il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 80 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_6738
    Alpi dei Tauri - Punta Bianca
  • IMG_6802
    Alpi dei Tauri - Punta Bianca
  • IMG_6755
    Alpi dei Tauri - Punta Bianca
  • IMG_6878
    Alpi dei Tauri - Punta Bianca
  • IMG_6779
    Alpi dei Tauri - Punta Bianca
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
sabato 30 giugno 2007

Anello della Punta Bianca dalla Brandner Alm

Da Vipiteno risaliamo la strada che porta alla frazione di Smudres e all’agriturismo Braunhof proseguendo poi lungamente verso la Brandner Alm. Superati i tornanti e la lunga diagonale successiva, si arriva alla malga (m 1819, parcheggio lungo la strada poco prima del bivio), posta in bellissima visuale sulla valle Isarco. Decidiamo di compiere l'anello della Punta Bianca in senso orario e allora proseguiamo a piedi sulla pista che in breve si porta alla successiva costa. Qui si trova la Riedberg Alm ed anche il cartello che segnala l’inizio della salita a destra sul sentiero n.3. Partendo dai pascoli della malga si risale seguendo fedelmente l’ampio crinale ovest della nostra cima. Fin da subito si delineano in alto i profili della Cima Gallina, più a sinistra, riconoscibile per gli impianti di antenne, e della nostra meta, la Punta Bianca più a destra, col roccioso torrione sommitale. Probabilmente deve il suo nome al fatto che la vetta di pietre chiare si stacca dal pendio più scuro che la sorregge alla base. La salita prosegue costante interrotta da qualche breve pausa per fotografare le prime fioriture: sassifraghe e raponzoli.
01-L'alta valle Isarco dalla pista iniziale01-L'alta valle Isarco dalla pista iniziale
02-Ometto segnavia lungo la salita alla Punta Bianca02-Ometto segnavia lungo la salita alla Punta Bianca
03-Le pietraie prendono il posto dei pascoli sotto la Punta Bianca03-Le pietraie prendono il posto dei pascoli sotto la Punta Bianca
04-La vetta della Punta Bianca04-La vetta della Punta Bianca
Il pascolo evidentemente è ottimo anche alle quote alte dove troviamo ancora qualche mucca che si aggira brucando. Le antenne della Cima Gallina appaiono sempre più vicine, come anche si delinea bene il profondo vallone che separa le due cime. Più in alto la prateria alpina inizia a lasciare sempre più spazio alle rocce chiare e disgregate prossime alla vetta ed è su questo terreno che arriviamo alla croce della Punta Bianca (m 2714), posta pochi metri sotto la vetta e meta oggi di altri escursionisti.
05-Tutta la via di salita in un'unica immagine05-Tutta la via di salita in un'unica immagine
06-Il dirupato versante affacciato sulla val di Vizze06-Il dirupato versante affacciato sulla val di Vizze
07-Primi metri lungo il sentiero di discesa07-Primi metri lungo il sentiero di discesa
08-Discesa sul versante sud della Punta Bianca08-Discesa sul versante sud della Punta Bianca
Bellissimo il colpo d'occhio su Vipiteno e sull'imbocco delle valli laterali. Dalla cima, sempre sul segnavia n.3, c'è la possibilità di raggiungere la Cima Gallina e proseguire ancora verso nord. Noi invece abbiamo programmato un anello e scenderemo sul costone sud con percorso più lungo e forse più interessante di quello utilizzato per salire.
09-In discesa dalla vetta09-In discesa dalla vetta
10-Il rio di Vizze10-Il rio di Vizze
11-In discesa lungo il crinale11-In discesa lungo il crinale
12-La cresta presso la cima Novale12-La cresta presso la cima Novale
Seguendo i bolli rossi scendiamo dal castelletto sommitale per raggiungere la parte superiore della cresta, caratterizzata da una serie di ondulazioni: cimotti di pietra scura tra i quali si aggirano i camosci. Anche i garofanini e i semprevivi sembrano gradire l'ambiente e fioriscono numerosi sulle fessure delle rocce.
13-Lungo il percorso di cresta13-Lungo il percorso di cresta
14-Recinzioni lungo il sentiero di discesa14-Recinzioni lungo il sentiero di discesa
Dalla Cima Novale (Riedspitz, m 2490) il terreno ritorna decisamente verde con il sentiero che ora scende lungo la costa delimitata a sinistra da una recinzione. Senza toccare la punta del monte Saun, ad un bivio ci si tiene a destra scendendo in diagonale tra macchie di conifere e pendii ricoperti da rododendri fino a tornare esattamente al punto di partenza.
15-Fioriture di semprevivi15-Fioriture di semprevivi
16-Rododendri sopra la Brandner Alm16-Rododendri sopra la Brandner Alm
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva