il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 101 ospiti - 1 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
sabato 12 gennaio 2013
Tag: 

E' pieno di stelle quassù

Non siamo portati spesso ad osservare il cielo notturno, presi come siamo dalla fretta di entrare in casa, oppure perché il cielo delle nostre città, reso scialbo dall’illuminazione artificiale, non appare poi così interessante. In vacanza si ha maggior tempo a disposizione. Nel nostro caso, inoltre, varie letture sul cielo stellato delle Canarie, ci hanno particolarmente incuriosito. Qui il cielo notturno presenta condizioni di nitidezza e visibilità particolarmente favorevoli, se non eccezionali. Grazie a tutto questo sul Teide, il vulcano spento di Tenerife, come anche qui sull’isola di La Palma, si sono voluti costruire importanti osservatori astronomici in cui lavorano studiosi di tutta Europa ed oltre. Abbiamo approfittato della comoda strada asfaltata che percorre la cresta del Taburiente per portarci in quota. Oggi abbiamo abbinato la semplice escursione pomeridiana al vicino Pico de La Nieve con una sessione notturna di fotografie alle stelle. Guardate anche voi alcuni degli scatti alla Via Lattea che abbiamo realizzato e portato a casa. L’intenzione era di portarsi con l’auto alla quota del Roque de los Muchachos dove stazionare nelle prime ore notturne. Mentre ci dirigiamo verso la cima, diamo uno strappo ad un autostoppista inglese che sta cercando di risalire in fretta. Appena ripreso fiato, ci spiega che deve raggiungere la propria auto parcheggiata presso la cima del Roque e teme di arrivare dopo la chiusura della sbarra alle 19.00. Lo accompagnamo alla cima capendo che lo stazionamento notturno a quella quota non si può fare...
01-L'imbrunire sulla caldera del Taburiente01-L'imbrunire sulla caldera del Taburiente
Ma la strada degli osservatori ha diversi punti buoni per la sosta. Parcheggiamo l’auto presso la cresta e risaliamo per pochi minuti fino ad un mirador del crinale, portandoci dietro l’attrezzatura fotografica e la frugale cena. Tra poco il sole tramonterà ed è bene che per quel tempo i cavalletti siano posizionati e il materiale radunato in ordine negli zaini. Con l’oscurità, anche con le lampade frontali, è facile dimenticare in giro qualcosa. Mangiamo in piedi, c’è troppa polvere per sedersi, mentre indossiamo indumenti più pesanti. Anche alle Canarie di notte rinfresca, in fondo siamo a circa 2300 metri. Lo spettacolo non tarda a farsi vedere con i colori che il cielo ci riserva prima della notte. Arriva pian piano il crepuscolo e si accendono di luci le città della costa.
02-Le pendici della caldera del Taburiente, le nubi e il cielo limpido02-Le pendici della caldera del Taburiente, le nubi e il cielo limpido
Poi si accende qualche stella ma aspetto ancora il buio totale: ma verrà? Anni fa, durante la visita guidata alla miniera della Val Ridanna in Alto Adige, stavo camminando col gruppo di turisti all’interno della galleria da circa mezzora. La guida ci dice di fermarci e spegnere le lampade frontali per capire che cosa è il buio totale e assoluto. Eravamo dentro la roccia di una montagna, senza spiragli luminosi che filtrano da sotto la porta della vicina stanza, senza i led dei tanti aggeggi che tutti abbiamo in casa, neanche la luna dalle fessure della finestra… E’ davvero il buio più totale, la prima cosa che manca è l’orientamento. Ma torniamo a La Palma. A mano a mano che passano i minuti la volta sopra di noi diventa sempre più scura e contemporaneamente si accende di centinaia di punti luminosi. Lontani come siamo da fonti luminose, alla quota di oltre 2300 m con un cielo pulito, abbiamo sopra di noi lo spettacolo mai visto di una densità di stelle straordinaria, animato solo da qualche piccola luce di satelliti vaganti in movimento. "mio Dio, è pieno di stelle quassù..." direbbe Sir Arthur Clarke. Chissà a San Lorenzo che spettacolo da qui.
03-Luci vicine e lontane nel cielo stellato dell'isola di La Palma03-Luci vicine e lontane nel cielo stellato dell'isola di La Palma
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Ricerche
In evidenza
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva