il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 37 ospiti - 0 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_0577
    Sulla dorsale del monte San Martino da Clastra a Topolò
    Prealpi Giulie
  • IMG_1059
    Sulla dorsale del monte San Martino da Clastra a Topolò
    Prealpi Giulie
  • IMG_0658
    Sulla dorsale del monte San Martino da Clastra a Topolò
    Prealpi Giulie
  • IMG_1108
    Sulla dorsale del monte San Martino da Clastra a Topolò
    Prealpi Giulie
  • IMG_1029
    Sulla dorsale del monte San Martino da Clastra a Topolò
    Prealpi Giulie
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaF40

Sulla dorsale del monte San Martino da Clastra a Topolò

Avvicinamento

Da Cividale si esce in direzione di Sanguarzo e Ponte San Quirino e da qui si seguono le indicazioni per San Leonardo. Dopo avere oltrepassato il ponte sull'Alberone e le case di Cemur fare attenzione ad imboccare il bivio per Clastra sulla sinistra. In breve si raggiungono le case della piccola frazione e la chiesa presso la quale si può parcheggiare (m 384). Per iniziare l'escursione si torna indietro qualche metro fino ad incontrare le segnalazioni CAI per il monte San Martino.

Descrizione

Si sale lungo la strada cementata che in breve si trasforma in tratturo e attraversa una bella distesa prativa caratterizzata dalla presenza di querce e grandi castagni. Dopo un breve tratto boscato il sentiero esce nuovamente su prati punteggiati dalle fioriture della primula comune. Un cartello indica la possibilità di traversare direttamente la vetta del monte San Bartolomeo (Sv Arnej, m 624) mentre il segnavia CAI ufficiale ne aggira sulla sinistra le pendici occidentali. In ogni caso ci si ritrova alla insellatura a quota 540 dove si lascia a destra un bivio che scende nel versante del torrente Cosizza. Il sottobosco tra febbraio e marzo si ricopre di spettacolari fioriture di crochi a cui si accompagnano altre specie precoci quali il bucaneve, la bicolore polmonaria e l'elleboro verde. Seguendo le indicazioni per S.Lucia si prosegue lungo la dorsale con qualche modesto saliscendi andando a confluire su una pista di esbosco che in breve raggiunge la quota 582 m. Qui è stata eretta la chiesa di Santa Lucia, probabilmente risalente alla prima metà del Cinquecento e recentemente ristrutturata. Nel sottobosco fanno la loro comparsa numerose specie primaverili quali l'erba trinità ed il fior di stecco mentre nelle schiarite volano i primi esemplari di vanessa c-bianco e vanessa atalanta.
Altri cartelli segnalano la possibilità di scendere a Brizza nel versante dell'Alberone. Noi invece proseguiamo dietro la chiesa dove il segnavia CAI sale, aggirando una piccola elevazione. Dopo essere ridiscesi ad una insellatura si abbandona definitivamente la pista per salire un tratto ripido tra roccette affioranti. Con percorso più articolato si raggiunge la vetta del monte Sant'Egidio (m 634) dove si trovano i ruderi della omonima chiesa ora invasi dagli arbusti. Del piccolo edificio rimangono in piedi l'arco del portale d'ingresso ed una parte dei muri perimetrali. Il sentiero prosegue tenendosi prevalentemente sul lato sinistro della dorsale. Con qualche modesto saliscendi si raggiunge anche l'insellatura a quota 632 dove si possono osservare i resti di alcune abitazioni. A destra un sentiero segnalato scende a Grimacco mentre noi seguiamo il segnavia CAI aggirando piacevolmente le pendici del Nad Dolino fino a raggiungere la piazzola dove ci si innesta su una pista forestale. Si divalla leggermente nel bosco che ora si si è arricchito di faggio, acero di monte e betulla poi la pista attraversa una macchia di abete rosso ed esce infine sulla strada asfaltata in corrispondenza del passo di San Martino (m 663).
Il sentiero prosegue a fianco della piccola ancona salendo in modo più deciso fino ad un tornante della pista forestale che si stacca dal passo. Seguendo le segnalazioni CAI si riprende a salire sul margine di un prato inclinato guadagnando per la seconda volta la strada sterrata. La si segue per un tratto costeggiando una parete rocciosa con bella visuale sul vicino monte Matajur ora accompagnati da un corteggio di fioriture che comprende crochi, bucaneve, farferugine ed epatiche. Avvicinandosi alla vetta il segnavia si sdoppia lasciandoci più volte la possibilità di scegliere se proseguire lungo la pista o tagliare per il sentiero diretto. Se si decide per quest'ultimo si raggiunge la crestina sommitale e quindi la minuscola e rocciosa del monte San Martino (m 987, libro di vetta, notevole panorama sulle valli circostanti). La presenza di un versante scosceso verso est e la pulizia dagli arbusti consentono una buona visuale sul monte Nero e sulla dorsale del Colovrat. Anche verso sud il panorama è apprezzabile tanto da riuscire a scorgere anche il mare se l'atmosfera è limpida. Pochi metri sotto la vetta si trova la chiesa di San Martino, anch'essa recentemente ristrutturata e di origini molto antiche che sembrano risalire al XIII secolo.
A questo punto se disponiamo di un secondo automezzo ad attenderci a Topolò possiamo proseguire la traversata altrimenti si ritorna a Clastra utilizzando il medesimo itinerario. Nella prima ipotesi, proprio dalla vetta si stacca la prosecuzione del segnavia CAI che abbiamo utilizzato per giungere fino qui. Si scende nel bosco del versante settentrionale in modo deciso, su terreno un poco scivoloso. Successivamente la pendenza si appiana ed il sentiero confluisce nella pista forestale che in breve ci porta alla bocchetta di Topolò (m 810). Qui ci si innesta sul segnavia CAI n.745 che divalla sulla destra della dorsale. Con un piacevole traverso si assecondano pendici boscate punteggiate dalla fioritura delle polmonarie. Più avanti si oltrepassano alcuni vecchi stavoli ed un rio ormai in vista delle case di Topolò. Il sentiero raggiunge infine la chiesa del paese (m 501) dalla quale si scende ancora andando ad infilarsi tra le vie del caratteristico borgo. Tenendo infine la destra si arriva all'ingresso del paese ed al piazzale dove arriva la strada asfaltata e dove avremo predisposto il secondo automezzo.

Avvertenze

Non disponendo del secondo automezzo fare attenzione al discreto sviluppo di quasi 18 km che assume l'escursione. Volendo abbreviare sensibilmente il percorso è possibile salire direttamente con l'auto fino al passo di San Martino.

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri dei Fiori
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Febbraio
Carta Tabacco
041
Dislivello
800
Lunghezza Km
11,1
Altitudine min
384
Altitudine max
987
Tempi
Dati aggiornati al
2016
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 06/03/2018 4 marzo 2018: dopo la settimana del Burian e prima di un nuovo peggioramento del tempo, c’è da afferrare al volo questa domenica con meteo favorevole. Itinerario effettuato come da indicazioni della guida, da Clastra al San Martino e ritorno per la stessa via. Il sentiero è in ordine, largo, ben segnalato e ottimamente tenuto dal CAI Valnatisone, che ha provveduto a ripulirlo anche da alcuni recenti schianti. Fino al Passo San Martino si svolge con pendenza sempre molto dolce e piccoli ma continui saliscendi in bei boschi, in particolare di castagni (alcuni esemplari notevoli nel tratto di traversata sotto il San Bartolomeo e anche più oltre). Non ci sono punti panoramici, a parte qualche piccolo squarcio e la cima, ma la mole bianca del Matajur che si scorge tra i rami ancora spogli ci accompagna per un buon tratto di cammino. Molto belle le due antiche chiesette ristrutturate di Santa Lucia e San Martino e suggestivi anche i ruderi di Sant’Egidio, con il loro arco in pietra, ultima testimonianza di tempi più gloriosi. Pendenza un po’ più sostenuta e una trentina di centimetri di neve dal Passo di San Martino alla cima, neve che al ritorno col disgelo si fa fango e rende infida la discesa. Al rientro, troviamo la nuova baita del CAI Valnatisone aperta, i gentilissimi ed appassionati custodi Lucia e Paolo ci invitano ad entrare e ci mostrano anche l’interno, evidentemente curato con amore. Su loro consiglio, facciamo anche una puntatina ad ammirare un enorme castagno monumentale, che si trova nei pressi: dal Passo San Martino, scendere brevemente sul versante di Grimacco, fino a trovare, sulla destra, una baracca di legno e, subito dopo, una presa d’acqua in cemento; esattamente dall’altra parte della strada (sulla sinistra), un cartello CAI ben visibile con la scritta “Castagno monumentale” segnala l’avvio del sentierino in discesa che, in un paio di minuti, porta alla maestosa pianta. La deviazione è molto breve, tra andata e ritorno non richiede più di ¼ d’ora, sarebbe un peccato perdersi lo spettacolo! Ridiscesa tranquilla fino a Clastra, il velo di neve che avevamo trovato al mattino si è sciolto lasciando il sentiero piuttosto umido. Fioriture limitate e concentrate nella parte bassa, i rari crocus hanno evidentemente sofferto del gelo. Tempo di percorrenza complessivo di 5.45 ore (3.10 andata, 2.35 ritorno), con la deviazione per il castagno e i saliscendi del ritorno abbiamo misurato un dislivello complessivo di circa 950 metri e 18,3 km di sviluppo. Mandi a tutti!
  • 03/12/2017 Optato oggi per questa tranquilla sgambatina, meta monte S. Martino e ritorno per la stessa via. Percorso che non offre grandi scorci, salvo che a tratti e sulla cima, zero incontri a parte un cagnetto , taglia piccola, marron chiaro che al parcheggio ha lungamente annusato me e lo zaino, deve aver deciso che si, forse potevo fare al caso suo e ha trotterellato a distanza fino alle pendici del San Bartolomeo, sarà forse stato lo stesso meticcio che ha accudito Marco? Terra ben dura, ghiacciata, ma sgombra da neve fino a quota m,834quanto il sentiero abbandona la comoda pista e si innalza a destra per risalire le pendici del monte San Martino, un paio di centimetri, dura che non crea alcun problema. Vetta al sole, sgombra da vegetazione consente all'occhio di rifarsi; discesa veloce per la via di salita
  • 30/10/2017 Arrivati al rifugio Pelizzo,nuvole basse e nebbia densa e acquosa ci hanno fatto desistere dal salire il M.te Matajur e quindi ridiscesi a valle abbiamo deciso di finire la gita interrotta qualche settimana fa. Saliti al p.sso di S. Martino e lasciata l'auto nei comodi spazi li disponibili, siamo saliti per il sentiero lasciandoci la comoda e rilassante caraccera per il rientro. Ambiente magico, reso ancora più bello dal clima nebbioso, in cima ovviamente il panorama era precluso dalle nuvole ma la sosta per il pranzo al sacco nel portico della chiesetta di S.Martino ci ha ritemprato anima e corpo. Consiglio questa salita anche alle famiglie con bambini in quanto la strada da noi usata per scendere è sempre in lieve pendenza e comunque breve. Un saluto a Paolo e Lucia, custodi della baita del Cai Val Natisone che ci hanno accolto con simpatia e gentilezza. Buone gite a tutti. Alberto e Alessandra.
  • 25/09/2017 Partiti da Clastra un po' tardi, (10,15) ci siamo fermati a circa un quarto d'ora dal passo prima dell'attacco per il M.te S. Martino. Il percorso è bellissimo in questa stagione, ancora boschi rigogliosi e castagne dappertutto, tutto ben segnalato e tracciato. Eravamo praticamente da soli.Ci ritorneremo sicuramente a breve per completarlo. Consigliata vivamente una sosta all'agriturismo "Al Melo Innamorato" di Clastra, titolare gentilissimo e appassionato del suo lavoro, acquistato miele buonissimo...Alberto e Ale.
  • 08/02/2015 08/02/2015-Compiuta oggi la salita lungo la dorsale al monte San Martino e rientro. Calma assoluta di vento ma neve fin da sotto; ghiacciato il traverso sul versante Ovest del Monte San Bartolomeo (ramponcini); parecchia neve anche sulla cimetta (la tettoia della chiesa di San Martino offre un riparo asciutto) a dispetto del Matajur che (almeno sembra da qui) è meno innevato a dispetto della quota maggiore. Bella sgambata; primule semisepolte dal bianco manto. Alla prossima.
  • 18/01/2015 Sentiero splendido e ottimamente segnato, ma problematico dopo piogge come quelle dei giorni scorsi; scivolosa in particolare l'ascesa al monte S.Martino, che al ritorno ho evitato passando per la rotabile.Oltre 20km di giro senza neve alcuna.
  • 16/02/2014 Giovedì 13 ho raggiunto il Monte San Martino partendo da Clastra. Ritorno per il medesimo itinerario.Ho tentato la traversata del Monte San Bartolomeo abbandonando,momentaneamente,il sentiero CAI. Purtroppo la vegetazione crea disorientamento e la traccia migliore che ho trovato in quella selva(bolli bianco-rossi,comunque),dava l'impressione di condurre a Prehod,quindi sono tornato sui miei passi e ho proseguito senza concedermi alcun colpo di testa.Il sentiero è sempre ben segnalato,facile e rilassante,a parte la salita finale.La lunghezza dell'escursione,come da me intrapresa,necessita di una certa resistenza,comunque.Problemi possono nascere dopo periodi di pioggia.Il bosco in questione poggia su terrenti argillosi molto scivolosi.Sono stato accompagnato,fin dalla partenza,da un formidabile cane meticcio di taglia medio-piccola.Si è avvicinato a me in silenzio e per 7 ore mi ha accudito,con una docilità e un'attenzione,nei miei riguardi,veramente commovente.Pareva un'esperta guida turistica.Sembrava conoscere ogni metro del sentiero.Non lo dimenticherò.Auguro a tutti voi esperienze simili.Ciao
  • 03/03/2013 (fatto il due marzo)Dopo aver annusato la primavera nella vicina valle del monte S. Giovanni la settimana prima, tra fioriture e neve ho scelto una lunga passeggiata fino al monte S. Martino e ritorno a Clastra convinto di passare da miriadi di colori al bianco candido. Due ellebori verdi all’inizio del percorso parevano scuotere il capolino… nuje ce fa…la primavera qui si fa attendere. tanto candore ha reso comunque speciale un itinerario dolce e rilassante di per sé.. (ancora tratti con 10-20 cm di neve!). Unica divergenza dal libro è l’arrivo a S. Lucia: dietro la chiesa ora è facile prendere tracce diverse e baruffare coi rovi…. Il sentiero marcato prosegue a destra un attimo prima di salire sulla chiesa aggirando l’elevazione. Avvistamento a quattro zampe: un lupo…..cecoslovacco, meraviglioso canide con la sua compagna di vita trascinata dall’impeto di zanna bianca….
  • 07/03/2010 Itinerario fatto oggi, ben tracciato. Desidero segnalare che si segue il sent.761, mentre nella scheda e anche sulla carta tabacco (almeno quella che ho io sicuramente datata) non è indicato alcun numero.Loredana
  • 26/03/2008 Percorso oggi solo fino al Passo di S.martino, pieno di neve oltre i 600 mt. Una bella camminata, sentiero segnato molto bene
  • 20/02/2008 abbiamo fatto il percorso il 09.02.2008...partendo da Cernizza...Prehod...poi la dorsale spiegata nell'itinerario...variante per il ritorno: si scende dal passo a Grimacco da cui, per strada bianca si torna a mezza costa a Cernizza...veramente bei posti...selvaggi...comunque sentieri e segnaletiche sempre ok!
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Il castagno monumentale di Passo San Martino
    06/03/2018 Il castagno monumentale di Passo San Martino
  • Chiesetta di San Martino
    06/03/2018 Chiesetta di San Martino
  • La piccola cima innevata del Monte San Martino
    06/03/2018 La piccola cima innevata del Monte San Martino
  • La Baita del CAI Valnatisone sopra al Passo di San Martino
    06/03/2018 La Baita del CAI Valnatisone sopra al Passo di San Martino
  • Graffito sui muri di Sant'Egidio
    06/03/2018 Graffito sui muri di Sant'Egidio
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
Webcam più vicine
  • Webcam Prato di Resia
  • Webcam Prevala
  • Webcam Piani Montasio 1
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva