il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 104 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_8537
    Sassolungo e Sella - Il Piz
  • IMG_8534
    Sassolungo e Sella - Il Piz
  • IMG_8502
    Sassolungo e Sella - Il Piz
  • IMG_8498
    Sassolungo e Sella - Il Piz
  • IMG_8488
    Sassolungo e Sella - Il Piz
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
giovedì 13 luglio 2006

Il Piz dalla stazione di arrivo della funivia Boè

Qualche giorno fa la finale del Campionato Mondiale di calcio ha visto la vittoria dell'Italia sulla Germania. Alla sera abbiamo partecipato ai festeggiamenti nelle vie di Corvara per l'occasione affollate di tifosi locali e turisti muniti di bandiera tricolore. Per oggi è prevista una passeggiata rilassante visto che abbiamo con noi due ospiti motivate ma non particolarmente allenate.
01-Il caratteristico paesaggio del Sella alla base del Piz da Lech01-Il caratteristico paesaggio del Sella alla base del Piz da Lech
02-Il Sassongher dalle praterie del Sella02-Il Sassongher dalle praterie del Sella
03-Le praterie prative si alternano alle rocce03-Le praterie prative si alternano alle rocce
Qui in val Badia è possibile alzarsi in quota con diversi impianti di risalita abbreviando sensibilmente i dislivelli. Con la funivia del Boè ci portiamo quindi sulle propaggini orientali del Sella per visitare una zona poco frequentata del grande cengione che scorre su tutto il perimetro del gruppo.
04-Le bastionate orientali del Piz da Lech04-Le bastionate orientali del Piz da Lech
05-Le bastionate orientali del Piz da Lech n. 205-Le bastionate orientali del Piz da Lech n. 2
06-Vista ravvicinata sul simbolo di Corvara,  il Sassongher06-Vista ravvicinata sul simbolo di Corvara, il Sassongher
Imbocchiamo da principio il sentiero che conduce verso il Piz da Lech, ma intorno a quota 2300 lo abbandoniamo per seguire le tracce che puntano verso nord. Girovagando in questo ambiente lunare tra roccette e fazzoletti erbosi arriviamo sulla quota 2490 del Piz. Non sembra di essere in una cima se non ci si sporge sul versante affacciato a strapiombo su Colfosco. Sul bel ripiano prativo fiorito presso la cima sostiamo per lo spuntino piantando la bandiera tricolore della vittoria calcistica. Forse dalla valle qualcuno col telescopio ci guarda... Con percorso diverso, seguendo il bordo dell'altopiano, torniamo sui nostri passi, avvistando diverse marmotte. La bella giornata di sole si sta ora modificando, acceleriamo l'andatura perchè inizia a piovigginare proprio mentre arriviamo alla rassicurante stazione di arrivo della funivia con la quale torneremo a valle.
07-Il Bech de Mezdì e il Pisciadù 07-Il Bech de Mezdì e il Pisciadù
08-Il Piz da Lech dal margine settentrionale del Sella08-Il Piz da Lech dal margine settentrionale del Sella
09-Il Pisciadù con il ripiano del rifugio Cavazza09-Il Pisciadù con il ripiano del rifugio Cavazza
10-Dal Piz, vista su Colfosco e Corvara10-Dal Piz, vista su Colfosco e Corvara
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Nella stessa zona
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva