il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 101 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_2231
    La Palma - Roque de Los Muchachos
  • IMG_2202
    La Palma - Roque de Los Muchachos
  • IMG_2153
    La Palma - Roque de Los Muchachos
  • IMG_9466
    La Palma - Roque de Los Muchachos
  • IMG_2147
    La Palma - Roque de Los Muchachos
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
giovedì 10 gennaio 2013
Tag: 

Roque de Los Muchachos

Visto che la giornata si presenta bella e stabile (come del resto saranno quasi tutte le giornate trascorse sul'isola), oggi abbiamo deciso di andare in alto. Il Roque de Los Muchachos a 2426 m è la vetta più elevata della cresta della caldera del Taburiente. Una rotabile raggiunge e percorre gran parte della cresta a pochi metri dalle cime soprastanti. Mentre ci portiamo in quota, percorriamo l'isola sul versante ovest punteggiato di mandorli fioriti. La strada porta, più in alto, agli osservatori astronomici: il cielo sopra le Canarie possiede condizioni di visibilità e nitidezza eccezionali.
01-Speroni rocciosi sui fianchi della caldera - Roque de Los Muchachos01-Speroni rocciosi sui fianchi della caldera - Roque de Los Muchachos
02-Gli intensi colori della caldera - Roque de Los Muchachos02-Gli intensi colori della caldera - Roque de Los Muchachos
Proseguiamo in auto fino al Mirador de Los Andenes dove strada e sentiero coincidono per pochi metri. Il sentiero principale è il 131, con segnavia bianco e rosso come da noi. Naturalmente prendiamo la direzione per il Roque de Los Muchachos. Si aggira uno sperone e si arriva in vista di una insellatura rossastra. Pochi minuti dopo passiamo attraverso l’apertura che si apre nella Pared de Roberto: un vero e proprio muro di roccia sottile che sembra stare in piedi per caso, probabilmente un filone di lava rimasto in piedi dopo l'erosione delle rocce che lo attorniavano.
03-Il traverso sulla forcella di terra rossastra - Roque de Los Muchachos03-Il traverso sulla forcella di terra rossastra - Roque de Los Muchachos
04-Uno sguardo sul fondo della caldera - Roque de Los Muchachos04-Uno sguardo sul fondo della caldera - Roque de Los Muchachos
05-Il sentiero verso la Pared de Roberto - Roque de Los Muchachos05-Il sentiero verso la Pared de Roberto - Roque de Los Muchachos
Il sentiero poi si destreggia tra pinnacoli colorati con la visuale che si apre sul fondo della caldera del Taburiente con i suoi barrancos, i picchi, la playa del Taburiente visitata nell'escursione del giorno prima, fino all'oceano. Bellissimi sono i colori delle stratificazioni rocciose della cresta che si allunga fino al Roque de Los Muchachos. Si cominciano ad intravedere anche le candide cupole degli osservatori astronomici.
06-Sull'apertura della Pared de Roberto - Roque de Los Muchachos06-Sull'apertura della Pared de Roberto - Roque de Los Muchachos
07-Il sentiero sulla cresta del Taburiente - Roque de Los Muchachos07-Il sentiero sulla cresta del Taburiente - Roque de Los Muchachos
Una breve discesa e poi nuovamente la salita che ci porterà al ripiano nei pressi dei primi osservatori. Qui c’è anche il cippo di pietra che indica la cima Fuente Nueva (m 2366). Da qui ormai vediamo bene il Roque de los Muchachos, dal quale ci separa ancora una insellatura. Infatti il sentiero cala ad una selletta da dove inizia la salita conclusiva che si svolge tra le ginestre.
08-Lame rocciose sui fianchi della caldera - Roque de Los Muchachos08-Lame rocciose sui fianchi della caldera - Roque de Los Muchachos
09-Filoni colorati  nella roccia lavica - Roque de Los Muchachos09-Filoni colorati nella roccia lavica - Roque de Los Muchachos
10-Gli accesi colori lungo la cresta del Taburiente - Roque de Los Muchachos10-Gli accesi colori lungo la cresta del Taburiente - Roque de Los Muchachos
11-Osservatori astronomici sulla cresta del Taburiente - Roque de Los Muchachos11-Osservatori astronomici sulla cresta del Taburiente - Roque de Los Muchachos
Si attraversa un terreno polveroso, rossastro, come rosse sono anche le rocce. Infine con qualche piccola svolta si esce in cima al Roque de Los Muchachos (m 2426), esattamente sul parcheggio delle auto. C'è in noi un po' di delusione: la cima è raggiunta anche dalla strada asfaltata. E' chiaro che essendo la vetta più alta consente una bella vista sulla caldera, ma non ci dà la soddisfazione che meriterebbe. Proseguendo su un costone vicino è possibile raggiungere un punto panoramico più esposto sulla caldera (e lontano dalle auto in parcheggio). Ma oggi alcuni operai stanno lavorando al tracciato e il breve percorso risulta chiuso. Sulla vetta si trova anche un piccolo edificio del centro visite del Parco e cartelli ilustrativi sugli osservatori.
12-Il sentiero sulla cresta, si noti la sottile lama di roccia - Roque de Los Muchachos12-Il sentiero sulla cresta, si noti la sottile lama di roccia - Roque de Los Muchachos
13-In cima al Roque de Los Muchachos13-In cima al Roque de Los Muchachos
Le condizioni straordinarie del cielo delle isole Canarie, necessarie ai moderni osservatori astronomici, hanno determinato la scelta di porre sull'isola diverse strutture scientifiche. Le nuvole infatti si formano solo a quote inferiori e sopra gli osservatori il cielo è sempre sereno (un po' diversa dalla situazione nel nord est d'Italia). Assieme all'osservatorio del Teide sull'isola di Tenerife, il sito appartiene all’Istituto di astrofisica delle isole Canarie e conta oggi la presenza di più di 60 istituzioni scientifiche appartenenti a vari paesi compresa l’Italia. Anche noi ci ripromettiamo di venire quassù ad osservare le stelle una delle prossime notti.
14-Gli osservatori astronomici: sempre al di sopra delle nuvole - Roque de Los Muchachos14-Gli osservatori astronomici: sempre al di sopra delle nuvole - Roque de Los Muchachos
15-Il sentiero lungo la cresta corre quasi a fianco della strada - Roque de Los Muchachos15-Il sentiero lungo la cresta corre quasi a fianco della strada - Roque de Los Muchachos
16-Formazioni rocciose nella caldera del Taburiente - Roque de Los Muchachos16-Formazioni rocciose nella caldera del Taburiente - Roque de Los Muchachos
Dopo la sosta in vetta torniamo all'auto ripercorrendo volentieri il tragitto dell'andata, con la luce pomeridiana che ci fa apprezzare ancor di più gli accesi colori di quest'isola.
17-Stratificazioni colorate della roccia lavica - Roque de Los Muchachos17-Stratificazioni colorate della roccia lavica - Roque de Los Muchachos
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Nella stessa zona
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva