Monteneve a fondovalle. Ancora un lungo tratto dalla minima pendenza e ci troviamo nei pressi della Posch Alm (m 2114) dove termina anche la pista di servizio.
06-Massicciata della via di scivolo06-Massicciata della via di scivolo
07-La pista che risale la valle del rio Lazzago07-La pista che risale la valle del rio Lazzago
08-La seconda via di scivolo08-La seconda via di scivolo
09-Il sentiero minerario nella parte intermedia della valle09-Il sentiero minerario nella parte intermedia della valle
10-Verso la Posch Alm10-Verso la Posch Alm
11-Terrapieno per il trasporto del minerale11-Terrapieno per il trasporto del minerale
12-Pinguicola comune12-Pinguicola comune
Senza raggiungere la malga, il nostro itinerario piega ora a sinistra (sud) sul sentiero n.13a per la sella Racines, attraversando una zona acquitrinosa e solcata da un ventaglio di rivoli. La mulattiera, comoda e ancora a tratti lastricata, rimonta il fianco sinistro della valle e, dopo una fitta serie di tornantini, arriva alla sella Racines (Ratschinger Scharte, m 2480), alto valico tra la val Ridanna e la Val Racines.
13-Zona acquitrinosa poco dopo la Posch Alm13-Zona acquitrinosa poco dopo la Posch Alm
14-Forcella Monteneve14-Forcella Monteneve
15-Il sentiero lastricato per sella Racines15-Il sentiero lastricato per sella Racines
La discesa nel versante opposto si svolge in un paesaggio simile a quello già visto in salita, ricco di prati acquitrinosi, rii e cascatelle. Presso la piccola Gleck Alm (m 2264) incontriamo un minuscolo gregge di pecore ed è qui che dobbiamo anche affrontare una breve risalita per riguadagnare il crinale della val Ridanna. Si tratta solo di raggiungere la Staudenberg Jochl (m 2380), verde insellatura affacciata su una bellissima conca alpina.
16-In discesa verso la Gleck Alm16-In discesa verso la Gleck Alm
17-Torbiere presso la Gleck Alm17-Torbiere presso la Gleck Alm
18-La Gleck Alm e i suoi abitanti18-La Gleck Alm e i suoi abitanti
La discesa che segue è una delle parti più affascinanti del percorso, che ora attraversa infiniti pendii verdi ricoperti da rododendri in fiore. Alla fine, molto più in basso, avvistiamo la pista sulla quale andremo ad innestarci. La percorriamo a fianco del torrente scendendo fino alla Mart Alm (m 1735). La pista continua verso il fondovalle raggiungendo la periferia di Masseria da dove, infine, ci si tiene a sinistra per chiudere il lungo anello.
19-La Mart Alm ancora lontana19-La Mart Alm ancora lontana
20-Pascoli alpini lungo il sentiero di discesa20-Pascoli alpini lungo il sentiero di discesa
21-Nell'orizzonte dei rododendri21-Nell'orizzonte dei rododendri
22-La Mart Alm22-La Mart Alm
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Nella stessa zona
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva