il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 87 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_3203
    Madera - Pico Ruivo
  • IMG_3179
    Madera - Pico Ruivo
  • IMG_3142
    Madera - Pico Ruivo
  • IMG_3210
    Madera - Pico Ruivo
  • IMG_3202
    Madera - Pico Ruivo
BlogSentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
venerdì 13 gennaio 2012
Tag: 

Pico Ruivo da Achada do Teixeira

Il Pico Ruivo (Picco Rosso), la quota più elevata dell'isola di Madera con i suoi 1862 m, è raggiungibile con più percorsi. Quello più breve e senza nessuna difficoltà è l’itinerario che parte da Achada do Teixeira (m 1592) via Pico das Pedras, e con circa 300 m di dislivello raggiunge prima il rifugio e poi la cima. Quindi è una escursione adatta per un giorno di semi-riposo.
Durante il percorso in auto per raggiungere l'inizio dell'escursione, notiamo fitti boschi di eucalipti dal lungo fusto liscio di colore rosato violetto. Provate ad annusare le foglie, hanno un aroma fantastico.
01-Gli Homem em Pè01-Gli Homem em Pè
Lasciata l’auto nella area di sosta Achada do Teixeira (il parcheggio presenta un fondo di terriccio rosso), il cartello e un inequivocabile largo sentiero lastricato indicano la via.
Ma prima è d’obbligo visitare gli Homem em Pè. La deviazione richiede solo pochi minuti. Dal parcheggio, nella direzione opposta al cartello per il Pico, parte un sentiero che raggiunge una costruzione (al momento della nostra visita chiusa). La si aggira sulla destra e si scende tra cespugli di erica: in breve appaiono alla nostra vista gli Homem em Pè (in inglese viene tradotto come Standing Men, per noi sono Uomini in piedi). Si tratta di enormi blocchi di basalto scuro appoggiati uno sull’altro in varie colonne allineate, come blocchetti di costruzioni, che ricordano una fila di persone. Sullo sfondo il blu del mare della costa settentrionale. Immagine da cartolina.
02-Le formazioni rocciose degli Homem em Pè02-Le formazioni rocciose degli Homem em Pè
Tornati sul sentiero (ma quale sentiero? Qui tutto il fondo è lastricato perfettamente) per il Pico prendiamo a salire morbidamente sulla linea di cresta molto panoramica lungo la quale sono stati eretti tre piccoli ripari in pietra, dai tre lati e tetto spiovente.
03-Piccolo ricovero in pietra verso la vetta del Pico Ruivo03-Piccolo ricovero in pietra verso la vetta del Pico Ruivo

04-Il sentiero che proviene dal Pico do Arieiro04-Il sentiero che proviene dal Pico do Arieiro
Evitata sulla destra una antecima, la vista si apre sul sentiero intagliato nella roccia che si snoda dal Pico do Arieiro al Pico Ruivo. Un incendio ha devastato nel 2010 le pendici dei picchi più alti che ora appaiono punteggiate da tronchi scheletriti.
05-Segni dell'incendio del 201005-Segni dell'incendio del 2010
Dopo l'ultimo ricovero ci innestiamo sul sentiero che proviene dal Pico do Arieiro con il quale si raggiunge in breve il rifugio Casa do Abrigo. E' gestito e frequentato, ci fermiamo volentieri a prendere qualcosa. La prosecuzione per la cima passa da un primo belvedere dal quale si può apprezzare il lungo crinale che si allontana verso l’Encumeada, sede di un altro interessante percorso.
06-Il rifugio Casa do Abrigo06-Il rifugio Casa do Abrigo

07-Il cippo sulla cima del Pico Ruivo07-Il cippo sulla cima del Pico Ruivo
La vetta vera e propria, anch’essa lastricata e protetta da passamani, è dotata del caratteristico cippo centrale bianco e squadrato. Siamo a 1862 m, nel punto più alto dell'isola.
08-I colori della cima08-I colori della cima

09-Il sentiero di accesso al Pico Ruivo09-Il sentiero di accesso al Pico Ruivo
Qui in cima il vento che ci ha accompagnato dal parcheggio per buona parte della salita è completamente cessato e la sosta risulta gradevole. La popolazione dei turisti è sempre molto variegata per nazionalità e per vestiario; c’è addirittura chi (penso si tratti di persone nordiche) sale e sosta con sandali, shorts e canottiera … e si tratta di donne che di solito sono freddolose… la maggioranza veste giacche a vento e scarponi da montagna ma ho visto anche chi saliva con scarpe da città (erano da città, dopo l’escursione sicuramente saranno state da buttare).
10-Il tormentato crinale che si allontana verso l'Encumeada10-Il tormentato crinale che si allontana verso l'Encumeada

11-La selletta poco sotto la Casa do Abrigo11-La selletta poco sotto la Casa do Abrigo


Alcune note per l'escursione:
Difficolta: T
lunghezza: 6,2 km
dislivello: 300 m
tempo percorrenza complessivo AR: 3h:00
Commenti
A cura di
Scegli una zona
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Ricerche
In evidenza
Nella stessa zona
Ultimi postIscrizione feed RSS - Richiede LogIN
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva