il portale dell'escursionismo montanoInvia una mail a SentieriNatura Utente anonimo 227 ospiti - 2 utenti 
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • Traduci questa pagina con Google Traduttore
  • IMG_9017
    Anello del Monticello da Moggio
    Alpi Carniche
  • IMG_8527
    Anello del Monticello da Moggio
    Alpi Carniche
  • IMG_8357
    Anello del Monticello da Moggio
    Alpi Carniche
  • IMG_8544
    Anello del Monticello da Moggio
    Alpi Carniche
  • IMG_8422
    Anello del Monticello da Moggio
    Alpi Carniche
SentieriNaturaAggiungi ai preferiti - Richiede LogIN
I percorsi di SentieriNaturaV26

Anello del Monticello da Moggio

Avvicinamento

Dalla statale 13 Pontebbana si prende la deviazione per Moggio attraversando il ponte sul Fella. Senza raggiungere il centro del paese si devia a sinistra per Moggio Alto oltrepassando l'Abbazia. Si prosegue per via Abbazia e quindi a sinistra per via Cjavecis fino all'inizio di una strada cementata dove conviene parcheggiare (m 413 cartello segnavia CAI n.421).

Descrizione

Questa descrizione e la relativa scheda di approfondimento sono disponibili nel volume I Sentieri del Vento
Sentieri CAI
Escursione
Mese consigliato
Ottobre
Carta Tabacco
018
Dislivello
1000
Lunghezza Km
13,5
Altitudine min
413
Altitudine max
1362
Tempi
Dati aggiornati al
2013
I vostri commentiVisualizza tutti i commenti
  • 29/10/2016 Yesterday's excursion (October 28). No problems, the traverse from Stavoli Borghi to the mulattiera to Monticello is really exposed. I remember this part since my first visit to Monticello in 1990.
  • 16/01/2016 Con la sua panoramica cimetta ci aveva stregati qualche anno fà e desideravamo ritornarci,e con la bella giornata di oggi (anche se freddina)....obbiettivo raggiunto. Il bel sent.421 con un pò di neve ghiacciata a tratti e invaso da numerosi rami non pregiudica la decisa salita verso la cima.Scaldati da un tiepido sole a intervalli e un vento freddo,che non ci impedisce di assaporare la meravigliosa visuale sulle cime ...ora imbiancate ...Mandi
  • 09/07/2015 Percorso il 5/7/2015, sentiero per lunghi tratti quasi completamente invaso dall'erba e alta concentrazione di zecche.
  • 23/11/2014 23/11/2014-Saliti al Monticello per la via descritta in discesa. Poca neve dalle caverne alla cima dove abbiamo incontrato tre coppie di escursionisti, italiani e austriaci e una gradevole temperatura. Sentiero e cartelli indicatori: tutto in perfetto ordine. Buone camminate.
  • 17/06/2014 Ripercorso oggi, giornata di mezzo sole e vento sulla piccola cima, maggiociondoli e ginestre lussureggianti, ottimo sentiero che l’erba rispetta e non invade, in due ore nette si è in cima senza dannarsi troppo, monte che strizza l’occhio alla maestosa Grauzaria e al possente Pisimoni
  • 13/01/2014 Percorso in data 12.1.2014: giornata stupenda, totale assenza di neve, in salita per il sent. 420, passando per la Forca, in discesa per il sent. 421; salendo, al bivio per la cima del Monticello (diritti), può trarre in inganno il cartello "frazione Badiuz" che indica il sentiero a destra: si tratta del sentiero 421, che scende a Moggio, c'è anche un piccolo cartello "421" ma è meno visibile rispetto all'altro (o almeno io non l'ho notato subito); poco dopo la caverna, per traccia a sinistra breve deviazione per la cima secondaria a nord (croce in legno, meritevole); in discesa dal Monticello ho seguito la panoramica cresta sud (traccia evidente e percorso intuibile, con qualche bollo rosso, ometto all'uscita sul sentiero principale, visibile già salendo).Nel complesso appagante escursione, adatta alla stagione, molto panoramica nella parte alta (Creta Grauzaria su tutto!); a mio avviso, in presenza di neve può risultare delicato soprattutto un breve passaggio in traversata nel bosco (esposto), scendendo lungo il sent. 421 verso Moggio, subito dopo il bivio per il Monticello.Buone escursioni a tutti!
  • 28/12/2013 27/12/2013. Saliti nuovamente al Monticello, adatto anche al periodo invernale. Le prime luci del mattino che promettevano giochi di sole sono subito scomparse per dar posto ad una giornata coperta a dir poco. Poco freddo per la stagione; neanche un velo o una formazione di ghiaccio; neve sulla mulattiera solo a cento metri sotto la cima. La mulattiera (sul sito descritta per la discesa) consente una salita dalla pendenza omogenea e rilassante come accade in poche altre escursioni... Incontriamo un gruppo di persone che risale da Moggio in Mtb: i tenaci ripetono oggi la salita compiuta anche la vigilia di Natale con pioggia e nebbia. Buone ultime escursioni dell'anno!
  • 28/05/2012 Avevo adocchiato questo cupolotto dal Pisimoni e lo avevo lasciato per altra stagione, altro meteo ed alla fine è giunto il suo turno. All'alba meteo incerto e penso che essendo un percorso che si sviluppa quasi totalmente nel bosco andrà bene comunque. Pista cementata, un anziano a spasso col suo bel cane color pannacotta, inizio nel silenzio totale , no auto, no vento, no uccelli, no voci, ai bordi qualche elegante margherita, fiore essenziale che non chiede nulla e qualche flessuosa aquilegia; seguo sempre la pista principale che è cementata fino alla casa con crocefisso. Poi diventa un bel sentiero il cui fondo è ricoperto da aghi, supero un'ancona , dietro è ancora posizionato il vecchio tabernacolo vuoto ed arruginito, poco oltre una teleferica con accanto ciotoli e sassi. Le fioriture sono scarse, anemoni, pochi mughetti, qualche bianca orchidea e giaggiolo susinario anche al centro del calpestio; il bosco poi si dirada, diventa luminoso, il sole filtra ed il sentiero sembra un pallido nastro fra l'erba verdissima. Stavolo Borghi è un piccolo mucchio di pietre, da lì il segnavia sale ripidamente aggirando un paio di grossi massi (mi ricordano il 727 per Zaiavor), il sentiero a tratti esile costeggia un breve tratto esposto e dopo qualche svolta si innesta al 421 che sale dalla Forca; a destra cartello in legno indicante Monticello e quello seguo evitando la cresta delle betulle (in realtà mi è sfuggita l'indicazione). Il segnavia si fa strada fra rododendri e ginestre prossime alla fioriture, un orbettino si ritira nella sua tana, un bruco verdissimo mi passeggia sui pantaloni: ma quanta clorofilla si sarà mai fatto? Laggiù a sinistra riconosco la cappelletta di Moroltz, ecco la caverna, anocra poco e sono in cima, la croce, il libro di vetta, il punto trigonometrico ed il panorama con l'incombente mole della Grauzaria. Il sole invita a fermarsi su questa cima silenziosa, nessun suono lungo il percorso (solo un cuculo lontano e il rumore attutito dei miei passi), nessun profumo (solo una zaffata di cneoro nei pressi della caverna). Ridiscendo al bivio, 3 grossi formicai in fermento, una clematide si è schiusa, qualche genziana di Clusius; il percorso fino alla forca è veloce; prosecuzione lungo il sv 421 fra numerosi esemplari di felce femmina; al ripiano con vecchia panca un'occhiata alle Moggesse e poi giù di nuovo lungo la mulattiera: Questo è un tratto monotono perchè non offre panorami, solo qualche sprazzo ogni tanto; sono a Moggio, arrivo al guado, risalgo dall'altra parte e..accidenti quante ortiche!!!!! Piazzetta con fontana, ancora a sinistra ed ecco la pista cementata, una scrollata e una controllata alle zecche ed archivio anche questo percorso semplice, gradevole, adatto ad ogni stagione.Loredana
  • 22/12/2011 Percorso in data 18/12/11, qualche cm di neve, tutto ok. Prestare un pò di attenzione dallo stavolo del Borghi alla fine del traverso, soprattutto con neve. Percorsa in discesa la cresta sud, facile anche con neve e molto panoramica.
  • 08/03/2010 Percorso sabato 06/03/2010 però in senso contrario e arrivando a La Forca per il sentiero 420 che inizia a borgo Travasans di Moggio. Poi senza nessuna difficoltà in cima e quindi discesa per il sentiero 421. Non ho percorso la cresta sud del Monticello. C'erano tracce sulla neve per cui qualcuno l'ha percorsa ma io no e non posso dire niente sulla percorribilità. In definitiva non difficile anche se qualche traverso sotto la cima e qualche tratto in discesa a causa della neve richiede cautela ed attenzione.
  • 15/11/2008 Percorso oggi 15/11 co un tempo splendido. Attenzione all'inizio a non imboccare il 420 invece della strada
  • 08/07/2004 Sentiero CAI: 418, 420, 421. da località Riu di Moggio Udinese a Monte Monticello, etc.... Non sitratta di inagibilità dei sentieri sopra descritti, ma il pericolo è la notevole presenza di zecche lungo tutto il percorso (ci sono comunque dei cartelli ormai sbiaditi che segnalano tale fastidiosa presenza). nicola.saccomano@tiscali.it
  • Invia un commento
Le vostre fotoVisualizza tutte le fotoi
  • Visuale dalla cimetta vicina
    17/01/2016 Visuale dalla cimetta vicina
  • una caverna
    17/06/2014 una caverna
  • lo stavolo Borghi
    17/06/2014 lo stavolo Borghi
  • la cima
    17/06/2014 la cima
  • Cima del M. Cesariis, m975. . . morenz@tele2.it
    19/03/2010 Cima del M. Cesariis, m975. . . morenz@tele2.it
  • Invia una foto
I vostri tracciatiVai al forum GPS
Le vostre escursioniVai alla mappa localizzazioni
Mappa Scarica il tracciato kml Scarica il tracciato gpx Visualizza mappa dettagliata - Apertura su nuova finestra
Profilo altimetrico
Altre escursioni in zona
SentieriNaturaTV
Webcam più vicine
  • Webcam Paularo Zermula
  • Webcam Creta d'Aip
  • Webcam Madrizze
© Redazione di SentieriNatura - Udine, - Ivo Pecile & Sandra Tubaro - Sito ottimizzato per una risoluzione di 1024x768 - Privacy & Cookies - Powered by EasyDoc - Webdesign by Creactiva