il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 57 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_3965
    Fanes Sennes Braies - Strudelkopf
  • IMG_3948
    Fanes Sennes Braies - Strudelkopf
  • IMG_3899
    Fanes Sennes Braies - Strudelkopf
  • IMG_3964
    Fanes Sennes Braies - Strudelkopf
  • IMG_3943
    Fanes Sennes Braies - Strudelkopf
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
mercoledì 29 febbraio 2012

Strudelkopf da Prato Piazza

Una escursione facile su una cima a 2307 m: lo StrudelKopf (monte Specie). Io preferisco il nome tedesco, più invitante e mangereccio. In questo inverno scarso di neve è stato possibile senza l'ausilio delle ciaspe compiere questa passeggiata.
Dalla Val Pusteria, tra Monguelfo e Villabassa, si punta a sud e si entra nella valle di Braies. Dove la strada si biforca prendiamo a sinistra per Pratopiazza. Poco prima della località che da' il nome al passo e all'Hotel, è possibile parcheggiare l'auto (1979 m). La località ricca di morbide ondulazioni, in pieno sole, è sede di una pista di fondo molto frequentata, almeno finchè la neve regge il calore.
Dopo aver costeggiato i due Hotel, proseguiamo lungo la strada tra i rivoletti d'acqua di fusione della neve.
01-Il forte presso il rifugio Vallandro01-Il forte presso il rifugio Vallandro
Quasi in quota arriviamo al rifugio Vallandro, presso il quale si trova il vecchio forte, oggetto di recenti interventi di manutenzione. Da qui si stacca sulla sinistra il sentiero segnato CAI 34 per lo StrudelKopf (monte Specie).
02-Un bell'esemplare di cembro sulle pendici dello StrudelKopf02-Un bell'esemplare di cembro sulle pendici dello StrudelKopf
03-Sulle pendici dello StrudelKopf03-Sulle pendici dello StrudelKopf
04-Il gruppo del Cristallo dalle pendici dello StrudelKopf 04-Il gruppo del Cristallo dalle pendici dello StrudelKopf
Tra gli ultimi cembri sparpagliati sul morbido pendio, saliamo sulla poca neve che lascia spazio a quale chiazza di erba affiorante. Alla Strudelsattel troviamo anche i ruderi di una casermetta.
05-Ruderi presso la StrudelSattel05-Ruderi presso la StrudelSattel
06-La casermetta alla StrudelSattel06-La casermetta alla StrudelSattel
07-La morbida insellatura della StrudelSattel07-La morbida insellatura della StrudelSattel
Dalla sella percorriamo facilmente i pochi metri di dislivello che ci separano dalla cima in ambiente via via meno innevato seguendo le tante tracce di passaggio.
08-In cima allo StrudelKopf08-In cima allo StrudelKopf
09-Le Tre Cime di Lavaredo dalla cima dello StrudelKopf09-Le Tre Cime di Lavaredo dalla cima dello StrudelKopf
In vetta allo StrudelKopf ci attende una grande croce e una fila di bandierine tibetane. Siamo arrivati con poca fatica a quota 2307 m da dove si apre un magnifico panorama sulle Tre cime, sulla Croda Rossa, sul Cristallino di Misurina, oltre che sul vicino Picco di Vallandro. Un cielo strano, minaccioso ma spesso anche blu fa da cappello alle Dolomiti creando di tanto in tanto magnifici giochi di luce.
Il Picco di Vallandro dalla cima dello StrudelKopfIl Picco di Vallandro dalla cima dello StrudelKopf
Commenti
  • 25/03/2019 Dormitona al rifugio Prato Piazza, parecchio caldo, alle 8 il termometro indica +1°, e siamo a quota 2000!!! Ricca colazione da rifugio e poi via, sotto un sole già alto, due carezze all'immobile Tina, il monte Specie sarà la meta odierna; per la situazione attuale dei sentieri conviene scendere fino al rifugio Vallandro e da lì mirare alla Strudelsattel seguendo le numerose tracce presenti; salendo gli ultimi metri di dislivello la vista si allarga, beh, la cima è certamente un bel pulpito. La sosta sarà piuttosto lunga, nel frattempo una lunga fila di escursionisti raggiungono il punto di osservazione, nitidamente si vede il Picco di Vallandro con decine di persone accanto alla grande croce, gli occhi fan una panoramica: da est la Croda dei Baranci e le Tre Cime, il monte Piana, il gruppo del Cristallo e l'imponente Cristallino, nitide le Cinque Torri e l'Averau, Piz des Conturines e La Varella, la dirimpettaia ed onnipresente Croda Rossa,spunta anche la Croda del Becco, accanto, silenziosa, c'è la Grande Piramide, tanto per citare le cime che riconosco. Discesa dapprima lungo il sentiero 34 e poi 37, a tratti piuttosto stretto e ripido che deposita nei pressi delle ultime case di Carbonin
  • Invia un commento
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Nella stessa zona
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva